Isis: Allarme Fbi a soldati, via le foto in divisa da Fb

US soldiers in Poland

 

NEW YORK. – Ritirata da Facebook e Twitter per i militari americani, e soprattutto niente foto in divisa sul web, per non correre il rischio di diventare obiettivi dell’Isis: a lanciare l’allarme sono state le autorità federali degli Stati Uniti. Secondo l’Fbi e il Dipartimento di sicurezza interna, infatti, i membri delle forze armate che postano sui social media immagini in uniforme rischiano di mettere a rischio la propria vita e quella di altri. L’avvertimento del Bureau è che gli jihadisti potrebbero studiare i loro account per trovare obiettivi statunitensi e attaccarli in patria. “Fbi e Dhs (Department of Homeland Security) raccomandano ai membri e agli ex membri delle forze armate di rivedere i propri account online, eliminando qualsiasi informazione che possa servire ad attirare l’attenzione degli estremisti dell’Isis e dei suoi sostenitori”, si suggerisce nel bollettino federale inviato domenica sera. I funzionari hanno spiegato alla Abc che temono attacchi simili a quello avvenuto in Canada il mese scorso, quando due soldati in uniforme sono stati uccisi da giovani uomini seguaci del Califfato. Il governo americano avrebbe infatti ottenuto dall’intelligence nuove indicazioni che lo Stato islamico vuole reclutare simpatizzanti all’interno dei confini statunitensi per colpire i militari in patria. E secondo l’Fbi, “attacchi come quelli avvenuti in Canada – che a quanto pare sono stati effettuati senza un contatto diretto tra l’Isis e gli autori – possono incoraggiare e motivare gli jihadisti”. Il portavoce del Pentagono, ammiraglio John Kirby, ha sottolineato che non si sta chiedendo ai membri dell’esercito di smettere di usare del tutto i social media, ma solo di prestare attenzione. “Sappiamo che il Califfato monitora i social media – ha detto Kirby – C’è una convinzione generale che si tratta di un settore nel quale questo nemico ha dimostrato di avere esperienza, e non vogliamo dare loro altri vantaggi rispetto a quelli che stanno già cercando di ottenere da soli”. “Non si sa mai chi c’è lì fuori a spiare o a carpire informazioni”, ha commentato da parte sua Marie Jones, un membro attivo dell’esercito Usa, precisando che già prima di ricevere l’avviso, ha sempre cercato di mantenere le informazioni relative alla sua carriera militare fuori dai social network. (Valeria Robecco/Ansa)

Condividi: