Sono 35 i morti dopo la rivolta nel carcere di Uribana

venezuela_rivolta_carcere_uribanaCARACAS. – E’ salito a 35 il numero di detenuti morti nel carcere di Uribana, nello stato di Lara (centro ovest del paese), a causa di una presunta intossicazione con medicinali rubati nella farmacia del penitenziario il cui direttore, Julio Cesar Pérez, è stato intanto arrestato. Il deputato William Ojeda, presidente della commissione parlamentare che si occupa di politica penitenziaria, ha precisato che altri 20 reclusi sono attualmente ricoverati in condizioni gravi o in coma. In una conferenza stampa, Ojeda ha ribadito che i prigionieri di Uribana sono morti dopo una rivolta scoppiata lunedì scorso, quando, “non avendo droga a disposizione, hanno pensato di mescolare medicine e alcol”. Da parte sua, la Procura nazionale ha informato che il direttore del carcere è stato arrestato nella notte fra giovedì e venerdì per la sua possibile responsabilità nella strage a Uribana, dove già nel gennaio del 2013 erano morti almeno 63 detenuti e altri 120 erano rimasti feriti durante scontri con le forze dell’ordine scatenati da una perquisizione interna alle celle.