Israele, si vota il 17 marzo. Un attentato rialza la tensione

Pubblicato il 03 dicembre 2014 da redazione

US Secretary of State John Kerry Meets Israeli Prime Minister Benjamin Netanyahu

 

TEL AVIV. – Nel primo giorno di crisi del governo di Benyamin Netanyahu, con la data delle elezioni fissata per il prossimo 17 marzo, due israeliani sono stati accoltellati da un ragazzo palestinese in un supermercato della città colonia di Malé Adumim, in Cisgiordania. Secondo le prime ricostruzioni, il ragazzo, un palestinese di Gerusalemme est, è entrato in un supermarket della catena ‘Rami Levy’ di Mishor Adumim (la zona industriale del luogo) e si è scagliato contro due avventori, ferendoli all’addome e alle braccia. Una guardia civile, presente sul posto per fare acquisti, ha subito estratto la pistola e ha sparato alle gambe dell’assalitore, ferendolo. La polizia ha poi fermato per accertamenti altri due palestinesi che sembrano essere coinvolti nell’attacco. Il luogo dell’attentato – come hanno ricordato i media – non è privo di significato: la catena ‘Rami Levy’ in Cisgiordania rappresenta da sempre un”’isola di normalità” e di coesistenza in quanto vede fra i suoi dipendenti sia israeliani sia palestinesi. E non sono pochi i palestinesi a farvi acquisti, fianco a fianco con gli israeliani. ”E’ evidente – ha sottolineato il sindaco Benny Kashrie – che il terrorista voleva colpire questa coesistenza”. L’attentato – il secondo del genere negli ultimi tre giorni – ha confermato, fin dalle prime reazioni, quanto il tema della sicurezza sarà uno dei principali della prossima campagna elettorale. Senza dimenticare lo stallo totale di una qualsivoglia trattativa tra israeliani e palestinesi. Una realtà complessiva che ha segnato con forza i dissensi tra Netanyahu e i ministri centristi Yair Lapid e Tzipi Livni silurati dal premier addirittura con l’evocazione di un ”tentato putsch”. La Livni ha replicato per le rime definendo Netanyahu un ”leader che ha paura dei suoi ministri e del mondo esterno e che va rimpiazzato”. Lapid ha rincarato la dose: “Netanyahu ha compiuto un errore, e il prezzo sarà il fatto che non sarà più primo ministro”. Ha poi accusato il premier di “aver perso il polso della situazione. Non hai idea – ha detto Lapid criticando le tensioni tra il governo Netanyahu e l’amministrazione Usa – di quello che serve ai cittadini di Israele”. Il voto del 17 marzo – sottolineano i commentatori sulla stampa – si appresta così a diventare un vero e proprio referendum su Netanyahu e la sua politica di questi anni. Del resto è stato lo stesso premier e leader della destra ad avvalorare questa interpretazione dell’impasse politica di Israele. ”Le elezioni – ha argomentato – hanno un solo significato: scegliere chi guiderà la nazione”. E Netanyahu ha mostrato di non avere dubbi su chi debba essere, ammonendo l’elettorato che solo il suo partito, il Likud, ”può farlo”. Per questo ha invocato un consenso largo, specialmente di ”fronte a tutte le sfide che Israele deve fronteggiare”: dall’economia alla sicurezza. Ad oggi quello che più si teme è tuttavia una frammentazione del voto in direzione di vari partiti che renda la prossima legislatura ingovernabile quanto quella dichiarata decaduta in prima lettura dal parlamento (Knesset) con 84 voti a zero. ”Il popolo – ha osservato Nahum Barnea firma autorevole di ‘Yediot Ahronot’ – suppone che la situazione non migliorerà affatto in conseguenza delle nuove elezioni”. Anche perché allo stato attuale c’è incertezza sui possibili schieramenti: Netanyahu – citato dai media – nega di avere piani per creare un blocco unico delle destre, ma in effetti sembra più probabile questo piuttosto che un’alleanza compatta, dalla parte opposta, delle forze di centro sinistra. Non pochi analisti mettono comunque in guardia Netanyahu (secondo i sondaggi, il Likud può oggi ambire a non più di 22 seggi su 120) da un accordo con l’estrema destra e delle liste confessionali degli ebrei ortodossi. ”Un vero incubo”, l’ha definito Sima Kadmon sullo stesso giornale, pensando anche allo scenario internazionale e ai rapporti (vitali per Israele) con l’America di Obama: ben difficilmente gestibili da un’alleanza nella quale il premier rischierebbe di trovarsi alla fine ‘prigioniero’ di Naftali Bennett, rampante leader nazionalista-religioso di ‘Focolare ebraico’ legato a filo doppio con i coloni. (Massimo Lomonaco/Ansa)

