Fettuccine Alfredo, spaghetti & meat balls e il gusto del mangiar glocal

Pubblicato il 24 novembre 2014 da redazione

ROMA. – Provate a chiedere ad un italiano, normalmente residente in Italia, se conosce le “fettuccine Alfredo” (fettuccine con burro e parmigiano, http://ricette.giallozafferano.it/Fettuccine-Alfredo.html). Noterete, nella maggioranza dei casi, un’espressione di perplessità e smarrimento seguita da un deciso: No! Oppure chiedete se ha mai mangiato gli spaghetti con le polpette (meatballs): può essere, soprattutto se le polpette sono piccole, ma è probabile che la perplessità continui: gli spaghetti si mangiano normalmente con il ragù, se si parla di carne, e non con le polpette. Un piatto che mescola i cosiddetti “primo” e “secondo” insieme non è di gradimento alla maggioranza degli italiani.

Eppure questi sono i piatti più mangiati nei ristoranti italiani degli Stati Uniti. Ciò che mi incuriosisce e stuzzica la riflessione è che casi come questi sono rappresentativi di una vera e propria gastronomia italica, che ha alle spalle quella italiana ma è capace di rilocalizzarsi (soprattutto per l’apporto degli immigrati italiani) in altri luoghi con alcune differenze, diventando appunto italica.

Le “fettuccine Alfredo” – in Italia le chiamiamo fettuccine al burro o, per esteso, fettuccine con burro e parmigiano – sono considerate un piatto italo-americano. Sono, tuttavia, nate in Italia, a Roma nel 1914, dalle mani di Alfredo di Lelio. Le fettuccine Alfredo richiamano in ogni turista americano la città di Roma, evocano la Dolce Vita romana. Forse ebbero successo anche perché, così ci racconta Waverly Root, nel suo The Food of Italy: “Alfredo era riuscito a rendere il suo servizio uno spettacolo che ricordava un’ opera lirica”. Il piatto, a quanto pare, era molto amato dagli americani che venivano in Italia, i quali, mano a mano, cominciarono a richiederlo nei ristoranti italiani negli Stati Uniti, fino a farne diventare un’icona del cibo italo-americano.

La pasta con le polpette non ha un nome specifico sconosciuto in Italia che la contraddistingue, ma come detto mette insieme due alimenti normalmente distinti nella cucina italiana. Perché si diffonde proprio tra gli emigranti italiani in America? Perché le migliori condizioni economiche e di vita permettevano loro di mangiare la pasta, piatto sì popolare, seppur condiviso dalle élite borghesi ed aristocratiche (le differenze con il popolo riguardavano le spezie o i cibi con cui veniva condita e affiancata), con la carne, tipico, invece, delle classi privilegiate. Insomma, fare fortuna significava poter mangiare carne e pasta nel piatto quotidiano.

La cucina, soprattutto quella italiana, ci racconta tantissimo di una identità collettiva e della sua cultura. Se dovessimo sintetizzare potremmo pensarla come il frutto di unità e diversità al tempo stesso. E oggi, in tempi di glocalizzazione, essa appare un fenomeno straordinariamente glocale. I casi che ho riportato, ma ne esistono tantissimi e tra i più diversi, sono esemplari in questo senso. Hanno fatto più l’Italia e gli italiani i costumi alimentari che tante decisioni politiche e amministrative, e forse, nella costruzione del paese Italia, è stato più accolto e letto Pellegrino Artusi con “La Scienza in cucina e l’arte di mangiare bene”, nel suo intento di unificare il paese attraverso gli usi gastronomici, che Manzoni, mi si permetta, con il suo intento linguistico. Perché Artusi costruì il suo ricettario sulla base delle tradizioni locali, attraverso un lavoro di cucitura sul piano nazionale, senza per questo svilire le prime, anzi esaltando proprio il loro carattere localista. Perché l’Italia, nel bene e nel male, è questo insieme di diversità che stanno insieme: litigano, cooperano, tradiscono, si trovano, si lasciano per poi ritrovarsi. La cucina italiana, come la descrive Artusi, è stato uno dei primi grandi esempi storici di rete alimentato dalle città, che ricevono e consumano i prodotti dalla campagna ma li rimettono anche in circolo, attraverso la conoscenza, di cui gli italiani sono esperti, di nuove e sempre più sofisticate tecniche di conservazione, andando ad arricchire le famiglie borghesi che aprono nuovi mercati. Insomma, si parte dall’ esperienze locali che piano piano diventano alla portata di un numero più ampio di consumatori. Un esempio? La pasta è un piatto nazionale di cui esistono una quantità infinita di varietà, come pure negli ingredienti che l’accompagnano o nel modo di cucinarla.

La diversità è il frutto non solo di località differenti che sviluppano tipicità ma anche di continue contaminazioni alimentari che danno luogo ad complesso culinario pieno di sfumature. In Italia, centro del Mediterraneo, arrivano tutte le spezie dall’Oriente, il riso ma anche, dagli arabi, la pasta larga o tagliata lunga e fine. In Italia verrà perfezionata la seccatura che ne permetterà il trasporto ovunque. Oppure il pomodoro, che dalle Americhe diventa protagonista di pasta e pizza oppure il mais, che farà della polenta il piatto tipico del nord Italia. La cultura gastronomica italiana mescola non solo ingredienti ma anche usanze, costumi, modi di fare. Siamo da sempre contaminazioni, come pure lo sono quelle create dagli italiani all’estero, capaci di apportare al tempo stesso tradizione e modernità alla cucina italiana, facendola, appunto, divenire italica.

Non si veda questo articolo in contraddizione con altri precedenti, qui si parla di cultura culinaria e non di cibo come sussistenza. Se la cucina italiana è rinomata e amata in tutto il mondo lo deve perché è connaturata ad uno stile di vita che si porta dietro: convivialità, dialogo, condivisione, passione. E ci piace pensare che chiunque, mangiando italiano nelle sue tante sfumature e variabili, possa lasciarsi trasportare da tale cultura, e magari, in quei momenti, sentirsi un po’ italico. (Riccardo Giumelli/da La Voce di New York)

  • Ines Di Lelio

    STORIA DI ALFREDO DI LELIO, CREATORE DELLE “FETTUCCINE ALL’ALFREDO” (“FETTUCCINE ALFREDO”), E DELLA SUA
    TRADIZIONE FAMILIARE PRESSO IL RISTORANTE “IL VERO ALFREDO” (“ALFREDO DI ROMA”) IN PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE A ROMA

    Con riferimento al Vostro articolo ho il piacere di raccontarVi la storia di
    mio nonno Alfredo Di Lelio, inventore delle note “fettuccine
    all’Alfredo” (“Fettuccine Alfredo”).

    Alfredo Di Lelio, nato nel settembre del 1883 a Roma in Vicolo di Santa Maria
    in Trastevere, cominciò a lavorare fin da ragazzo nella piccola trattoria
    aperta da sua madre Angelina in Piazza Rosa, un piccolo slargo (scomparso
    intorno al 1910) che esisteva prima della costruzione della Galleria Colonna
    (ora Galleria Sordi).

    Il 1908 fu un anno indimenticabile per Alfredo Di Lelio: nacque, infatti, suo
    figlio Armando e videro contemporaneamente la luce in tale trattoria di Piazza
    Rosa le sue “fettuccine”, divenute poi famose in tutto il mondo. Questa
    trattoria è “the birthplace of fettuccine all’Alfredo”.

    Alfredo Di Lelio inventò le sue “fettuccine” per dare un ricostituente
    naturale, a base di burro e parmigiano, a sua moglie (e mia nonna) Ines,
    prostrata in seguito al parto del suo primogenito (mio padre Armando). Il
    piatto delle “fettuccine” fu un successo familiare prima ancora di diventare il
    piatto che rese noto e popolare Alfredo Di Lelio, personaggio con “i baffi
    all’Umberto” ed i calli alle mani a forza di mischiare le sue “fettuccine”
    davanti ai clienti sempre più numerosi.

    Nel 1914, a seguito della chiusura di detta trattoria per la scomparsa di
    Piazza Rosa dovuta alla costruzione della Galleria Colonna, Alfredo Di Lelio
    decise di trasferirsi in un locale in una via del centro di Roma, ove aprì il
    suo primo ristorante che gestì fino al 1943, per poi cedere l’attività a terzi
    estranei alla sua famiglia.

    Ma l’assenza dalla scena gastronomica di Alfredo Di Lelio fu del tutto
    transitoria. Infatti nel 1950 riprese il controllo della sua tradizione
    familiare ed aprì, insieme al figlio Armando, il ristorante “Il Vero Alfredo”
    (noto all’estero anche come “Alfredo di Roma”) in Piazza Augusto Imperatore
    n.30 (cfr. http://www.ilveroalfredo.it).

    Con l’avvio del nuovo ristorante Alfredo Di Lelio ottenne un forte successo di
    pubblico e di clienti negli anni della “dolce vita”. Successo, che, tuttora,
    richiama nel ristorante un flusso continuo di turisti da ogni parte del mondo
    per assaggiare le famose “fettuccine all’Alfredo” al doppio burro da me
    servite, con l’impegno di continuare nel tempo la tradizione familiare dei miei
    cari maestri, nonno Alfredo, mio padre Armando e mio fratello Alfredo. In
    particolare le fettuccine sono servite ai clienti con 2 “posate d’oro”: una
    forchetta ed un cucchiaio d’oro regalati nel 1927 ad Alfredo dai due noti
    attori americani M. Pickford e D. Fairbanks (in segno di gratitudine per
    l’ospitalità).

    Desidero precisare che altri ristoranti “Alfredo” a Roma (come Alfredo’s
    Gallery o Alfredo alla Scrofa) non appartengono alla mia tradizione familiare.

    Vi informo che il Ristorante “Il Vero Alfredo” è presente nell’Albo dei “Negozi
    Storici di Eccellenza – sezione Attività Storiche di Eccellenza” del Comune di
    Roma Capitale.

    Grata per la Vostra attenzione ed ospitalità nel Vostro interessante blog,
    cordiali saluti

    Ines Di Lelio

    IN INGLESE

    HISTORY OF ALFREDO DI LELIO CREATOR IN 1908 OF “FETTUCCINE ALL’ALFREDO” (“FETTUCCINE ALFREDO”), NOW SERVED BY HIS
    NEPHEW INES DI LELIO, AT THE RESTAURANT “IL VERO ALFREDO” – “ALFREDO DI ROMA” IN ROME, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE 30

    With reference of your article (for which I thank you), I have
    the pleasure to tell you the history of my grandfather Alfredo Di Lelio, who is
    the creator of “Fettuccine all’Alfredo” (“Fettuccine Alfredo”) in 1908 in the
    “trattoria” run by his mother Angelina in Rome, Piazza Rosa (Piazza disappeared
    in 1910 following the construction of the Galleria Colonna / Sordi). This “trattoria”
    of Piazza Rosa has become the“birthplace of fettuccine all’Alfredo”.

    More specifically,as is well known to many people who love the “fettuccine all’Alfredo”, this famous dish in the world was invented by Alfredo Di Lelio
    concerned about the lack of appetite of his wife Ines, who was pregnant with my
    father Armando (born February 26, 1908).

    Alfredo di Lelio opened his restaurant “Alfredo” in 1914 in Rome and
    in 1943, during the war, he sold the restaurant to others outside his
    family.

