L’America vota per il Congresso, referendum su Obama

Pubblicato il 04 novembre 2014 da redazione

NEW YORK. – America ai seggi per le elezioni di midterm: in ballo ci sono il rinnovo dell’intera Camera dei rappresentanti e di un terzo del Senato, oltre alla poltrona da governatore in 34 Stati. Questa volta però gli elettori – che secondo i sondaggi giudicano il Congresso uscente come uno dei peggiori della storia – hanno considerato il loro voto anche come una sorta di referendum sul presidente Obama, da mesi in calo costante di consensi. Tanto che il presidente stesso e’ sembrato alquanto pessimista in una telefonata ad una radio del Connecticut, con ancora le operazioni di voto in corso. Per i democratici siamo di fronte al peggior scenario possibile dai tempi di Dwight Eisenhower, ha detto, aggiungendo che “ci sono molti stati in bilico che tendono verso i repubblicani”. E la tendenza a tirare in ballo l’operato di Obama è stata di fatto alimentata anche dagli stessi candidati, di entrambi i partiti. In campagna elettorale i democratici hanno infatti cercato di prendere il più possibile le distanze dall’inquilino della Casa Bianca, preferendo avere come ‘sponsor’ l’ex presidente Bill Clinton o la sua ex first lady e possibile candidata presidenziale, Hillary Clinton. A loro volta i repubblicani si sono impegnati in ogni modo a criticare Mr President, mettendo l’accento sulla sua politica, piuttosto che sulla loro. In particolare, o repubblicani non hanno presentato un vero programma, ma hanno invece alimentato il risentimento o i timori per l’economia, l’Ebola o l’Isis. Uno dei ‘big’ del partito, John McCain, è arrivato anche ad affermare che con una maggioranza Gop al Senato, oltre che alla Camera, Obama verrebbe sottoposto a pressioni crescenti per rafforzare la sua strategia contro lo Stato islamico, anche inviando truppe sul campo. “Immaginate cosa questo presidente potrà fare negli ultimi due anni del suo mandato se non vinciamo la maggioranza del Senato”, è stato ad esempio lo spauracchio lanciato in una manifestazione elettorale dal candidato senatore repubblicano in North Carolina, Thom Tillis. Sulla vittoria al Senato i repubblicani si sono giocati tutto, concentrandosi in particolare su cinque degli Stati chiave: Montana, West Virginia, South Dakota, Arkansas e Louisiana. Ma è stata battaglia anche in altri cinque, più incerti: Alaska, Colorado, Iowa, North Carolina e New Hampshire. Fondamentale anche il Kansas, dove però ha sparigliato un candidato indipendente, Greg Orman. Quello su cui ha puntato molto la macchina democratica è stata l’affluenza al voto per fare la differenza. Questo perché nonostante queste siano le elezioni di midterm più costose della storia Usa, con un conto da oltre quattro miliardi di dollari, sono state anche le meno seguite dagli elettori. Normalmente, le elezioni di metà mandato vedono un numero limitato di elettori alle urne, compreso tra il 39 e il 42 per cento. Anche per questo gli elettori sono stati più volte esortati ad andare a votare anche dallo stesso Obama, che anche nel giorno del voto ha continuato a mantenere un basso profilo, senza apparizioni pubbliche – solo la telefonata alla radio del Conncticut – ma ancora per esortare ad andare a votare nonostante le difficoltà registrate in alcuni seggi dello stato. In una battaglia così serrata, ogni voto conta, dunque, ma per i risultati definitivi potrebbero volerci anche un paio di mesi, poiché in due Stati chiave, Georgia e Louisiana, è previsto che i candidati vadano al ballottaggio se nessuno di loro ottiene il 50 per cento più uno dei voti, e stando ai sondaggi, oggi nessuno sembra in grado di ottenerli: qualora andasse così, in Louisiana lo ‘spareggio’ ci sarà il 6 dicembre, in Georgia invece il 6 gennaio, ovvero tre giorni dopo la data prevista per l’insediamento del nuovo Congresso. (di Stefano de Paolis/ANSA)

  • Deve essere divertente per qualcuno vedere come tutti corrano a destra e a sinistra, fanno campagne politiche ed elezioni quando gia’ sanno che tutto e’ prefissato alla partenza.
    Che significato hanno queste mascherate quando e’ chiaro che Jeb Bush sara’ alla Casa Bianca nel 2016 ed ogni promessa fatta dal politico di zona non avra’ piu’ alcun valore?
    Oggi i tanti tumulti ed un crescente diffuso malcontento andrebbero rivisti in un piu’ grande contesto e non semplicemente entro l’ambito della politica locale.
    Stiamo ora oltrepassando una delle fasi di un Complotto mondiale di cui anche tu fai parte ovunque tu sia.
    Non ti lasciare incantare dai media. Il Complotto mondiale non e’ una teoria.
    Con 2.3 trillioni di dollari dichiarati ufficialmente smarriti dall’amministrazione Bush il giorno prima dell’Undici Settembre ed altri 2 trillioni rubati fra l’affare del “Savings and Loans” ed Enron pochi Sionisti come la famiglia Bush e Dov Zakheim sono ora in attesa del totale collasso del sistema finanziario mondiale e di una Guerra Mondiale di Religioni.
    Manovrano da dietro le quinte mentre si preparano per il 2016.
    Investono i loro soldi per generare caos, terrore e disperazione in ogni luogo preparando cosi’ un palco ideale per Jeb Bush.

    Una volta riconosciuto l’obbiettivo del Complotto tutto il resto sara’ facile da comprendere e prevedere. Inoltre sembrera’ non aver piu’ alcun senso continuare a giocare al Monopoli quando qualcuno ha gia’ rubato tutti i soldi.

    http://www.wavevolution.org/it/humanwaves.html

Ultima ora

08:45Honduras: sorella presidente morta in incidente elicottero

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 17 DIC - Hilda Hernandez, sorella del presidente dell'Honduras Juan Orlando Hernandez, è morta, con altre cinque persone, in un incidente di elicottero, schiantatosi su una montagna vicino alla capitale Tegucigalpa. La donna, 51 anni, era addetta alle comunicazioni per il fratello, ed era stata ministro dello sviluppo sociale durante la precedente amministrazione dell'allora presidente Porfirio Lobo. L' elicottero militare trasportava Hernandez, quattro membri della sua scorta e un pilota. Era decollato dall'aeroporto internazionale di Tegucigalpa alla volta della sua residenza a Comayagua, 60 chilometri dalla capitale. Poco dopo, l'aeronautica ha dato il velivolo per disperso. I resti dell'elicottero sono stati poi trovati sulle montagne vicine a Tegucigalpa, senza sopravvissuti. Hernandez è coinvolto in una disputa sulle elezioni presidenziali in cui ha conquistato il 43% dei voti contro il 41,4% del candidato di opposizione Salvador Nasralla. Il vincitore non è stato ancora proclamato ufficialmente.

08:43Russiagate: Mueller accede a migliaia email transition team

(ANSA) - WASHINGTON, 17 DIC - Il team del procuratore speciale per il Russiagate Robert Mueller ho ottenuto l'accesso a migliaia di email private mandate e ricevute da collaboratori di Donald Trump prima che si insediasse alla Casa Bianca. Materiale, riferisce l'Ap, di cui gli investigatori sono venuti in possesso non chiedendo direttamente al transition team del tycoon ma attraverso la General services administration, che spesso archivia i documenti della transizione presidenziale nei suoi computer. Una mossa che potrebbe sollevare obiezioni legali. Un avvocato del transition team ha gia' inviato una lettera al Congresso per segnalare che all'indagine di Mueller sono state fornite "rivelazioni non autorizzate" da parte di questa agenzia federale. Il materiale comprende comunicazioni di una decina di dirigenti all'epoca della transizione, tra cui Michael Flynn, che ha raggiunto un accordo con gli inquirenti per aver mentito all'Fbi.

04:33Savoia: salma Vittorio Emanuele III in arrivo dall’ Egitto

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - La salma di Vittorio Emanuele III è partita da Alessandria d'Egitto dove era sepolta nella cattedrale di Santa Caterina, per rientrare in Italia a bordo di un volo militare atteso stamani attorno alle 11. Lo ha riferito il Gr1 di Radio Rai, precisando che alla partenza erano presenti familiari e l'ambasciatore italiano al Cairo Giampaolo Cantini. Le spoglie del sovrano, a quanto si è appreso, sarebbero state portate da Alessandria in un aeroporto militare nelle vicinanze del Cairo, punto di partenza per l'Italia a bordo di un aereo militare. Il velivolo dovrebbe atterrare in mattinata in uno scalo militare del Piemonte, e la bara dovrebbe essere poi traslata al Santuario di Vicoforte, accanto a quella della regina Elena, sebbene alcuni familiari premano ancora per la traslazione nel Pantheon.

01:35Calcio: Francia, Psg a valanga e il Monaco resta a -9

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Il Paris Saint Germain risponde alla vittoria di ieri del Monaco infliggendo una dura lezione al Rennes, battuto 4-1 in trasferta con una doppietta di Neymar e gol di Cavani e Mbappè. I parigini, dopo 18 giornate, mantengono il +9 di vantaggio sui monegaschi. Fari puntati domani sulla sfida Lione-Marsiglia, match clou che mette di fronte due squadre in corsa per la Champions ed è una grande occasione per gli ospiti, guidati da Rudi Garcia sono in corsa per il secondo posto. Nonostante i gol di Balotelli, il Nizza annaspa al settimo posto e domenica ospita il Bordeaux. Tra le altre partite di oggi, il Digione ha battuto 3-0 il Lille e sale al settimo posto a quota 24, dove si trovano anche lo Strasburgo, che ha battuto 2-1 il Tolosa, e il Caen, che invece non è andato oltre lo 0-0 in casa col Guingamp. Seconda vittoria stagionale per il fanalino di coda Metz, che è riuscito a imporsi 3-1 a Montpellier.

01:05Calcio: Roma, Di Francesco “vittoria sofferta ma importante”

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - "Questa gara era importante, avevo dato un segnale, e l'abbiamo vinta soffrendo. Si parla sempre degli episodi, che sono importantissimi, ma noi avremmo potuto fare gol prima. Abbiamo subito il primo tiro contro dopo 83', abbiamo sempre fatto la gara contro un Cagliari molto organizzato ma noi abbiamo voluto fortemente la vittoria. Ci teniamo stretti questi 3 punti". Lo ha detto l'allenatore della Roma, Eusebio Di Francesco, dopo la vittoria al 94' sui sardi. "Abbiamo concesso pochissimo in difesa, il Cagliari non ci ha permesso di essere aggressivi ma abbiamo avuto una grande supremazia territoriale - ha proseguito -. Dovevamo essere più cinici e cattivi, dobbiamo lavorare ancora di più. Ma io non sono d'accordo sulla prestazione negativa, abbiamo fatto la partita. Abbiamo tirato in porta 20 volte, dovevamo essere più precisi".

01:03Cile: frana per piogge torrenziali, 3 morti e 15 dispersi

(ANSA) - SANTIAGO, 16 DIC - Piogge torrenziali nel sud del Cile hanno causato una frana che ha sommerso un villaggio: almeno tre persone sono morte e altre 15 risultano disperse. Lo riferisce il viceministro dell'Interno Madmud Aleuy, aggiungendo che le vittime sono due donne e un turista non ancora identificato. Le piogge hanno causato l'esondazione di un fiume vicino a una collina franata su 20 delle 200 case del villaggio di Villa Santa Lucia, nella regione meridionale di Los Lagos. La presidente Michelle Bachelet ha riferito su Twitter che i servizi di emergenza stanno lavorando dell'area "per soccorrere le persone colpite". Alcuni feriti sono stati evacuati in elicottero. (ANSA)

01:01Omicidio cestista Nba Lorenzen Wright, arrestata moglie

(ANSA) - WASHINGTON, 16 DIC - Per l'uccisione nel 2010 dell'ex giocatore di basket Nba Lorenzen Wright, la polizia di Memphis ha arrestato l'ex moglie Sherra, 46 anni, e un suo coetaneo, Bill Turner, accusati ora di concorso nell'omicidio. Le forze dell'ordine non hanno reso noto cosa le abbia portate ai due e il movente del delitto, ma la svolta sarebbe stata impressa dal ritrovamento dell'arma usata nell'aggressione, in un lago vicino a Walnut, Mississippi, 75 miglia a est di Memphis. Il corpo di Wright, che allora aveva 34 anni, fu trovato alla periferia della città in stato di decomposizione dieci giorni dopo la sua scomparsa. Aveva diverse ferite d'arma da fuoco. Il cestista aveva giocato nell'Nba per 13 anni in 5 squadre, tra cui quella di Memphis.

Archivio Ultima ora