Merkel alza l’allarme sull’Ucraina, ma l’Ue cerca il dialogo

Pubblicato il 17 novembre 2014 da redazione

BRUXELLES.- Angela Merkel alza da Sydney l’allarme per la situazione in Ucraina, la Nato conferma che sono sempre di più gli aerei russi in volo attorno ai confini dell’Alleanza, ma l’Unione europea sceglie una linea di “non escalation” delle sanzioni. I ministri degli esteri si limitano ad indicare che entro fine mese sarà deciso di allungare la lista dei “separatisti ucraini” responsabili delle elezioni a Donetsk e Lugansk. La nuova linea europea arriva poche ore dopo l’avvertimento lanciato dalla Cancelliera. La situazione può degenerare, dice, ed in ballo, avverte, non c’è solo l’Ucraina ma “si tratta della Moldova, della Georgia e, se si va avanti così, ci si può chiedere se ci si debba interrogare anche sulla Serbia e sugli stati dei Balcani dell’ovest”. Ed aggiunge: “L’idea che una guerra moderna possa essere circoscritta è un errore fatale. Da una crisi regionale nei Balcani il conflitto divamperebbe in poche settimane”. Parole pronunciate a conclusione del G20 e dopo il teso colloquio con Vladimir Putin. A Bruxelles invece i ministri degli esteri europei, al primo Consiglio della gestione di Federica Mogherini, cambiano tono verso la Russia. Dopo mesi di escalation nelle sanzioni, le conclusioni indicano che l’Europa considera sì “illegittime e illegali” le elezioni del 2 novembre nel Donbass, insiste che “non riconoscerà” l’annessione della Crimea, ma da una parte ritiene indispensabile riprendere il dialogo con Mosca e dall’altra sottolinea che l’appoggio europeo a Kiev è condizionato all’agenda delle riforme. La svolta è più nei toni che nella sostanza. Perché le sanzioni economiche e finanziarie verso Mosca – che il ministro Paolo Gentiloni definisce “un male necessario” – non si toccano.  Ma il nuovo capo della Farnesina, al primo Consiglio Esteri della Ue, sottolinea ad esempio che anche “tutti, compreso il presidente del Consiglio Renzi e la Cancelliera Merkel” a Brisbane, “nonostante le forzature e gli atti dimostrativi”, hanno “fatto lo sforzo di tenere una discussione politica con Putin”. L’escalation delle sanzioni, che negli ultimi mesi sono state il leit motiv di ogni riunione dei ministri degli esteri europei, stavolta si è fermata. “Dobbiamo essere consapevoli – dice Gentiloni – che sono uno strumento, un modo per reagire ad azioni che riteniamo non accettabili”. Il punto centrale però è la Crimea, sulla quale c’è il muro contro muro con la Ue. Ma Gentiloni lascia intendere che se ripartisse il dialogo con Mosca, “anche quella potrebbe essere sul tavolo” nell’ambito di un eventuale dialogo sull’assetto della regione. Un dialogo che non sarà facile riannodare con Mosca. L’impressione è che l’unica possibilità sia quella di trovare un accordo di realismo, con rinunce che attualmente Kiev non sembra disposta ad accettare. Attorno al tavolo dei 28 “vari ministri” hanno chiesto a Federica Mogherini la disponibilità ad andare a Mosca. Il nuovo capo della diplomazia europea visiterà Kiev “non appena ci sarà il nuovo governo”, mentre per la visita in Russia ha sottolineato la necessità che gli europei abbiano chiara la linea. “Penso che questo passo possa essere utile” dice, aggiungendo che sarà sì “opportuno parlarsi, ma anche capire di cosa e perché”. Insomma: “Non andare per andare, ma andarci solo se ci sono le condizioni reali per una soluzione politica che possa portare passi positivi sull’ Ucraina e per le altre preoccupazioni per la regione”.  (di Marco Galdi/ANSA)

Ultima ora

11:39Maltempo: altra frana nel Lecchese, è la terza in due giorni

(ANSA) - LECCO, 13 DIC - Altra frana sulle strade del Lecchese, la terza in meno di due giorni. Nella notte si è verificata la caduta di massi e detriti sulla strada provinciale 65, che unisce Perledo a Esino Lario, interrotta al traffico. Sul posto i vigili del fuoco e i tecnici della Provincia di Lecco. In mattinata la rimozione del materiale caduto sulla sede stradale, quindi il sopralluogo per verificare il rischio di altri smottamenti. Dopo le precipitazioni dei giorni scorsi la zona dell'Alto Lario e della Valsassina è monitorata per il rischio di nuovi smottamenti. (ANSA).

