Renzi, no a scontro su lavoro. Camusso, l’ha innescato lui

Pubblicato il 07 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Ancora un duro botta e risposta, a distanza, tra il premier Matteo Renzi ed il leader della Cgil, Susanna Camusso. “Guai a pensare che si possa fare del mondo del lavoro il terreno dello scontro”, dice il presidente del Consiglio dall’inaugurazione del nuovo stabilimento di Piaggio Aerospace a Villanova d’Albenga, in provincia di Savona. E’ “stato Renzi a innescare lo scontro sul lavoro”, dividendo anche i lavoratori (tra “pubblici e privati, tra stabilizzati e non stabilizzati”, tra i ‘vecchi’ e i ‘nuovi’) e togliendo i diritti invece di estenderli, e quindi tocca a lui “risolverlo”, ribatte il numero uno del sindacato di corso d’Italia. Che poi rincara: “Noi ci mettiamo la faccia, stiamo con i lavoratori e prendiamo le manganellate”, riferendosi agli scontri tra operai e forze dell’ordine al corteo per l’Ast della scorsa settimana. Al centro la riforma del mercato del lavoro. “Il Jobs act estende diretti e doveri. Camusso riconosca questo ed il dialogo sarà più facile”, afferma il presidente del Pd, Matteo Orfini, replicando a sua volta alle affermazioni del segretario generale della Cgil.  A Torino, invece, ospite della Job fair ‘Io lavoro’ per un incontro sulla Garanzia giovani, il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, viene contestato da alcuni studenti, secondo cui “il Jobs act è una farsa: ci renderà ancora più precari e senza garanzie”, sostengono. “Con il Jobs act vogliamo invertire la situazione attuale che vede l’85% dei contratti precari” attivati, risponde Poletti, tornando invece a difendere la delega sul lavoro, ora in commissione Lavoro della Camera. Già nei giorni scorsi il premier, intervenendo all’assemblea degli industriali a Brescia, aveva parlato di “un disegno per dividere il mondo del lavoro” (tra “lavoratori e padroni”) andando allo “scontro verbale e non solo”. E aveva ammonito a non “sfruttare il dolore dei cassintegrati e dei disoccupati” per attaccare il governo. Pronta era arrivata la replica della Cgil (“evoca fantasmi e complotti”), secondo cui la strada intrapresa da Renzi “è proprio quella che divide il Paese”. Il premier torna, quindi, sull’appello già “fatto” e che “rifarò”, dice parlando proprio della riforma del mercato del lavoro, affinché ci sia la “capacità di non mettere gli uni contro gli altri” (“si possono avere idee diverse, opposte, è normale, è la bellezza del confronto e della dialettica democratica” ma “guai”, appunto, a farne un terreno di scontro). Affinché ci sia il senso di “appartenenza” alla fabbrica, al luogo di lavoro, dice citando Gaber. Per Camusso, invece, Renzi “deve interrogarsi sulla linea che ha proposto”, quella “della divisione”, e “deve risolvere lo scontro”. E la premessa è che “dobbiamo ragionare su un mondo del lavoro unito e unitario e per questo la prima condizione è togliere di mezzo le divisioni e le volontà di ulteriori divisioni”. Di qui la necessità, per la Cgil, di mettere in campo una “politica economica anziché fare i ragionieri”, davvero a sostegno dell’occupazione e dell’industria: insomma “il governo deve cambiare verso”. Tra le richieste, oltre al pressing per modificare la legge di Stabilità e il Jobs act (il Paese “ha perso negli ultimi anni 16 miliardi per la corruzione e non per l’articolo 18”), il leader della Cgil rilancia anche quella di estendere gli 80 euro agli incapienti. A difendere la delega sul lavoro torna anche Poletti che sottolinea in particolare il “segnale dato” sui contratti a tempo indeterminato (con gli sgravi per le assunzioni stabili) e assicura le risorse per gli ammortizzatori sociali.