    In 1950 Alfredo Di Lelio decided to reopen with his son Armando his restaurant in Piazza Augusto Imperatore n.30 “Il Vero Alfredo” (“Alfredo di Roma”), whose
    fame in the world has been strengthened by his nephew Alfredo and that now
    managed by me, with the famous “gold cutlery” (fork and spoon gold) donated in
    1927 by two well-known American actors Mary Pickford and Douglas
    Fairbanks (in gratitude for the hospitality).

    See also the website of “Il Vero Alfredo”.(with news also about franchising).

    I must clarify that other restaurants “Alfredo” in Rome do not belong to the family tradition of “Il Vero Alfredo – Alfredo di Roma”.

    I inform you that the restaurant “Il Vero Alfredo –Alfredo di Roma” is
    in the registry of “Historic Shops of Excellence” of the City of Rome Capitale.

    Best regards Ines Di Lelio

    • lavoceditalia

      Grazie per la precisazione.

      • Ines Di Lelio

        Vi ringrazio per la pubblicazione del mio articolo sulla storia della mia famiglia.
        Vi aspetto, miei ospiti, al mio ristorante di Roma a Piazza Augusto Imperatore fondato da mio nonno Alfredo Di Lelio, creatore delle note fettuccine all’Alfredo.
        Distinti saluti
        Ines Di Lelio
        Ristorante Il Vero Alfredo – Alfredo di Roma
        Piazza Augusto Imperatore n.30
        00186 Roma
        mob. cell. 00393358232752

        Il giorno 25 novembre 2014 13:23, Disqus ha scritto:

      • lavoceditalia

        Grazie!!! Stiamo in Venezuela, ma alla prima occasione che passeremo per Roma non mancheremo. Saluti e auguri per il successo del ristorante!!

Ultima ora

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

14:25Abusa della figlia di 5 anni, arrestato

(ANSA) - GROSSETO, 15 DIC - Un uomo di 40 anni è stato arrestato nella zona sud della provincia di Grosseto dove vive in flagranza per abusi sessuali sulla figlia di cinque anni. La notizia è riportata oggi dai giornali locali. L'uomo, da quanto si è appreso, è stato denunciato dalla moglie. I carabinieri hanno sistemato nell'abitazione dell'uomo delle telecamere nascoste: una volta visionato i video che riprendono l'uomo durante gli atti sessuali che uno degli investigatori ha definito "pesantissimi" è scattato il blitz che ha condotto all'arresto. Il padre è stato prelevato dai carabinieri e davanti al gip Marco Mezzaluna, durante l'interrogatorio di garanzia, avrebbe ammesso gli addebiti.(ANSA).

14:19Sci: cdm, interrotto per nebbia superG Val Gardena

(ANSA) - Val Gardena (Bolzano ), 15 dic - Il superG di cdm della Val Gardena è stato interrotto momentaneamente per l'arrivo di un banco di nebbia sulla parte centrale della pista Saslong, nella zona delle curve della Ciaslat. L'interruzione è arrivata dopo la discesa dell'undicesimo atleta e cioè dell'azzurro Dominik Paris che ha chiuso in ritardo.

14:16Lavrov, Usa interferiscono regolarmente in elezioni Russia

(ANSA) - MOSCA, 15 DIC - Gli Stati Uniti interferiscono "regolarmente" nelle elezioni russe e l'ambasciata americana a Mosca lo fa in modo "particolare". Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov citato dalla Tass. "Il presidente Vladimir Putin ha menzionato ripetutamente esempi concreti in questo senso, compresa la partecipazione dei diplomatici Usa alle manifestazioni dei partiti di opposizione", ha detto Lavrov intervenendo al Consiglio della Federazione. La Russia, ha sottolineato, non ha alcuna intenzione "di agire in questo modo", sia per ragioni morali che di pura pragmatica. "Non credo che avremmo beneficio a vedere grandi paesi sprofondare nell'abisso delle rivoluzioni interne".

Archivio Ultima ora