11:34Bangladesh: Unicef, vaccinazioni per 255.000 bambini

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il governo del Bangladesh - supportato da Unicef, Oms e dall'Alleanza Globale per le Vaccinazioni (Gavi) - ha lanciato una campagna di vaccinazione contro la difterite e altre malattie prevenibili per i circa 255.000 bambini Rohingya di età compresa fra le 6 settimane e i 6 anni che vivono in 12 campi per rifugiati e insediamenti temporanei vicino al confine col Myanmar. In particolare, si tratta dei sotto-distretti di Ukhiya e Teknaf a Cox's Bazar, rende noto un comunicato dell'Unicef.

11:33Ciclismo: Tour Down under, Porte guiderà l’assalto della Bmc

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - La Bmc schiererà un vero e proprio squadrone, per tentare l'assalto al Tour Down under di ciclismo: al via della prima gara del World tour ci saranno, infatti, i vincitori delle quattro ultime edizioni, vale a dire Richie Porte, Simon Gerrans e Rohan Dennis. A completare la formazione, il campione australiano Miles Scotson, il neozelandese Patrick Bevin, il duo svizzero Tom Bohli e Danilo Wyss. Richie Porte sarà il capitano del team. Dennis ha vinto il Down Under nel 2015 e punta al bis dell'anno prossimo. Il Tour Down under si disputerà dal 14 al 21 gennaio dell'anno prossimo, con partenza da Adelaide. Nel 2018 la gara australiana celebrerà le 20 edizioni, essendo nata nel 1999.

11:31Doping: Uci chiede spiegazioni a Froome (2)

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ha sconvolto il mondo del ciclismo la notizia della positività di Froome nelle analisi effettuate il 7 settembre, in occasione della 18ma tappa della Vuelta, il Giro di Spagna che poi il corridore britannico ha vinto. La federazione internazionale (Uci) ha già sollecitato ulteriori approfondimenti ed ha chiesto alla squadre del corridore britannico di fornire spiegazioni sull'accaduto. In ogni caso per il momento non verrà preso alcun provvedimento sanzionatorio, vista la natura della sostanza, l'antiasmatico appunto, trovato nel sangue del corridore. Il Team Sky in una nota ha ricordato che Froome "nel corso dell'ultima settimana della Vuelta ha sofferto di attacchi acuti di asma e in accordo con i medici della squadra ha aumentato il dosaggio" del farmaco nelle dosi consentite.

11:25Torino: blitz della Digos, sgomberato centro sociale Fenix

(ANSA) - TORINO, 13 DIC - Blitz della Digos di Torino al Fenix, edificio occupato dagli squatter dall'estate scorsa nel centro del capoluogo. All'alba di questa mattina, gli agenti hanno fatto irruzione nello stabile. Il Fenix, di proprietà del comune di Torino, era stato adibito a biblioteca e a punto informativo del gruppo di anarchici. Domani sera, come tutti i giovedì, era prevista un'assemblea aperta. Lo sgombero del Fenix, in corso San Maurizio angolo via Rossini, è stato espletato senza ripercussioni per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sono in corso le operazioni di messa in sicurezza dello stabile a cura dell'amministrazione comunale proprietaria dell'edificio.(ANSA).

11:25Doping: Froome si difende,curavo asma con dosi lecite

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Tutti sanno che soffro di asma, ma so quali sono le regole e sono stato attento a non superare le dosi consentite": questa la difesa del campione britannico Chris Froome, trovato positivo al salbutamolo a un controllo effettuato durante la Vuelta a settembre. "È noto che ho l'asma e so esattamente quali sono le regole. Uso un inalatore per gestire i miei sintomi (sempre entro i limiti consentiti) e so per certo che verrò testato ogni giorno indossando la maglia del leader della corsa".

11:09Badminton: torna lo Yonex International

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Ritorna al PalaBadminton di Milano lo Yonex Italian International 2017. Quattro giorni di gara - da domani a domenica 17 dicembre - che vedranno la partecipazione del grande badminton internazionale. La kermesse, giunta alla sua 17/a edizione, offrirà agli azzurri l'opportunità di brillare nuovamente dopo le 5 medaglie (un oro, due argenti e due bronzi) conquistate in Botswana e Zambia e il decimo posto ai Campionati Europei Under 17 di Praga. Quattordici gli azzurri convocati dallo staff tecnico guidato dal dt Arturo Ruiz. La manifestazione aprirà anche ufficialmente i festeggiamenti per i quarant'anni di badminton in Italia che si protrarranno per tutto il 2018 e che vedranno l'inizio con un convegno che si svolgerà sabato 16 dicembre alle ore 12. Interverranno tra gli altri il presidente federale Carlo Beninati, il presidente emerito Alberto Miglietta e il presidente onorario Rodolfo La Rosa.

Archivio Ultima ora