Ultima ora

09:16Catalogna:morto procuratore capo Madrid,accusò secessionisti

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - E' morto sabato in Argentina, dove aveva accusato un malore, il procuratore capo dello stato spagnolo Josè Manuel Maza, che aveva guidato l'accusa contro i leader secessionisti catalani. Lo riferisce El Pais. Maza, 66 anni, si era sentito male - soffriva di diabete - durante una riunione delle procure ibero-americane a Buenos Aires ed i medici gli avevano consigliato il ricovero. Il premier spagnolo Mariano Rajoy ha espresso le condoglianze del governo alla famiglia, agli amici ed ai suoi colleghi. Maza aveva chiesto tra l'altro l'incriminazione per sedizione dei leader delle istituzioni catalane, a partire da Carles Puigdemont, dopo la proclamazione dell'indipendenza.

08:43Usa: Casa Bianca, telefonata Trump-Macron su Libano e Siria

(ANSA) - WASHINGTON, 19 NOV - Donald Trump ha parlato sabato con il presidente francese Emmanuel Macron della situazione in Libano e in Siria. Entrambi i presidenti, riferisce la Casa Bianca, "hanno concordato sulla necessità di lavorare con gli alleati per contrastare le attività destabilizzanti di Hezbollah e dell'Iran nella regione".

08:38Argentina:registrati tentativi chiamate da sottomarino

(ANSA) - ROMA, 19 NOV - Sette tentativi di chiamate satellitari provenienti dal sottomarino argentino disperso nell'Atlantico sono state registrate tra le 10:00 e le 15:00 di sabato. Lo rendono noto i media locali citando il ministero della Difesa argentino. Al momento si sta lavorando per cercare di utilizzare i segnali per determinare la posizione del sottomarino disperso al largo della Patagonia.

01:30Azzurri:Bonucci,Ventura unico colpevole è brutto e riduttivo

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Trovare un unico colpevole nel Ct Ventura è brutto e riduttivo, l'eliminazione arriva non per il Ct in panchina ma perché abbiamo tralasciato i segnali che arrivavano''. Dopo il match con il Napoli, il difensore del Milan e della Nazionale italiana torna sulla mancata qualificazione dell'Italia ai Mondiali. ''Gli altri - afferma Bonucci a Sky - crescono e noi ci affidiamo alla buona sorte. Ancelotti prossimo CT? Per lui parla la carriera, è un grandissimo allenatore, è un vincente ma ci sono altre cose che bisogna decidere prima del commissario tecnico"

01:16Azzurri:Sarri’nessuno ha difeso Ventura e non mi è piaciuto’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - ''Nessuno ha preso le difese di Ventura. Qualcuno avrebbe dovuto farlo. Non ho sentito le parole dell'associazione allenatori e questo mi ha fatto male''. Il tecnico del Napoli Maurizio Sarri prende le difese dell'ex ct della nazionale Giampiero Ventura assediato dai media dopo la mancata qualificazione ai Mondiali. ''Nessuno l'ha difeso e non mi è piaciuta la gogna mediatica a cui è stato sottoposto''. ''Io ct? Più facile - aggiunge Sarri - che io faccia il politico''.

00:41Calcio: Liga, finisce a reti inviolate il derby di Madrid

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Finisce a reti inviolate il derby di Madrid. Nella 12/a giornata della Liga, l'Atletico, prossimo avversario della Roma in Champions League, non va oltre lo 0-0 in casa contro il Real di Cristiano Ronaldo. Ne approfitta il Barcellona che allunga sempre di più in classifica dopo la larga vittoria 3-0 sul campo del Leganes. Ora i blaugrana hanno 7 punti di vantaggio sul Valencia impegnato domani contro l'Espanyol e 10 sulle due squadre di Madrid.

00:40Calcio:Insigne’dispiace molto per Mondiale,ma no polemiche’

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - "E' stata una grande vittoria contro una grande come il Milan. Noi ci abbiamo messo grinta e cuore, poi i tifosi ci sono sempre vicino e noi li ringraziamo sempre e cercheremo di non deluderli''. A Premium Sport l'attaccante del Napoli Lorenzo Insigne torna sulla mancata qualificazione al Mondiale: Scudetto possibile? ''Sappiamo che possiamo fare grandi cose quest'anno, stiamo dando il massimo e speriamo che basterà. Il Napoli per dimenticare la panchina in Nazionale? A me è dispiaciuto di più non andare al Mondiale rispetto a non aver giocato. Non voglio fare polemica, ho accettato le scelte del mister. Per il CT quegli erano gli uomini giusti ma io sono stato orgoglioso di far parte di quel gruppo. Dispiace molto, ma ora devo pensare al Napoli".

Archivio Ultima ora