South Stream addio. Gazprom, progetto chiuso per sempre

Pubblicato il 06 dicembre 2014 da redazione

Putin, Ue sabota South Stream, gas può andare altrove

MOSCA.- Il South Stream non si farà. A smentire le voci secondo cui la realizzazione del gasdotto sarebbe stata accantonata da Mosca solo temporaneamente è il numero uno della Gazprom, Alexiei Miller, che in un’intervista tv ha dichiarato il capitolo “assolutamente chiuso in maniera definitiva”. Una sentenza che appare inappellabile e che è stata pronunciata proprio a ridosso dell’incontro di questo pomeriggio a Mosca tra il presidente francese Francois Hollande e il leader del Cremlino Vladimir Putin in quella che è stata la prima visita di un leader occidentale in Russia da quando è iniziata la crisi ucraina. L’intervento di Miller conferma (ancora una volta) le parole pronunciate lunedì scorso ad Ankara dallo ‘zar’ di Mosca: “Se l’Unione europea non vuole che si faccia, allora non lo faremo”, aveva detto serafico Putin. Le tensioni tra Ue e Mosca avevano comunque da tempo ridotto le probabilità che si arrivasse a una “legalizzazione” dei metanodotti nel rispetto del Terzo pacchetto Energia. E così non è chiaro fino a che punto quello del presidente russo sia stato uno schiaffo a Bruxelles e quanto invece si sia trattato di una scelta obbligata. A posare una sorta di pietra tombale sul gasdotto che avrebbe dovuto portare il metano russo in Europa attraverso il Mar Nero ci ha comunque pensato Miller, poco prima dell’incontro tra Putin e Hollande all’aeroporto moscovita di Vnukovo annunciato da Parigi solo all’ultimo momento. La crisi ucraina – con l’annessione della Crimea da parte della Russia e il conflitto nel Donbass, dove Mosca è accusata di sostenere militarmente i separatisti – ha inasprito le relazioni tra il Cremlino da un lato e Ue e Usa dall’altro al punto da evocare gli spettri di una nuova guerra fredda. Ed è proprio uno scenario del genere che l’inquilino dell’Eliseo ha detto di voler scongiurare, affermando che bisogna evitare che “altri muri vengano a separare” Russia e Occidente: un chiaro riferimento al Muro di Berlino, simbolo per decenni della cosiddetta cortina di ferro del secolo scorso. Da parte sua Putin ha precisato a riunione conclusa che Parigi dovrà restituire a Mosca la somma già versata per le due navi da guerra Mistral se deciderà di non consegnare le portaelicotteri secondo quanto stabilito in un accordo dal valore di 1,2 miliardi di dollari concluso nel giugno 2011. Mentre durante il vertice con il leader francese ha auspicato che si raggiunga un accordo di tregua duraturo nel sud-est ucraino, dove da aprile nel sanguinoso conflitto tra le truppe governative e i separatisti filorussi hanno perso la vita più di 4.300 persone. Tra cui 1.252 soldati di Kiev, ha precisato oggi il presidente ucraino Petro Poroshenko poco prima di annunciare che martedì prossimo, il 9 dicembre, a Minsk si svolgerà il prossimo vertice Osce-Mosca-Kiev-ribelli per cercare di mettere fine allo spargimento di sangue che va avanti ormai da otto mesi. E proprio lo stesso giorno dovrebbe in teoria iniziare una tregua tra i separatisti e i soldati ucraini. Anche se finora i tanti cessate il fuoco annunciati sono sempre rimasti lettera morta. L’abbandono del progetto South Stream – che vedeva l’Eni in prima fila con il 20% della joint venture South Stream Transport Bv – potrebbe paradossalmente far restare cruciale il passaggio del metano russo verso l’Europa dai gasdotti dell’Ucraina, l’ex repubblica sovietica ai ferri corti con Mosca da quando la rivolta di Maidan ha portato al potere un governo filo-occidentale. Ma Miller non la pensa assolutamente così: “Il ruolo dell’Ucraina come Paese di transito sarà ridotto a zero”, ha tuonato l’ad di Gazprom, evocando “itinerari alternativi” per portare l’oro blu nel Vecchio Continente. Il “nuovo partner strategico” della Russia nel settore del gas sembra essere la Turchia, alla quale è destinato un nuovo gasdotto per la cui realizzazione Putin ha già annunciato un accordo preliminare con la turca Botas. Niente spazio per i ripensamenti, insomma, anche perché il nuovo metanodotto avrà non a caso la stessa capacità del South Stream, cioè 63 miliardi di metri cubi l’anno. E da gennaio Istanbul otterrà il 20% di gas in più via Blue Stream, con uno sconto del 6%. Conseguenze di una geopolitica che cambia. (di Giuseppe Agliastro/ANSA)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora