In arrivo tris finale per il Pallone d’Oro, Real contro Platini

Pubblicato il 28 novembre 2014 da redazione

Messi-e-Cristiano-Ronaldo (1)

ROMA. – Cristiano Ronaldo, Messi e Neuer. E’ il terzetto più accreditato per entrare nella finale del Pallone d’oro. I nomi, ha fatto sapere la Fifa, stanno per essere svelati – appuntamento a lunedì – con largo anticipo rispetto al giorno della premiazione, il 12 gennaio. E come da tradizione e’ polemica. Il Real Madrid attacca, con tanto di comunicato ufficiale, il presidente dell’Uefa Michel Platini, uno che di Pallone d’Oro se ne intende, ‘colpevole’ di aver detto che secondo lui il premio di quest’anno dovrebbe andare a un rappresentante della Germania campione del mondo in Brasile: segno chiaro che Cristiano Ronaldo punta al bis dell’anno scorso, e l’insidia maggiore e’ un tedesco. La clamorosa uscita del Real può anche essere letta come mossa per impedire che il gran numero di campioni del mondo possibili finalisti (come escludere Neuer, portierone tra i più forti di tutti i tempi? O il goleador della finale Goetze, o Kroos, o Mueller?). Ma sulla sponda ‘merengue’ di Madrid, e non solo, tutti sono convinti che il trofeo di France Football e della Fifa debba andare, per il secondo anno consecutivo, a Cristiano Ronaldo che procede a una media-gol spaventosa e ha regalato la Decima al Real. Conta poco, secondo chi sostiene questa teoria, il fatto che il portoghese, anche per motivi fisici, abbia disputato un Mondiale disastroso. Da qui le accuse a ‘le Roi’ Michel. Se si guardano numeri, reti e record forse il Pallone dovrebbe andare per la quinta volta a Messi, che però non ha vinto nulla (nel 2014) con il Barcellona e ha perso la finale mondiale con l’Argentina, mentre Neuer tenterà ciò che è riuscito solo al grande Jascin ovvero vincere il trofeo da portiere, come forse avrebbe meritato anche Gigi Buffon nel 2006. Il rebus sarà risolto nella seconda ‘decina’ di gennaio, in attesa di vedere se i tre ‘finalisti’ saranno davvero questi. Ma la Fifa, stavolta insieme al sindacato mondiale FifPro, premierà anche i componenti dell’undici ideale del calcio planetario di quest’anno, ed ecco allora uscire, dopo quella dei difensori in cui non c’erano italiani, la lista dei 15 migliori centrocampisti tra i quali scegliere i ‘titolari’. C’è, come previsto, Andrea Pirlo, definito Maestro dai brasiliani durante l’ultimo torneo iridato. Ma c’è anche l’intero centrocampo della Juventus campione d’Italia, vista la contemporanea presenza di Vidal e Pogba, a dimostrazione che in quel settore i bianconeri hanno pochi rivali. Per andare lontano in Europa sono quindi altri i reparti che Marotta e i suoi collaboratori potrebbero rinforzare.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora