Pogba e Tevez, Juve troppo forte per questa Lazio

Pubblicato il 22 novembre 2014 da redazione

ROMA. – L’aggancio della Roma alla Juve in vetta alla serie dura nemmeno due ore. All’Olimpico i bianconeri impongono alla Lazio la legge del più forte e battono la squadra di Pioli in modo più agevole del previsto, con uno 0-3 che non ammette discussioni e li riporta a +3 sulla principale inseguitrice. Anche nel calcio, che pure a volte riserva sorprese, succede che alla fine vinca il più forte e il significato di questa partita è proprio questo: ha vinto la squadra migliore. E poi nella Juventus giocano due calciatori che in campo fanno la differenza e, in un torneo come quello italiano, sono in grado di vincere le partite quasi da soli. Uno è Tevez, a segno anche oggi per il suo nono gol in 11 partite disputate in campionato, l’altro è Pogba che ha tutto per diventare un fuoriclasse, se già non lo è. In questa serata romana il francese è stato favorito dalle leggerezze di una difesa laziale non certo impeccabile (in particolare con Cana) e penalizzata dalle assenze, ma oltre a segnare ha colpito un palo nel primo tempo con una bella conclusione ‘a giro’ e ha dato spettacolo. Quindi ha brillato per meriti propri. Se a ciò si aggiunge che la Juve ha avuto il solito contributo di classe e passaggi indovinati dal Maestro Pirlo e che Marchisio è apparso in forma smagliante, si capisce bene che non poteva esserci partita, e così’ è stato nonostante l’impegno di un Candreva che non si è mai dato per vinto, forse perché stimolato dal confronto diretto con la sua ex squadra. E a proposito di Candreva, l’unica nota stonata della serata juventina sono state le incertezze di Buffon su due punizioni del n.87 dei biancocelesti, in cui il portiere non è riuscito a trattenere il pallone. Avrebbero potuto esserci conseguenze pericolose se la difesa juventina non avesse ovviato in qualche modo, ma per il Gigi nazionale sono stati nuovi segnali negativi dopo il gol incassato in azzurro a Milano contro la Croazia. Onestà vuole comunque che si dica che Buffon è stato protagonista anche in positivo con due belle parate, nella ripresa, su conclusioni di Candreva e Felipe Anderson, quest’ultima da distanza ravvicinata dopo un bel guizzo del brasiliano. Il match è durato 25 minuti, ovvero fino a quando la Juve ha segnato la prima rete con Pogba, che ha sfruttato al meglio una fulminea ripartenza e poi l’assist dell’inarrestabile Tevez. Da quel momento in poi il pallino del gioco l’hanno avuto in mano quasi sempre gli uomini di Allegri, e la Lazio è apparsa incapace di incidere in avanti, dove Klose non ha ripagato la fiducia di Pioli che l’aveva preferito a Djordjevic. La rete del raddoppio al 10′ st ha chiuso la partita: con un altro rapido contropiede, Marchisio ha seminato gli avversari e poi ha servito a Tevez il pallone del 2-0. Prima del terzo gol degli ospiti c’è stato solo un tentativo di Candreva con il tiro parato di Buffon, ma poi un’azione Pirlo-Pereyra-Pogba ha assestato a una Lazio ormai groggy il colpo del Ko, e sullo 0-3 sono cominciati i canti di scherno della folta rappresentanza di tifosi bianconeri all’indirizzo dei sostenitori rivali. Era una Lazio troppo debole per poter reggere il confronto con una Juve alla quale stavolta la sosta sembra aver fatto bene. Adesso per Allegri l’importante è che il trend positivo continui: alle viste c’è una trasferta a Malmoe che si annuncia decisiva in chiave qualificazione agli ottavi di Champions, e non è detto che l’Europa sia terra di conquista come il campionato italiano. (di Alessandro Castellani/ANSA)

Ultima ora

18:22Mondiali: Rajoy, Spagna andrà in Russia e vincerà

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - La Spagna giocherà la Coppa del Mondo in Russia. "Non vedo altri scenari - ha detto il premier spagnolo, Mariano Rajoy, commentando le voci che potrebbero vedere escluse le Furie Rosse per ingerenze del Governo iberico sulle elezioni del presidente federale - sono assolutamente convinto che la Spagna andrà ai Mondiali in Russia e, inoltre, che vincerà", ha spiegato il premier aggiungendo di aver saputo che "il ministro dello Sport, Inigo Mendez de Vigo, non ha ricevuto alcun avviso dalla Fifa, solo una lettera di alcuni dirigenti della Federcalcio mondiale che chiedono di essere ascoltati", ha aggiunto Rajoy.

18:21Corea Nord: Tillerson, ‘inazione inaccettabile’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La Corea del Nord continua a rappresentare la piu' grande minaccia alla sicurezza nazionale degli Stati Uniti e del mondo. Lo ha detto il segretario di Stato americano Rex Tillerson: "L'inazione e' inaccettabile", ha detto Tillerson in Consiglio di Sicurezza dell'Onu.

18:13Natale: paese-palcoscenico per Natività a Casole d’Elsa

(ANSA) - CASOLE D'ELSA (SIENA), 15 DIC - Un piccolo comune trasformato in un palcoscenico per una rappresentazione della Natività open air che coinvolgerà il paese: 350 le persone impegnate tra attori e comparse - altre 60 saranno invece 'dietro' le quinte' - e 100 gli animali impiegati tra cui cammelli, asini, pecore, galline. E' 'Praesepium', natività in forma di spettacolo, che andrà in scena, dalle 15 alle 19, del 26 e 30 dicembre e dell'1, 6 e 7 gennaio a Casole d'Elsa, nel Senese, che già dal 1998 ospitava, con cadenza biennale, un presepe vivente: 12mila i visitatori nel 2015. Promosso dall'Associazione 'CasoleEventi', la rappresentazione teatrale all'aria aperta si svolgerà per le vie del centro storico di Casole: su una superficie di 30.000 metri quadrati si svolgeranno in contemporanea 30 scene, da quelle classiche della Natività a quelle di un villaggio dell'epoca. Ci sarà cibo cucinato sul momento, compreso il pane e frutta fresca ad arricchire i banchetti. Sarà anche realizzata una 'via dei profumi'", con incensi, candele ed erbe aromatiche. Il pubblico attraverserà la rappresentazione senza dover interagire.(ANSA).

18:12Maltempo: forte mareggiata a Capri, collegamenti sospesi

(ANSA) - CAPRI (NAPOLI), 15 DIC - Sono di nuovo sospesi da oggi pomeriggio i collegamenti marittimi con l'isola di Capri colpita da una forte mareggiata. Il maltempo ha portato all'interruzione totale dei collegamenti di linea con la terraferma. Questa mattina le prime interruzioni, poi nel pomeriggio il peggioramento delle condizioni meteomarine ha portato alla soppressione totale delle corse di traghetti e aliscafi.

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

17:36Gerusalemme: proteste in Giordania, bruciate bandiere Usa

(ANSAmed) - AMMAN, 15 DIC - Migliaia di persone sono tornate oggi in piazza ad Amman e in altre città della Giordania dopo la preghiera islamica del venerdì per manifestare contro la decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Durante i raduni, autorizzati dalle autorità, i manifestanti hanno bruciato bandiere americane e hanno scandito slogan chiedendo di interrompere le relazioni diplomatiche con Israele. Nell'ovest di Amman un gruppo di attivisti continua intanto un sit-in davanti all'ambasciata statunitense, intorno alla quale sono state rafforzate le misure di sicurezza, così come intorno a quella israeliana.

Archivio Ultima ora