Tensione Pd, la minoranza vuole incidere anche nella partita per il Colle

Pubblicato il 27 novembre 2014 da redazione

ITALIAN PRESIDENT MATTEO RENZI

ROMA. – Non solo il lavoro e le riforme. Anche la presidenza della Repubblica. La minoranza Pd allarga il campo della propria battaglia politica, nel nome della sinistra. E fa sapere a Matteo Renzi che è in grado di incidere – e lo farà – quando arriverà il momento di scegliere il successore di Giorgio Napolitano al Quirinale. Intanto, però, il confronto con il governo si snoderà nei passaggi delicati della legge elettorale e ancor prima, la prossima settimana, del Jobs act. “Dal nostro voto dipende la vita del governo: ogni nostra decisione passa responsabilmente attraverso questo filtro, ma bisogna che il governo non abusi della nostra responsabilità”, avverte un senatore di Area riformista. Anche questa volta, come già in prima lettura, gli esponenti della minoranza dem stanno preparando un documento in cui mettere a verbale il dissenso rispetto a un testo in cui, spiega Federico Fornaro, “mancano passi avanti significativi” su ammortizzatori sociali e tutele. La conta delle firme, che l’ultima volta erano 27, non sarebbe ancora stata fatta. Ma per capire come andranno le cose si dovrà attendere la decisione del governo, auspicata il renziano Andrea Marcucci, se mettere la fiducia. Perché in questo caso, esclusi tre o quattro civatiani, i senatori della minoranza Pd dovrebbero decidere di non sottrarsi al “sì”, pena la caduta del governo. Se invece ci sarà spazio per emendamenti alla delega, potrebbero sostenere qualche proposta dell’opposizione e provare a modificare il testo blindato in commissione. Alla Camera, intanto, non si placano le polemiche sugli oltre trenta che non hanno votato la riforma. “Rispetto la loro decisione ma non la capisco”, commenta Lorenzo Guerini. Qualche renziano avrebbe voluto il ricorso alle sanzioni, ma – anche se il tema potrebbe essere sollevato domani nell’assemblea del gruppo e lunedì in direzione – non sembra questa la via scelta. “Mi auguro che i nullafacenti della politica, in servizio solo quando si polemizza – replica a muso duro Francesco Boccia – inizino a confrontarsi seriamente sul merito. Si possono fare prove muscolari e vincere ma non si cambia il Paese”. Il 13 dicembre Pippo Civati riunirà a Bologna, “nel nome del centrosinistra, le persone che condividono una linea diversa”. Tra gli invitati ci sono Rosy Bindi ma anche Nichi Vendola (Civati, come Fassina e altri, sarà poi a gennaio alla kermesse di Sel per una federazione di sinistra che “batta Renzi”). Ma c’è un invito anche per Romano Prodi, padre dell’Ulivo. L’ex premier, che in giornata interviene a ricordare a Giuliano Ferrara di aver battuto “due volte” nelle urne Berlusconi, nega da tempo di aspirare al Colle. Ma è considerato da molti esponenti della minoranza ancora “il miglior candidato”. Il tema è entrato a pienamente nel dibattito politico. Il Quirinale conferma una linea di riserbo ma il presidente ha ormai deciso le dimissioni. Giorgio Napolitano, si apprende, confermerà la decisione entro fine anno senza indicare una data. Ma la ‘finestra’, secondo le previsioni, cadrebbe a gennaio. Sul Quirinale, avverte il capogruppo ed esponente di punta di Area riformista Roberto Speranza, occorrerà “condivisione”, unico fattore che “può garantire il massimo della coesione” ed evitare il riaprirsi delle “cicatrici” create dai 101 che affossarono Prodi. “Siamo in molti dentro il Pd, anche fuori dalla nostra area – è l’avvertimento di Stefano Fassina a Renzi – a condividere l’idea che serva una figura autorevole e indipendente, non subalterna al governo e ai suoi interessi. Ci faremo sentire”. “Nessun timore”, replica il renziano Marcucci. Ma anche Alfredo D’Attorre auspica una figura “non al ribasso” e che non sia solo un garante di Renzi ma di tutto il paese. “Comunico a chi oggi usa la discussione sul lavoro per ‘trattare’ sul Quirinale – dice Matteo Orfini – che al Quirinale un presidente c’è. Ed è pure piuttosto bravo”. (di Serenella Mattera/ANSA)

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora