Immigrati e sanità, scontro totale tra Obama e Congresso

Pubblicato il 21 novembre 2014 da redazione

Usa_ImmigratiR400

NEW YORK. – Tra Barack Obama e il Congresso è scontro totale. E poche ore dopo l’annuncio esplosivo del presidente americano sulla riforma dell’immigrazione, non si è fatta attendere la rappresaglia della destra: i leader parlamentari repubblicani hanno fatto causa a Obama sull’odiata Obamacare, portandola davanti a una corte federale di Washington e accusando il presidente di “abuso di potere” e violazione della Costituzione. La tensione tra le massime istituzioni dello Stato è altissima. E a questo punto il rischio – come scrive il Wall Street Journal – è quello che gli ultimi due anni di Obama alla Casa Bianca si trasformino in una vera e propria “guerriglia”, alimentata da una campagna elettorale per le presidenziali del 2016 oramai alle porte. La decisione di Obama di regolarizzare per decreto una parte degli immigrati irregolari non è nuova: lo fecero anche Ronald Reagan nel 1986 e George Bush senior nel 1990. Ma è certamente “senza precedenti”, sottolinea il New York Times, per quel che riguarda la portata. Con Obama, infatti, le porte del sogno americano si aprono per circa 5 milioni di clandestini, quelli che vivono da più di cinque anni negli Stati Uniti o hanno un figlio che è nato negli Usa o che è titolare di un permesso di soggiorno permanente. Queste persone non dovranno più temere i rimpatri forzati e potranno ottenere un permesso di lavoro di tre anni. Sempre che non si siano macchiati di reati. E in quest’ultimo caso ad essere colpiti saranno i singoli individui, ma non le famiglie. I repubblicani – nonostante il piano preveda anche una stretta sui controlli alle frontiere – gridano al colpo di mano di un Obama ormai trasformatosi (sono parole dello speaker della Camera John Boehner) in un vero e proprio “monarca”, un “imperatore” che ignora il volere del Paese e agisce senza attendere un Congresso appena rinnovato dal popolo americano. Le sue scelte, poi – attacca la destra – porteranno inevitabilmente a una nuova invasione di clandestini. “Non è un’amnistia di massa, ma si tratta di misure responsabili e di buon senso”, ha replicato il presidente parlando alla nazione in prima serata in diretta tv, mentre fuori dalla Casa Bianca si verificavano scene di entusiasmo che non si vedevano dal 2008, o dalla notte in cui fu annunciata la fine di bin Laden. “United We Dream” (uniti sogniamo), “Gracias Presidente Obama”, oppure “No Fear, Obama Is Here” (niente paura, Obama è qui), gli slogan della folla di immigrati, soprattutto ispanici. Intanto dalla East Room, davanti alle telecamere, Obama toccava le corde più profonde di un popolo: “Siamo sempre stati e saremo sempre un Paese di immigrati. Anche noi siamo stati stranieri una volta, e ciò che ci rende americani è la nostra adesione a un’ideale comune: quello che tutti siamo creati uguali”. La destra però non si commuove, e in attesa di capire come replicare sul fronte immigrazione, contrattacca su quello della riforma sanitaria. Nelle carte portate in tribunale accusano l’amministrazione Obama di aver “regalato illegalmente” alle compagnie di assicurazione circa 175 miliardi di dollari per i prossimi 10 anni, nonostante tali risorse non siano state stanziate dal Congresso. E denuncia come sia stata illegalmente posticipata la clausola secondo cui le grandi imprese (quelle con più di 50 dipendenti) devono offrire una copertura sanitaria ai lavoratori a tempo pieno, pena il pagamento di sanzioni. Difficile che questa azione porti a qualcosa di concreto. E non è per nulla scontato che i repubblicani puntino davvero a uno scontro istituzionale senza precedenti. Se infatti l’ala più conservatrice del partito spinge per la linea dura minacciando l’arma dello shutdown che taglierebbe i fondi al governo, l’establishment teme che l’immigrazione diventi tema di scontro nella corsa alla Casa Bianca, con la destra che potrebbe di nuovo alienarsi l’elettorato latino. Non a caso un appello al Congresso, perché trovi un compromesso nei prossimi mesi, arriva da Jeb Bush, probabile candidato presidenziale. Così come dalla sua probabile avversaria democratica Hillary Clinton. (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora