Ebola: caos Coppa d’Africa, il Borussia Dortmund blocca l’attaccante Pierre Aubameyang

Pubblicato il 13 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Meglio prevenire che giocare. Almeno quando c’è di mezzo il virus Ebola. E così il Borussia Dortmund ha impedito a un suo giocatore, l’attaccante Pierre Aubameyang, di raggiungere la sua nazionale, il Gabon, per le gare di qualificazione alla Coppa d’Africa contro Angola e Lesotho. Formalmente, il ‘no’ alla federazione gabonese – almeno secondo la ricostruzione della Bild – è stato motivato dalla convocazione arrivata con un giorno di ritardo, ma secondo i più il mancato nullaosta è invece da collegare ai rischi di contagio di Ebola che ha già fatto 5.000 vittime nel mondo. ”La mia federazione ha commesso un errore. Forse potrei andare a giocare la seconda partita”, il dribbling dell’attaccante giallonero, già autore di 9 gol in questa stagione con il Dortmund. Il giocatore e la sua federazione dovranno trovare un accordo con il Borussia che, secondo Bild, tenta da diversi giorni di convincere l’attaccante a restare in Germania per non correre alcun rischio. Il caso-Aubameyang resta al momento un ‘unicum’, visto che agli altri giocatori africani impegnati nelle eliminatorie della Coppa continentale non è posto alcun ‘paletto’: è il caso di Traorè (M’bach-Guinea), Makiadi (Werder Brema-Congo), Kalou (Herta Berlino-Costa d’Avorio), Sanè (Hannover-Senegal), Baba (Augsburg-Ghana), Choupo-Moting (Schalke-Ghana). Identica situazione anche nella Serie A, con i giocatori lasciati liberi di rispondere alla convocazione nelle rispettive nazionali. E’ il caso dei sampdoriani Mesbah e Duncan, con l’esterno algerino regolarmente partito in vista della sfida contro l’Etiopia, mentre il ghanese non è stato convocato (ma il club ligure assicura che nel caso dovesse arrivare la chiamata non ci saranno divieti). Allo stesso modo si sono comportati i club in cui militano i vari Badu, Acquah, Gervinho, Keita, Mbaye, Dramè, Belfodil, Ghoulam, Lazaar che si sono regolarmente aggregati alle loro nazionali, e i diversi club che hanno ribadito che seguiranno le indicazioni del Ministero della Salute per avere il quadro esatto della situazione e direttive precise in tema di prevenzione. Al nigeriano Eddy Onazi (Lazio) più che Ebola fa però paura il Congo: “Non possiamo permetterci di sbagliare: dobbiamo qualificarci a tutti i costi per la Coppa d’Africa”, dice il Onazi per nulla preoccupato delle vicende extracalcistiche. E mentre i giocatori sono sparsi per il continente per il quinto turno di eliminatorie, la Coppa d’Africa ancora non ha trovato la nuova sede destinata ad ospitare la fase finale (17 gennaio-8 febbraio) dopo la rinuncia del Marocco. Angola, Gabon, Guinea Equatoriale, Nigeria, restano i Paesi più accreditati ma sono di oggi anche le ‘avances’ del Qatar che, pur se non Paese africano, ha avanzato la sua candidatura, anche se non ancora in via ufficiale. “Il Qatar è pronto a fornire tutta l’assistenza per organizzare CAN-2015” ha detto il presidente della Federcalcio qatariota, lo sceicco Hamad bin Khalifa bin Ahmed Al Thani, che probabilmente intravede nella Coppa d’Africa una sorta di occasione per testare il livello organizzativo dell’emirato destinato ad organizzare la Coppa del Mondo 2022.

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora