L’America indignata, ondata di proteste contro il razzismo

Pubblicato il 04 dicembre 2014 da redazione

People Protest over no indictment in Eric Garner's chokehold case in New York City

NEW YORK. – L’America non smette di indignarsi. Almeno quella parte del Paese – non solo neri ma anche tantissimi bianchi, ispanici, asiatici – che non tollera più l’eccesso di violenza della polizia e il sospetto che dietro ad essa ci sia un razzismo strisciante. Così una nuova ondata di proteste sta scuotendo l’intero Paese. Ferguson, Cleveland, New York, e – tornando un po’ indietro nel tempo – Sanford, in Florida, dove a morire fu Trayvon Martin: troppi i casi da un angolo all’altro degli Stati Uniti in cui afroamericani disarmati, e spesso appena teenager, vengono uccisi da poliziotti bianchi. La misura sembra colma, e i leader dei movimenti per la difesa dei diritti civili, il reverendo Al Sharpton in testa, hanno annunciato una grande marcia a Washington per il prossimo 13 dicembre. Una manifestazione che riecheggia quel 28 agosto 1963 quando, al culmine della storica manifestazione contro la discriminazione nei confronti della comunità afroamericana, Martin Luther King pronunciò il celebre discorso ‘I Have a Dream’. La goccia che ha fatto traboccare il vaso – a pochi giorni dai nuovi disordini di Ferguson – è l’ennesima ‘assoluzione’ di un agente di razza bianca che a New York la scorsa estate uccise l’ennesimo afroamericano disarmato, stavolta soffocandolo con una stretta ‘illegale’ al collo. Dopo la discutibile decisione del Gran Giurì (difficile da comprendere di fronte al video shock da giorni trasmesso 24 ore su 24 da tutti i canali tv) la rabbia è scoppiata nella Grande Mela e in decine di altre città americane, da Seattle a Okland, da Los Angeles a Chicago, con cortei spontanei andati avanti tutta la notte. E anche con blocchi stradali e auto incendiate. Solo a New York – dove si è manifestato in molti luoghi simbolo della città (da Times Square alla Rockfeller Plaza al Radio City Hall) – sarebbero un centinaio gli arresti. E i manifestanti giurano che torneranno in strada. Il presidente americano Barack Obama e il sindaco della Grande Mela Bill de Blasio nelle ultime ore hanno più di una volta espresso la loro ira. “Tutti i cittadini devono essere uguali davanti alla legge”, ha ammonito Obama, ribadendo il suo massimo impegno per imprimere una svolta, per affrontare una situazione che – ha detto – “è un problema di tutta l’America”. De Blasio, che ha fatto della riforma della polizia uno dei cavalli di battaglia della sua campagna elettorale e che ha confessato di aver paura anche per suo figlio Dante, si appresta ad annunciare una rivoluzione nella formazione degli agenti newyorkesi. E il guardasigilli, Eric Holder, ha ribadito che “è ora di fare di più”, ricordando come l’inchiesta federale sull’uccisione di Michael Brown a Ferguson va avanti, nonostante la decisione del Gran Giurì di scagionare l’agente Darren Wilson. E, ha annunciato il ministro della giustizia, le indagini sul caso del dodicenne con la pistola giocattolo ucciso a Cleveland hanno accertato “un uso eccessivo della forza da parte degli agenti”, che ora saranno chiamati a rispondere del caso. Non solo: Holder ha sottolineato come si stia già lavorando giorno e notte alla stretta sulla polizia annunciata giorni fa da Obama: dalla ‘demilitarizzazione’ degli agenti alla fine dell’odiato ‘stop and frisk’, la pratica secondo cui gli agenti possono fermare e perquisire chiunque giudichino a loro discrezione sospetto, anche solo in base al colore della pelle. E in molte città, tra cui New York, è pronta a partire la sperimentazione delle ‘body camera’, le telecamerine che gli agenti dovranno indossare sulla divisa mentre sono in servizio. Intanto la moglie di Eric Garner, l’afroamericano di 43 anni soffocato a New York, chiede a gran voce giustizia e nega ogni perdono all’agente Daniel Pantaleo, che si è difeso dicendo che non era sua intenzione fare del male a nessuno. Commuove però il grido di dolore di Erica, la figlia della vittima: “C’è un video con mio padre che supplica dicendo che non può più respirare e muore sul marciapiede. Cosa si dovrà fare ancora perché le cose cambino?” (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora