Pdvsa: “Tempi difficili”. Occhi puntati sul vertice Opec

ROMA  – Si avvicinano tempi difficili per il mercato petrolifero. Lo ha ammesso il presidente della holding  venezolana “Petróleos de Venezuela”, Eulogio Del Pino. Prima di una riunione ai margini del ‘summit’ dell’Opec che inizia domani, il presidente di Pdvsa, avvicinato dai giornalisti, ha affermato senza tanti giri di parole:

– Vengono tempi difficili… molto complessi dal punto di vista del mercato petrolifero. Noi, comunque, siamo preparati anche al peggiore degli scenari.

Intanto tutti i riflettori sono puntati sul “summit” che prenderá il via domani e dal quale non si attendono grosse decisioni. Nonostante gli sforzi fatti dal Venezuela per convincere i maggiori produttori ad una riduzione della produzione che possa riequilibrare i prezzi e frenare la caduta di queste settimane, tutto lascia supporre che i membri dell’Opec siano orientati a lasciare inalterati i prezzi, almeno per il momento.

“Lo stato delle trattative tra i Paesi produttori di greggio alla vigilia del vertice Opec in programma oggi a Vienna somiglia sempre più a uno ‘stallo alla messicana’. Non c’è un accordo su un taglio della produzione, nessuno vuole cedere quote di mercato, e così la quotazione del barile riprende a scendere, con i prodotti che si mettono in scia”. Lo scrive Staffetta Quotidiana che segue l’andamento altalenante dei prezzi della benzina.

Il petrolio, dal canto suo, resta vicino ai minimi da più di quattro anni in attesa della riunione di domani dell’Opec. I future sul greggio con consegna a gennaio sono stati scambiati a 74,13 dollari, dopo che erano scesi a 74,09 dollari, il livello più basso dal settembre 2010. Sostanzialmente stabile invece il Brent.

Condividi: