Ue a Italia, i risultati delle riforme ancora incerti

Pubblicato il 11 novembre 2014 da redazione

BRUXELLES. – Prima del giudizio finale sulla legge di stabilità previsto per la fine di novembre, arriva la pagella delle riforme messe in campo da luglio per rispettare le raccomandazioni europee. Ma i voti non sono buoni e potrebbero pesare anche sulle prossime valutazioni: l’Italia è rimandata ancora una volta per il debito pubblico elevato che frena la crescita, per la spending review che non convince affidata ai singoli Ministeri e sulle riforme sempre appese agli imprevisti del percorso istituzionale, a rischio di colli di bottiglia che rallentano gli sforzi avviati. Il rapporto sugli squilibri macroeconomici italiani è la prima valutazione ‘ad hoc’ che la Commissione europea prepara per l’Italia, dopo una missione specifica effettuata dal 15 al 17 settembre 2014. Bruxelles ha messo sotto stretto monitoraggio le riforme italiane dopo che ad aprile scorso ha inserito il Paese tra quelli con ‘squilibri eccessivi’. Il rapporto serve a capire quali progressi sono stati fatti in questi mesi per rimediare alle carenze individuate e per dare seguito alle raccomandazioni specifiche approvate a luglio anche dall’Ecofin. Per la Commissione i progressi sono pochi e ancora tutti sulla carta. “Il debito molto elevato è un peso grande per l’economia italiana, fonte di vulnerabilità nel contesto attuale di inflazione e crescita basse, e tiene a freno la crescita a causa dell’elevata tassazione necessaria per servirlo”, scrive la Commissione che rimanda al giudizio sulla legge di stabilità per capire se servono sforzi aggiuntivi. Ricordando, però, che il Governo ha rinviato il pareggio al 2017, rimandando così anche l’aggiustamento strutturale richiesto per rispettare la ‘regola del debito’. E’ questo il punto più critico, che a fine mese potrebbe costare all’Italia una procedura. Per quanto riguarda la spending review, Bruxelles fa notare che la decisione di affidare ai Ministeri l’individuazione dei risparmi “può avere un effetto negativo sulla qualità dei tagli”. Inoltre, “l’incertezza sulla spending solleva timori visto che i risparmi attesi dovrebbero finanziare diverse misure, compresa l’estensione della riduzione del cuneo fiscale nel 2015”. Criticato anche il piano di privatizzazioni “che sta subendo ritardi nell’attuazione” e resta vago, senza dettagli su quantità di quote, società e calendario. Anche sul Jobs Act non c’è certezza: “Se migliorerà il funzionamento del mercato del lavoro dipenderà dal disegno dei necessari decreti attuativi”. La Commissione sottolinea poi che le misure di semplificazione per migliorare il clima per le imprese sono “numerose ma lente”, visto che “significativi gap nell’attuazione riducono i benefici potenziali”. La Commissione porta l’esempio del ‘Semplifica Italia’ del 2012, che “non è stato ancora attuato dal Governo”. In generale, Bruxelles è preoccupata dalla “frammentazione delle misure” che producono una “legislazione lenta, che fa spesso ricorso ai decreti legge che favoriscono un’ampia gamma di misure parziali a scapito di riforme strutturali più profonde e poggiano sull’adozione delle norme attuative richieste che tendono a creare incertezza legislativa”.  (di Chiara De Felice/ANSA)

Ultima ora

19:45Migranti: scontri a Roma, condannati 9 di Casapound

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Nove militanti di Casapound sono stati condannati dal tribunale di Roma in relazione agli scontri con le forze dell'ordine del luglio 2015 a Casale San Nicola, periferia nord di Roma. I giudici della V sezione penale hanno inflitto otto condanne a 3 anni 7 mesi e una a 2 anni e 7 mesi. Gli imputati, che manifestarono per impedire il trasferimento di immigrati in una struttura di accoglienza, erano accusati di resistenza aggravata a pubblico ufficiale e lesioni.

19:35‘Ndrangheta:fondi Ue, chiesto processo ex assessore Calabria

(ANSA) - CATANZARO, 11 DIC - La Dda di Catanzaro ha chiesto il rinvio a giudizio di Nazzareno Salerno, ex assessore al Lavoro della Regione Calabria ed attuale consigliere regionale, coinvolto nell'inchiesta "Robin Hood" che ha svelato un presunto sistema illecito nella gestione dei fondi europei attraverso l'ente in house "Calabria etica". La richiesta di rinvio a giudizio è stata avanzata al gup, Claudio Paris, oltre che per Salerno, per altri 16 indagati e due società. I reati contestati, a vario titolo, sono truffa, estorsione aggravata dal metodo mafioso, corruzione, peculato, turbativa d'asta ed abuso d'ufficio. Dalle indagini della Guardia di Finanza di Vibo Valentia e del Ros di Catanzaro è emersa l'esistenza di un presunto "comitato d'affari" che avrebbe distratto i finanziamenti comunitari vincolati al progetto regionale "Credito sociale", indirizzandoli su conti correnti di società private anche all'estero. (ANSA).

19:33Ap, mandato a fondatori, trovare soluzione consensuale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - La Direzione di Ap, a quanto si apprende, ha votato di dare mandato ai tre fondatori Beatrice Lorenzin, Fabrizio Cicchitto, Maurizio Lupi, e al vice coordinatore Antonio Gentile, di istruire una pratica per trovare una soluzione perché le due coerenze interne al partito - una che guarda alla coalizione di governo, l'altra ad una corsa solitaria e al dialogo con FI - possano "sopravvivere". La Direzione di Ap è quindi aggiornata a domani alle ore 18.

19:24Staccò lobo di un orecchio a morsi, offre 5mila euro

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Voleva risarcire con cinquemila euro il tassista a cui staccò il lobo di un orecchio il bodybuilder Antonio Bini, a processo con l'accusa di lesioni aggravate dai futili motivi, ma la cifra è stata considerata troppo bassa dai legali di Pier Federico Bossi, ancora in convalescenza dopo l'aggressione avvenuta per una banale lite di viabilità lo scorso 28 novembre nei pressi della Stazione centrale. Il giudice Carlo Cotta della undicesima sezione penale ha quindi aggiornato al prossimo 5 febbraio il dibattimento a carico del 29enne, per consentire alle parti di trovare un accordo sul risarcimento del 48enne autista del taxi, che si è costituito parte civile. I legali di Bossi, gli avvocati Sostene Invernizzi e Mauro Mocchi, e la difesa di Bini, gli avvocati Beatrice Saldarini e Patrizia Pancanti, torneranno tra due mesi di fronte al giudice, che potrà quindi valutare eventuali richieste di riti alternativi (patteggiamento, rito abbreviato o sospensione del processo con messa alla prova).

19:17Basket: Brindisi esonera Dell’Agnello

(ANSA) - BARI, 11 DIC - Dopo la sconfitta di ieri, in casa, contro Trento, la Happy Casa Brindisi ha comunicato di aver esonerato l'allenatore, coach Sandro Dell'Agnello. Brindisi è rimasta ultima con 4 punti nella classifica di Lega A di basket. "Al tecnico - si legge in una nota della società - vanno i più sentiti ringraziamenti per il lavoro svolto e l'augurio per le migliori fortune personali e professionali". Quanto al prossimo futuro: "Alla ripresa degli allenamenti - viene chiarito - la squadra verrà affidata temporaneamente al vice allenatore Massimo Maffezzoli".

19:10Calcio: il 19 dicembre assemblea di Lega B

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - E' convocata per martedì 19 dicembre a Milano l'Assemblea di Lega B con all'ordine del giorno l'approvazione del Bilancio d'esercizio 2016/2017, la costituzione e la nomina dei componenti del Comitato esecutivo, la composizione e le deleghe delle Commissioni e le determinazioni inerenti alla governance di B Futura. Quindi si provvederà ad aggiornare le società sul processo di cessione dei diritti audiovisivi per il triennio 2018-2021. L'Assemblea verrà preceduta in mattinata dal Consiglio direttivo.

19:10Morti in corsia a Saronno, altri 18 casi al vaglio

(ANSA) - BUSTO ARSIZIO (VARESE), 11 DIC - Sono altri 18 i casi di morti "sospette" all'interno del pronto soccorso di Saronno (Varese), attualmente "sottoposti all'esame dei consulenti" come confermato dal Procuratore della Repubblica di Busto Arsizio (Varese) Gianluigi Fontana, nell'ambito del terzo filone dell'inchiesta 'Angeli e Demoni' sulle morti sospette in corsia a pronto soccorso di Saronno. I casi in esame riguardano pazienti trattati antecedentemente al 2013 dall'ex vice primario del pronto soccorso di Saronno Leonardo Cazzaniga, già accusato di nove decessi in corsia e in concorso con l'amante infermiera Laura Taroni delle morti di suo marito, suo suocero e sua madre, le cui cartelle cliniche sono state sequestrate contestualmente all'arresto del medico il 29 novembre 2016.

Archivio Ultima ora