Rinvio Comites: Nuove liste sì, nuove liste no?

Pubblicato il 04 dicembre 2014 da redazione

rinvioVotocomites1

MELBOURNE. – Si rivolge “a tutti coloro che si oppongo alla presentazione di una nuova lista di candidati per le elezioni del Comites ad aprile 2015”, chiedendo loro le motivazioni di tale opposizione. È Joe Cossari del CTIM Australia, che si chiede: “Sono forse intimoriti da una competizione elettorale? Qual è il vero motivo per opporsi all’arrivo di nuovi candidati e nuove liste? Dubitate forse delle vostre abilità nel competere in una gara elettorale con altri candidati?” “Non capisco quale sia la vostra preoccupazione”, insiste Cossari, “dato che tutto ciò si basa su uno spirito di volontariato e non vi è compenso monetario legato alla “poltrona”. La democrazia è basata sulla partecipazione e diventa più forte man mano che la partecipazione aumenta. Un comportamento dispotico da dittatore “Tinpot” che teme la competizione elettorale è completamente all’opposto di questo concetto”. Cossari spiega di aver “richiesto alla commissione che supervisiona queste elezioni di fare in modo che le porte siano aperte a più liste possibili, così da aumentare la partecipazione della comunità: è un dato negativo quello che ci proviene dalla partecipazione al voto. In una città come Melbourne con 50.000 italiani, una partecipazione al voto di appena 600 persone è una enorme sconfitta del sistema elettorale Comites”. Per il rappresentante del CTIM australiano “la difesa di interessi personali e la chiusura ad una più ampia partecipazione attiva alle elezioni sono il motivo di questo fallimento. Se nulla cambia”, sostiene, “compresa la legge la quale rappresenta il minimo comune denominatore di questo fallimentare sistema, anche le elezioni di aprile prossimo saranno un fallimento epocale. I vecchi tempi, come ci ricorda il Premier Renzi, sono terminati”. “Sotto il peso della neve invernale i rami del Pino si piegano ma non si spezzano e l’albero resiste per riassumere la propria gloria in primavera”: Cossari cita “questo vecchio modo di dire per sottolineare come nulla cambierà se non si parte dalla legge e coloro che otterranno la vittoria con queste regole in primavera avranno una vittoria di nulla valenza”. “L’ultima vittoria del PD”, conclude Joe Cossari, “è decisamente di basso valore dato che è stata raggiunta in un contesto dove la competizione è stata bloccata sul nascere”.

E da Montevideo: “angosciante e farraginosa”, così Giovanni Costanzelli, presidente del Ctim – Uruguay intitolato a Bruno Zoratto, definisce la consultazione elettorale per il rinnovo dei Comites. Rappresentante della lista civica “SI! Siamo Italiani”, poi non ammessa alle elezioni stesse, si rivolge, attraverso una lettera inviata alla redazione dell’Aise, al governo, al Ministero degli Affari Esteri nonché ai parlamentari eletti all’estero affinché “il decreto legge n.168, con cui si è deciso di spostare la data di elezione dei Comites, sia emendato e riformulato in virtù di garantire la partecipazione delle liste escluse a causa dei discutibili tempi e modalità finora applicate”. In una precedente lettera inviata ai vertici del Ministero degli Affari Esteri, Costanzelli ricorda di aver denunciato “una serie di difficoltà e carenze da parte della cancelleria consolare, fatto che ha causato la presentazione fuori tempo massimo delle firme di sottoscrizione della nostra lista; e conseguentemente, grazie al voto del presidente dell’Ufficio elettorale, la nostra lista veniva dichiarata dal CEC non ammessa”. Oggi che le elezione dei Comites sono state rimandate al 17 aprile 2015, Costanzelli manifesta alcune riflessioni. “Il rinvio, come pubblicamente noto, è stato causato dalla scarsa iscrizione al voto da parte dell’elettorato attivo”, afferma. “Una novità, quella della iscrizione al voto, imposta da un decreto dell’agosto 2014 che ha novellato (leggasi peggiorato) la sclerotica legge dei Comites del 23 ottobre 2003 n.286”. Secondo Costanzelli “il Ministero degli Affari Esteri e il partito di governo con questa proroga stanno tentando di ottenere più numeri per poter giustificare una spesa di 7.000.000 di euro ovvero un costo che, allo stato attuale, ha interessato solo il 2 per cento degli aventi diritto al voto. Un flop di carattere macroscopico e vergognoso”, denuncia, “per chi ha gestito finora questo esercizio elettorale”. Costanzelli non lesina critiche. “È chiaro che elezioni così pasticciate”, dice, “sono un evidente segno di poca volontà e disinteresse della vita degli italiani all’estero. E questo probabilmente nasce dall’immagine e dalle pessime gestioni degli attuali i Comites e dei rappresentanti Cgie. Per anni”, insiste, “a Montevideo, come in tutti gli altri Comites del nostro mondo di italiani all’estero, questi enti rappresentativi sono stati solo la espressione di interessi delle persone legate ai Patronati e autoreferenziali”.

Quanto alla lista cui Costanzelli aveva aderito, afferma: “La nostra lista “SI! Siamo Italiani”, nata spontaneamente e non vincolata a nessun partito, ha sentito l’esigenza di costituirsi per poter partecipare ad un Comites che sia rappresentativo di tutta la collettività e di tutte le associazioni; si è così pensato, immaginato di costituire un Comites che possa guardare alle esigenze attuali ma anche nel ricordo del passato, dell’epopea della nostra emigrazione in Uruguay, di noi venuti dal mare e che da Garibaldi ai giorni nostri ha segnato la storia, la cultura e la società di questo Paese, l’Uruguay. Lontani migliaia e migliaia di chilometri dall’Italia ma così italiani da sentirci sempre legati alla nostra cara Italia. Ed è per questo che ci siamo mossi, noi della lista “SI!” per volere un Comites che potessere riapproparsi di tutto quello che ci hanno fatto perdere: l’Ospedale Italiano, la Camera di Commercio, il Consolato. Il nostro è stato un moto di orgoglio di fronte allo sgretolamento delle istituzioni. Perchè ci siamo, ma non siamo rappresentati!”. “La legge sui Comites doveva essere revisionata per intero. Le autorità preposte e i politici non hanno voluto affrontare questo argomento e quindi siamo tutti impantanati!”, continua Costanzelli. “Il rinvio del voto chiaramente è motivato per avere una piu ampia platea elettorale e quindi assicurare l’esercizio democratico della partecipazione di tutti noi italiani all’estero. Peraltro questo diritto al voto viene ad essere comunque non garantito se non si riaprono i termini per l’ammissione alla partecipazione delle liste elettorali. I tempi e le modalità, ma soprattutto la disorganizzazione delle autorità preposte ad assicurare questo diritto hanno finora escluso una possibile partecipazione democratica. Se gli italiani all’estero non possono essere giustamente rappresentati, perchè quindi andare a votare? Comprendiamo che le liste già presentate e nella maggioranza dei casi agganciate ai patronati o ai partiti consolidati non vedano di buon occhio l’entrata in scena di cittadini che non hanno nessun interesse se non quello di difendere l’italianità all’estero, ma se si continua sempre con le stesse persone, sempre con gli stessi interessi, i futuri Comites saranno sempre la stessa minestra riscaldata”.

“Chiediamo quindi ai nostri rappresentanti onorevoli deputati e senatori, ma anche al Ministero degli Affari Esteri”, ecco la richiesta di Costanzelli e della sua lista, “di considerare quest’esercizio democratico in forma più appropriata e democratica, scevra da evidenti parzialità che rendono il tutto una premessa a divisioni, contrasti e critiche più che giustificate e che danno una pessima immagine del mondo e degli operatori dell’emigrazione. La lista “SI! Siamo Italiani”, nell’ottica di poter esercitare il diritto alla partecipazione democratica dell’elettorato attivo e passivo auspica che il decreto legge n.168, con cui si è deciso di spostare la data di elezione dei Comites, sia emendato e riformulato in virtù di garantire la partecipazione delle liste escluse a causa dei discutibili tempi e modalità finora applicate”. “Preme osservare”, conclude Costanzelli, “che questa operazione di garanzia democratica non implicherà costi aggiuntivi a quanto già stanziato per la consultazione elettorale. Mentre se realizzata, potrebbe invece essere percepita dai residenti all’estero, come un fattivo segnale di buona volontà verso questi italiani all’estero, questi milioni di italiani che in fondo sono la ragione dell’esistenza, del lavoro e delle prebende di onorevoli deputati, senatori, così come dei funzionari del Ministero Affari Esteri e dei patronati e della stampa all’estero. Non meriteremmo quindi maggiore rispetto e considerazione?”.

Ultima ora

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

22:50Bimbo di due mesi trovato morto in culla dai genitori

(ANSA) - CAGLIARI, 11 DIC - Era in culla e non respirava più. Così un padre e una madre, lui 39 anni lei 33, di Sant'Antioco, nel Sulcis, hanno trovato il corpo senza vita del figlioletto di soli due mesi. La tragedia, su cui stanno indagando i carabinieri, è avvenuta in una abitazione di via Matteotti, alle 18.30, orario in cui i genitori del piccolo hanno chiamato i soccorsi. Sul posto sono arrivati i medici del 118 che hanno solo potuto constatare il decesso. In via Matteotti sono poi arrivati i militari della Stazione che hanno raccolto le prime testimonianze. Dai primi accertamenti, non sarebbero stati riscontrati segni di violenza sul corpicino: si tende ad escludere l'azione di terzi. Il magistrato di turno ha comunque disposto il trasferimento della salma del piccolo al Policlinico di Monserrato dove sarà eseguita l'autopsia.

21:59Argentina: milioni di pesos falsi contro la corruzione

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - In occasione della Giornata nazionale contro la corruzione, i cittadini di San Salvador de Jujuy, città dell'Argentina nordoccidentale, hanno trovato per strada una montagna di denaro falso pari a 716 milioni di pesos argentini (circa 35 milioni di euro). L'iniziativa è stata realizzata dall'ufficio provinciale anticorruzione per informare i cittadini sugli effetti negativi della corruzione. L'ufficio ha voluto realizzare, in occasione del 9 novembre in Argentina, una riproduzione in scala di tutto il denaro che non si è potuto utilizzare per la costruzione di oltre 2.200 alloggi popolari. I fondi sarebbero coinvolti nel caso che vede sotto accusa la dirigente sociale Milagro Sala, attualmente detenuta per presunta frode, associazione a delinquere ed estorsione. L'iniziativa, costituita da quattro strutture cubiche, rappresentavano gli oltre 716 milioni di pesos la cui destinazione finale non è stata ancora chiarita.

21:55Pentagono ‘ignora’ Trump, transgender possono arruolarsi

(ANSA) - WASHINGTON, 11 DIC - Il Pentagono ha annunciato che consentirà ai transgender di partecipare all'arruolamento che comincia il primo gennaio, nonostante l'opposizione del presidente Donald Trump. Una mossa che, secondo gli osservatori, riflette le crescenti pressioni legali sulla questione e le difficoltà da parte del governo federale di attuare la richiesta del tycoon di bandire i transgender dall'esercito. Le sue direttive finora sono state bocciate da due corti federali. Le aspiranti reclute dovranno tuttavia superare una serie di esami fisici, psicologici e medici che potrebbero rendere più difficile ottenere la divisa.

21:53Putin sbarcato ad Ankara, faccia a faccia con Erdogan

(ANSA) - ISTANBUL, 11 DIC - Il presidente russo Vladimir Putin è sbarcato ad Ankara, ultima tappa del suo tour de force mediorientale che oggi lo ha portato nella base russa di Hmeimim in Siria, dove ha incontrato il suo omologo Bashar al Assad, e poi al Cairo per colloqui con il presidente egiziano Abdel Fattah al Sisi. In Turchia, il capo del Cremlino avrà un faccia a faccia con il presidente Recep Tayyip Erdogan sulle crisi regionali - dalla Siria a Gerusalemme - e i rapporti bilaterali, con un focus sulla cooperazione energetica e il progetto russo della prima centrale nucleare turca ad Akkuyu. Negli ultimi mesi, i due leader hanno avuto numerosi contatti. Il faccia a faccia di oggi, seguito da una conferenza stampa congiunta, è il terzo nell'ultimo mese.

Archivio Ultima ora