Renzi, il patto del “Nazareno” scricchiola ma non scappo

Pubblicato il 06 novembre 2014 da redazione

MILANO. – “Il patto del Nazareno scricchiola”. Lo dice per inciso, quasi fosse una battuta. Ma lo dice chiaro e tondo, Matteo Renzi: “Altro che se scricchiola!”. A Silvio Berlusconi ha chiesto una risposta in tempi brevi sulla legge elettorale: non intende farsi trascinare nella palude parlamentare dalle divisioni interne al suo partito sul Jobs act, figurarsi da quelle interne a FI. E lo dimostra l’accordo con i 5 Stelle per l’elezione di Silvana Sciarra alla Consulta.  “Da sindaco”, rivendica parlando alla platea dell’Anci, ha imparato che di fronte alle difficoltà non si fa “il coniglio”, non si scappa o ci si chiude nel palazzo, ma ci si mette in gioco. E nel giorno in cui i sindacati dell’Alcatel Lucent fanno le sue auto bersaglio di un nuovo lancio di uova, il premier raccoglie la sfida e rilancia: “Con quelle uova ci faccio le crepes”. La “battaglia” per portare l’Italia fuori dalla crisi va avanti su tutti i fronti, anche quello europeo: Juncker e i suoi dicono di non essere burocati? “Lo dimostrino”. All’indomani dell’incontro con Berlusconi, Renzi scherza con un sindaco: “Un’apertura a Forza Italia fammela fare, già c’è il patto del Nazareno che scricchiola…”. E’ l’ultimatum al Cavaliere. L’avvertimento che non è disposto ad aspettare oltre e che intende portare a casa le riforme e la legge elettorale, che FI ci stia oppure no. “Speriamo di avere anche il consenso delle opposizioni”, dice in serata il premier parlando a una cena di finanziamento del Pd, con parole che sembrano allargare il perimetro dell’accordo. “Lo dica se vuole rompere il patto”, domanda l’azzurro Toti, attribuendogli tentazioni di rottura. Mentre in Parlamento si rincorrono i sospetti che si avvicini l’appuntamento con le urne, nonostante la volontà ribadita dal leader Pd di voler arrivare alla fine della legislatura, portando a casa, una alla volta, le riforme messe in cantiere. La partita va avanti su più tavoli, come il presidente del Consiglio mette in chiaro nel suo lungo pomeriggio milanese. “Non ho mai detto che la commissione Ue sia un covo di burocrati, ma ora che l’hanno detto loro…”. Parlando da un’azienda nel milanese, nel cuore di quella che la “Silicon Valley brianzola”, Renzi spiega di non voler “fare polemiche con le autorità europee”. Ma poi assesta la sua stoccata: “Se non vogliono chiudersi nel recinto dorato nella burocrazia”, se non vogliono esser chiamati “burocrati”, i vertici europei devono trovare il “coraggio” di “liberare dalle catene del patto di stabilità” gli investimenti “sul futuro”. Ovvero, “le risorse per innovazione, banda larga e tecnologia”. Se non fosse abbastanza chiaro, il presidente del Consiglio fa capire che non si lascia scoraggiare dagli ammonimenti del nuovo presidente della commissione europea, Jean Claude Juncker. Anzi, ribadisce, la “battaglia” dell’Italia per il cambiamento in Europa va avanti. Perché anche dati “molto tristi” come quelli diffusi oggi dall’Ocse, che segnalano la frenata dell’economia dell’Eurozona come un rischio a livello mondiale, possono essere considerati “incoraggianti” per il cambiamento. “Dimostriamo che l’Europa può tornare a crescere”, è l’appello di Renzi, dai toni di una sfida, soprattutto quando spiega che l’emblema delle storture dell’Ue è la vicenda dell’Ast di Terni, che non sarebbe sull’orlo della chiusura se anni fa Bruxelles non ne avesse bloccato la vendita. Ma basta con il “piagnisteo” delle “occasioni perdute”: “Il nostro tempo è adesso”, dice il premier. Che in serata a Milano, davanti alla platea dell’Anci, punta il dito contro chi l’ha preceduto, quei politici e tecnici che hanno “funestato” l’Italia con il loro “atteggiamento remissivo, rinunciatario e miope” che si limitava a contenere i danni e non scommettere al rialzo. Ai sindaci Renzi promette non solo per l’anno prossimo la Local tax, ma anche che nel 2016 sarà nella dichiarazione dei redditi precompilata. E avverte le Regioni che non consentirà di riversare i tagli sui comuni. In serata un ultimo appuntamento, la cena di finanziamento elettorale del Pd. Occasione di raccolta di fondi e sostegno alla sua azione.

Ultima ora

07:57Terremoti, sequenza sismica nel Canale di Sicilia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Sequenza sismica nel Canale di Sicilia: nella notte si sono registrate almeno 5 scosse di terremoto di magnitudo superiore a 2, le più forti di 3.9 e 3.7 alle 2:13 e alle 2:59. Epicentri circa 60 km a sud della ragusana Modica. Già ieri altre due scosse di magnitudo 3.5 e 3.6 erano state registrate nella zona tra le 12 e le 13. Non si segnalano danni a persone o cose.

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

Archivio Ultima ora