  • Dopo i Musulmani saranno gli Ebrei i prossimi in fila a cadere in disgrazia dell’opinione pubblica internazionale. Nonostante gli sforzi dei media gli Ebrei sentiranno presto quello stesso tipo di intolleranza che i Musulmani hanno attraversato dopo l’Undici Settembre. E’ tutto parte di un Piano che vedra’ la famiglia Bush emergere in ultimo come mediatrice per le 3 Religioni in guerra.
    E’ l’ Inganno supremo degno della piu’ grande scuola: la CIA.
    Con Jeb Bush, il prossimo presidente USA, daremo il benvenuto al Nuovo Ordine del Mondo.

    http://www.wavevolution.org/it/humanwaves.html
    .

Ultima ora

12:58Calcio: Palermo, istanza fallimento, giudice si riserva

(ANSA) - PALERMO, 16 DIC - Il giudice del tribunale di Palermo, Giuseppe Sidoti, si è riservato di decidere sull'istanza di fallimento del Palermo calcio presentata dalla Procura, secondo la quale la società sarebbe insolvente. I pm avevano presentato anche una memoria nei giorni scorsi per rispondere ai rilievi della difesa del Palermo.

12:50Mafia: arrestato boss della ‘società’ foggiana

(ANSA) - FOGGI, 16 DIC - La polizia ha arrestato a Foggia il boss della 'società' foggiana, Federico Trisciuoglio di 64 anni e il figlio Giuseppe, di 40, per provvedimenti di carcerazione emessi dalla Procura Generale di Bari. Sconteranno condanne per estorsione aggravata dal metodo mafioso: il padre è a sette anni di reclusione, il figlio a quasi cinque anni. Federico Trisciuoglio ha già subito condanne per associazione mafiosa nell'ambito dei processi storici alla criminalità organizzata foggiana. La condanna per cui è stato ora riportato in carcere si riferisce alla operazione 'piazza pulita' del 2010 su estorsioni a funzionari dell'azienda municipalizzata Amica (raccolta e smaltimento dei rifiuti), che all'epoca era di proprietà del Comune. Gli Trisciuoglio imponevano le assunzioni anche grazie all'intermediazione di politici locali. Gli assunti venivano pagati anche se non lavoravano e quando funzionari dell'Amica tentarono di contestare queste mancanze, furono minacciati di morte da parte di Federico Trisciuoglio.

12:26Austria: pronto il nuovo governo nero-blu

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il nuovo governo austriaco nero-blu è pronto: il cancelliere designato Sebastian Kurz, popolare dell'Oevp, il più giovane premier del mondo (31 anni), ed il suo vice Heinz-Christian Strache, leader del partito populista di estrema destra Fpoe, lo hanno presentato questa mattina al presidente Alexander van der Bellen nella Hofburg di Vienna. Secondo Die Presse online Kurz ha definito la nuova compagine di governo, che verrà presentata nel pomeriggio, "un'ottima e forte squadra", mentre Van der Bellen ha tenuto a rassicurare l'opinione pubblica internazionale spiegando che "nei colloqui ci siamo trovati d'accordo che è nell'interesse nazionale dell'Austria essere al centro di una Unione europea forte, e di contribuire a una forte Comunità europea".

