Allarme Napolitano, da antagonismo sale il rischio di violenze

Pubblicato il 04 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Per l’Italia crescono i rischi di tensioni sociali: il nostro Paese è sempre più schiacciato da una terribile minaccia esterna, quella dell’Isis, ormai a ridosso dei nostri confini, ed una interna rappresentata dalle frange antagoniste e dall’estremizzazione del confronto politico-sociale sempre più pericolosamente adagiato “su contrapposizioni ideologiche datate e insostenibili”. E’ questo il preoccupato allarme che ha lanciato oggi Giorgio Napolitano dal Quirinale nella giornata dedicata alle Forze Armate. Il capo dello Stato non ha nascosto la propria preoccupazione per una pericolosa tenaglia di minacce che gravano sull’Italia e si è trovato a dover ricordare un principio apparentemente scontato: cioè che le regole vanno rispettate. “La conflittualità è alimentata da ogni estremismo, che rifiuta pregiudizialmente il dialogo e la ragione, ed è alimentata da situazioni di profonda diseguaglianza”, ha premesso il presidente. Ma per abbassare la conflittualità “bisogna in primo luogo misurarsi con problemi di giustizia, ovvero di garanzia del rispetto delle regole”. Ovviamente il capo dello Stato non almanacca le categorie interne dell’antagonismo italiano ma in questi anni la parola antagonista viene spesso collegata a frange del movimento “no-Tav”, anarchici e ad alcuni centri sociali particolarmente radicati nel nord Italia. Certamente l’appello del presidente mira decisamente più in alto quando sottolinea che una “stabilizzazione” del Paese può avvenire solo con “una affermazione crescente dei principi dello stato di diritto, nel rispetto reciproco e nel dialogo operoso tra ispirazioni e concezioni diverse”. La parola chiave è “rispetto reciproco” e il presidente la indirizza da tempo a tutti i settori della società, politica compresa. Infatti, è il ragionamento del capo dello Stato, mentre la crisi non accenna ad allontanarsi bisogna ragionare insieme nel merito delle scelte da compiere rinunciando a battaglie di “principio” ormai datate. Di fronte poi al cumularsi di tensioni esterne sempre più minacciose, “ormai ai confini dell’Italia”, come quella rappresentata dall’avanzata inarrestabile dell’Isis sarebbe bene moderare i toni all’interno e rimanere nei “principi dello Stato di diritto”. Non bisogna perciò sottovalutare le “aggressive forme di estremismo e di fanatismo” che rischiano di “insediarsi” in Italia “infiltrandone progressivamente la società”, ha spiegato Napolitano alla presenza del ministro della Difesa Roberta Pinotti. Si tratta di “una minaccia reale, anche militare”, ha aggiunto introducendo un secondo argomento strettamente correlato. In questa fase non bisogna cedere a perduranti richieste di tagli alla Difesa: “Penso che da parte di ogni paese Nato – ha spiegato – si debba esser seri nel prendere decisioni, che non possono mai avallare visioni ingenue, non realistiche, di perdita di importanza dello strumento militare”. Forse non a caso poco dopo il ministro della Difesa Pinotti annunciava che “presto l’Italia avrà nuovi compiti nella lotta contro l’Isis”.  (di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

19:02Champions: Al Khelaifi avvisa il Real

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Abbiamo molto rispetto per il Real Madrid, saranno due grandi partite, i tifosi vivranno due magici match, a Madrid e nel Parc des Princes. Noi dobbiamo essere pronti a giocare contro tutte le squadre e arriveremo preparati all'appuntamento". Così il presidente del Psg, Nasser Al Khelaifi, in una dichiarazione sul sito del club, subito dopo il sorteggio di Nyon che ha messo di fronte negli ottavi di Champions ai campioni di Francia i campioni d'Europa. Questa sarà la quarta volta in cui il club parigino e il Real Madrid si affrontano in Europa.

18:53Maltempo: tracima il fiume Entella a Chiavari

(ANSA) - GENOVA, 11 DIC - Il fiume Entella a Chiavari (Genova) ha tracimato dopo aver raggiunto i livelli di guardia ingrossato dai suoi principali affluenti, il Lavagna e lo Sturla, che raccolgono la pioggia dell'intera vallata. Spettacolare la portata d'acqua alla foce dove il fiume trova una imponente mareggiata che di fatto ne impedisce parzialmente il deflusso. Anche a Riva Trigoso onde di sei metri impediscono alle acque del torrente Petronio di defluire provocando una progressiva erosione del litorale. (ANSA).

18:40Dimesso muore dopo 20 giorni, pm ordina riesumazione salma

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Dimesso perché in buone condizioni di salute, muore dopo circa venti giorni. E' un giallo il decesso di un 83enne avvenuto il 10 settembre scorso a Carloforte, sull'isola di San Pietro, dopo un incidente stradale nel quale era rimasto vittima circa un mese e mezzo prima, il 30 luglio. Il pubblico ministero del tribunale di Cagliari, Alessandro Pili, ha ora chiesto la riesumazione del corpo. Questa mattina i consulenti della Procura hanno proceduto al recupero della salma che era stata tumulata ormai da tre mesi. L'ipotesi su cui sta indagando la magistratura è quella di omicidio colposo a carico del conducente dell'auto che aveva travolto la bicicletta su cui procedeva l'anziano pensionato. Il pm ha incaricato per le nuove perizie il medico legale dell'Università Nicola Lenigno, mentre la difesa e l'avvocato della parte offesa - nominato dalla famiglia - hanno indicato i propri consulenti. L'automobilista è assistito dall'avvocato Mario Maffei. Dopo l'incidente e il ricovero all'ospedale Sirai di Carbonia, l'anziano era stato trasferito al Brotzu di Cagliari, dal quale in seguito era stato dimesso. Circa venti giorni dopo è avvenuto il decesso. Ora la Procura cercherà di accertare se esistano relazioni tra la morte e l'incidente stradale.(ANSA).

Archivio Ultima ora