Doppia partita lavoro-Italicum, Renzi chiude su riforme

Pubblicato il 14 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Rispettare il serrato timing predisposto sin dall’inizio del mandato e sul quale, oggi più che mai non sono ammesse deroghe. Corre su questo filo la duplice sfida di Matteo Renzi su Jobs Act e legge elettorale. Una sfida sulla quale il premier, cercando il delicato punto d’equilibrio sia tra due ali della maggioranza sempre più lontane (Ncd e sinistra Pd sul lavoro) sia tra i due patti paralleli sull’Italicum (quello tra i partiti che sostengono il governo e quello del Nazareno), intendere chiudere i conti con il voto rapido in Parlamento. Su due testi sui quali, ha ammonito ieri Renzi, le trattative sono chiuse. Come anticipato dallo stesso premier-segretario all’ultima direzione Dem, ora i nodi stanno venendo al pettine. Le scadenze incombono e il presidente del Consiglio intende andare avanti respingendo o schivando i freni imposti dalla minoranza Pd e da Silvio Berlusconi. Freni che, ad esempio, il premier ha evitato anche all’ultima direzione Pd, dando il proprio placet a non votare – come richiesto dalla minoranza – la sua relazione. Certo, ha ammesso oggi a La Stampa, la fatica, quasi l’insofferenza su certi riti non si attenua, sebbene la tentazione del voto per ora sia stata messa da parte. E, per il premier, non costituisce certo un freno quella piazza che, anche oggi e sotto il segno della Cgil, è tornata a ribollire. “La piazza si rispetta” ma “ascoltiamo anche le sigle sindacali che non ci stanno”, spiega oggi il vicesegretario Pd Lorenzo Guerini, facendosi quasi portavoce del pensiero del suo segretario – in volo verso il G20 di Brisbane – e ammettendo quasi di non capire la portata delle contestazioni di Cgil e Fiom. Contestazioni che, per ora, sul fronte della sinistra Pd sembrano superate. Alla manifestazione Fiom di Milano, oggi, c’era anche Stefano Fassina, tra gli esponenti più intransigenti del dissenso Democrat, ma è lo stesso ex viceministro dell’Economia a non sbilanciarsi sull’intesa trovata in commissione Lavoro sul Jobs Act. “Aspetto di leggere gli emendamenti, il governo ha ammesso che non si poteva votare la fiducia su una delega in bianco ed è già un traguardo”, spiega Fassina, riflettendo quasi la prudenza degli altri big della sinistra – da Cuperlo a Civati – dopo l’intesa trovata ieri. Intesa che, invece, ha visto Area riformista protagonista della trattativa. Quella stessa area che, domani, a Milano, alla presenza di Pier Luigi Bersani, cercherà di certificare una posizione comune all’interno del mondo Democrat. E se oggi, sul fronte Jobs Act, e dopo le barricate di ieri, è stata la giornata del rientro della frattura con Ncd – lo stesso leader Angelino Alfano ha parlato di accordo in fase di conclusione – resta aperta, e destinata al dibattito parlamentare, la partita sulla legge elettorale. Renzi esclude ogni tipo di ulteriore negoziazione parallela, assicurando che per lungo tempo non ci saranno vertici di maggioranza e dicendosi certo, in un’intervista a La Stampa, che il testo passerà anche con l’astensione finale di FI. Il premio alla lista e la soglia del 3%, sebbene non inclusi nell’ultimo aggiornamento del Patto del Nazareno, non sembrano insomma messi in discussione – tra la soddisfazione di Ncd – mentre continua a destare qualche dubbio la blindatura dei circa cento capilista. E’ invece la minoranza Pd, da Francesco Boccia a Gianni Cuperlo, a manifestare più di una perplessità. Dubbi rimarcati anche oggi da Vannino Chiti. “E’ un errore, il 60% degli eletti sarebbe nominato, non scelto dai cittadini”, è il distinguo del senatore, tra i protagonisti del dissenso Dem al Senato sul ddl riforme. E anche sulla legge elettorale, a Palazzo Madama, si preannuncia bufera. Ma alla fine, è la convinzione di Renzi, anche quel testo passerà. Entro fine anno, proprio come il Jobs Act a Montecitorio. (di Michele Esposito/ANSA)

Ultima ora

17:52Legge stabilità: M5S attacca Lotti

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "In questa legge di Stabilità il ministro Lotti ha provato a inserire alcune proposte che è stato incapace di mettere nero su bianco nell'ultimo anno in cui ha fatto il ministro part time. L'ultimo tentativo è stato quello di trasformare la sua legge salva-Malagò in un emendamento fatto firmare a un deputato di Scelta Civica": così il deputato del Movimento 5 Stelle Simone Valente su Facebook. "Per fortuna - nel rispetto dei regolamenti - la Camera ha ritenuto inammissibile quella norma - aggiunge Valente - perché nulla ha a che vedere con una legge come quella di Stabilità. Proveranno a inserirla nuovamente durante l'esame in Aula, noi ci opporremo in maniera durissima a una norma fatta solo per salvare il suo amico Malagò".

17:44Torino: nuovo scontro su conti,revisori bocciano Consolidato

(ANSA) - TORINO, 14 DIC - Nuovo scontro tra Comune di Torino e revisori dei conti. L'organo di revisione, presieduto da Herri Fenoglio, ha espresso parere negativo al Bilancio consolidato 2016 perché - si legge nelle motivazioni - non è stato inserito il bilancio di Gtt, l'azienda del trasporto pubblico locale. Dal canto suo l'amministrazione pentastellata tira dritto e intende approvare entro l'anno il Consolidato, osservando che si tratta di un atto ricognitivo che fotografa i conti del 2016 senza alcun potere autorizzatorio. "Non approvare il consuntivo - spiega l'assessore al Bilancio Sergio Rolando - pregiudicherebbe in maniera irreparabile la corretta erogazione del servizio pubblico. Sarebbe un danno perché verrebbero bloccate le assunzioni, gli uffici e, di conseguenza, la Città, penalizzando i servizi e i cittadini". Di qui la decisione di recepire con un emendamento il parere dei revisori e, con un altro emendamento, le deduzioni degli uffici, così da proseguire con l'approvazione. (ANSA).

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

Archivio Ultima ora