12:22Natale: sindaco Sala a taglio panettone più grande del mondo

(ANSA) - MILANO, 16 DIC - Sarà domani l'appuntamento clou del weekend dedicato al panettone a Milano: in Galleria con il 'Panettone più grande del mondo'. All'appuntamento previsto alle 16.30 saranno presenti tra gli altri il sindaco Giuseppe Sala, il presidente di Confcommercio Milano Carlo Sangalli e l'amministratore delegato di Fiera Milano spa Fabrizio Curci. Il 'Panettone più grande del mondo', preparato dalla pasticceria San Gregorio, 140 kg di peso, sarà tagliato in 1.200 fette che verranno distribuite ai milanesi e ai turisti di passaggio. Per realizzare il tradizionale dolce milanese in formato da record ci sono voluti quattro giorni di lavorazione, 10 kg di pasta 69 kg di farina, 27,6 litri d'acqua, 15 kg di tuorli, 27 kg di burro, 18 kg di zucchero, 18 kg di uvetta e 11 kg di canditi d'arancia, tre impasti, una lievitazione di otto ore e poi la cottura in forno di due metri di altezza per 1,5 metri di larghezza. L'iniziativa è patrocinata dal Comune di Milano e organizzata da Confcommercio Milano, in collaborazione con Fiera Milano Spa, Camera di Commercio Metropolitana, APA Confartigianato Imprese Milano, Monza e Brianza e Unione Artigiani di Milano e Provincia. Contemporaneamente verranno distribuite altre fette di panettoni artigianali in tutta la Galleria. Ma il fine settimana dedicato dolce milanese più famoso del mondo comincia già oggi con le degustazioni gratuite di panettoni artigianali nelle pasticcerie e panetterie che hanno aderito all'iniziativa.

12:19Savoia: presto in Piemonte anche salma Vittorio Emanuele III

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 16 DIC - Le spoglie di re Vittorio Emanuele III di Savoia saranno traslate nel Santuario di Vicoforte, nel Cuneese, e troveranno posto in loculo accanto a quello in cui è stata accolta la salma della moglie, la regina Elena. E' quanto si apprende da una nota del rettore della basilica, don Meo Bessone. Vittorio Emanuele III è oggi sepolto ad Alessandria d' Egitto. Per ora non si conosce la data di arrivo delle spoglie di Vittorio Emanuele III, re d'Italia dal 1900 al 1946, quando abdicò in favore del figlio Umberto II. In attesa che le sue spoglie vengano traslate, resta chiusa la cappella di San Bernardo, dove ieri il rettore, don Meo Bessone, ha celebrato la preghiera prevista dal rito delle esequie per l'arrivo delle spoglie della regina Elena. La cappella è nota anche come mausoleo del duca Carlo Emanuele I, che vi è sepolto, e che sostenne l'inizio della costruzione del santuario tra il 1596 e i primi anni del '600.

12:14Scherma: sciabola,Grand Prix Fie bene avvio azzurre a Cancun

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ottimo esordio azzurro nella sciabola femminile sulle pedane di Cancun, dove nella notte italiana ha preso il via il Grand Prix FIE. Tutte le atlete italiane si sono qualificate al tabellone principale. Nel primo turno del main draw dunque tutte lin pedana le dodici le azzurre giunte a Cancun. Alle già ammesse di diritto come teste di serie, Rossella Gregorio, Irene Vecchi, Loreta Gulotta e Martina Criscio, nella giornata preliminare si sono aggiunte, immediatamente dopo la fase a gironi, Arianna Errigo, Sofia Ciaraglia, Chiara Mormile e Martina Petraglia. Per Caterina Navarria, Camilla Fondi, Rebecca Gargano e Michela Battiston si sono invece aperte le porte del tabellone di qualificazione. Navarria ha vinto per 15-12 il match contro la giapponese Aoki, mentre con lo stesso punteggio Fondi ha avuto ragione della spagnola Navarro. Gargano ha superato invece 15-13 l'altra spagnola Portugues, infine Battiston ha avuto la meglio col punteggio di 15-6 della sudcoreana Jiyoung. (ANSA).

12:01Natale e Capodanno, 15,3 milioni in viaggio (+7,7%)

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Ben 15 milioni e 298 mila italiani (+7,7% rispetto al 2016) saranno in viaggio in occasione delle feste di Natale e Capodanno e trascorreranno fuori casa in media 3,9 notti. Di questi, il 33,3% contro il 29,2% dello scorso anno approfitterà per fare una vacanza "lunga", cioè a cavallo tra le due ricorrenze. Lo rileva Federalberghi. L'84% di chi parte resterà in Italia. Il giro d'affari complessivo determinato da questo movimento turistico toccherà i 9,9 miliardi di euro (+13,3% rispetto al 2016).

Archivio Ultima ora