Fallisce il blitz contro al Qaida, muore l’ostaggio Usa

Pubblicato il 06 dicembre 2014 da redazione

Luke Somers (nel riquadro l'appello di madre e fratello)

NEW YORK. – I jihadisti di Aqap, ramo di al Qaida nella Penisola arabica, avevano lanciato il loro ultimatum alcuni giorni fa in un video, minacciando di uccidere l’ostaggio americano Luke Somers, rapito nella capitale dello Yemen nel settembre del 2013. Così a Barack Obama non è rimasto che tentare di nuovo la carta dell’azione. Ma stavolta il raid che doveva servire a liberare il trentatreenne fotoreporter di origini britanniche si è concluso tragicamente con la sua morte. E con la morte di un secondo ostaggio, l’insegnante sudafricano Pierre Korkie, che nelle prossime ore sarebbe stato rilasciato dai terroristi. Un fallimento dunque che – come sottolineano alcuni osservatori statunitensi – mostra molti dei limiti della strategia della Casa Bianca, contraria all’invio di truppe di terra nella lotta all’Isis e ad al Qaida. I cosiddetti ‘boots on the ground’ a cui nella ‘dottrina Obama’ vengono preferiti i raid aerei e rischiosissime azioni mirate da parte di commando delle forze speciali. Ma in territori remoti, impervi e senza sostegno sul campo, non tutte le operazioni possono riuscire perfettamente come quella che nel maggio 2011 portò all’uccisione di Osama bin Laden nel suo fortino di Abbottabad, in Pakistan. Il presidente americano, che nelle prossime ore potrebbe finire al centro di nuove polemiche, si è subito assunto tutta la responsabilità del blitz fallito. “Ho dato io l’autorizzazione – ha spiegato – perché la vita di Somers correva un pericolo imminente”. Ed è dovere di un presidente fare tutto il possibile per salvare un cittadino americano. Tutto tranne che pagare riscatti, una linea questa che l’amministrazione statunitense non vuole assolutamente cambiare. In aperto scontro con i governi europei, che invece trattano – più o meno alla luce del sole – con i terroristi per la liberazione di ostaggi in cambio di denaro. “Li hanno assassinati”, ha detto Obama. Il capo del Pentagono, Chuck Hagel, ha spiegato che Somers e Korkie sono morti per le gravi ferite inferte loro dai terroristi, quando questi, nella notte tra venerdì e sabato, si sono accorti di essere sotto attacco. Dunque nessuna possibilità – almeno nella versione ufficiale – che i due ostaggi possano essere stati colpiti da ‘fuoco amico’ nel corso della battaglia scatenatasi nel compound in cui erano tenuti prigionieri, in un villaggio del sud dello Yemen. Portati via ancora in vita – raccontano al Pentagono – Somers e Korkie sono morti subito dopo mentre ricevevano le cure dei medici: uno su un aereo militare, l’altro su un mezzo anfibio della Us Navy al largo delle coste yemenite. Nel villaggio di Wadi Abadan sono rimasti uccisi anche alcuni jihadisti e almeno otto civili, mentre tra i feriti secondo i testimoni ci sarebbero anche alcuni bambini. L’attacco, infatti, è stato molto violento e condotto anche con l’uso di granate. Il piano, studiato per settimane nei minimi dettagli, è saltato quando un centinaio di uomini del commando – trasportati nella zona da elicotteri – era arrivato a meno di cento metri dalla prigione dei due ostaggi. Improvvisamente qualcosa è andato storto, e molto probabilmente un rumore – raccontano fonti del Pentagono – ha messo in guardia i jihadisti. Così l’effetto sorpresa è svanito rendendo tutto molto più difficile. E trasformando il raid in un tragico smacco. (di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

14:58Calcio: Wenger, City? ha idee e petrolio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Le 15 vittorie di fila del Manchester City hanno cancellato uno dei tanti record dell'Arsenal degli 'invincibili' della stagione 2003-2004 e il tecnico di allora, che ancora oggi siede sulla panchina dei Gunners, Arsene Wenger rende merito alla squadra di Guardiola anche se, puntualizza, "Noi a quel tempo avevamo idee, ma non avevamo petrolio e idee, il che li rende ancora più efficienti". In quella stagione 2003-2004, l'Arsenal riuscì a rimanere imbattuta, con 26 vittorie e 12 pareggi, mentre Guardiola ha per il momento 16 vittorie e un pareggio.

14:56Preso Igor, condoglianze premier a Rajoy per agenti uccisi

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Fatto le mie condoglianze a Mariano Rajoy per i due agenti e per il cittadino spagnolo uccisi stanotte nel corso dell'arresto del criminale Igor. Il mio pensiero va alle vittime di Budrio e alle loro famiglie". Lo scrive su twitter il premier Paolo Gentiloni dopo l'arresto in Spagna del killer di Budrio.

14:43Ddl Bolkestein: Lega, per fortuna affossato testo del Pd

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "È stata una lunga battaglia che ci ha visti sempre dalla parte di balneari, ambulanti e di tutte le categorie vessate dall'assurda direttiva Bolkestein. Ieri per fortuna il ddl sui balneari del Pd è stato affossato in commissione e le imprese del settore possono tirare un sospiro di sollievo. La battaglia della Lega continua perché l'obiettivo è quello di cancellare la Bolkestein che impone vincoli inaccettabili. Non vogliamo mettere cappelli sulla vittoria, non è nel nostro stile ma siamo solo molto soddisfatti per il lavoro fatto e soprattutto siamo felici per l'indotto del settore balneare che è al sicuro dalle follie del partito democratico" . Così i senatori della Lega Consiglio Nunziante, Stefano Candiani e Paolo Tosato commentano l'affossamento definitivo del provvedimento con il quale si voleva adottare in Italia la direttiva europea sulle concessioni balneari e per gli ambulanti.

14:36Calcio: Zenga, voglio un Crotone che proponga gioco

(ANSA) - CROTONE, 15 DIC - "Voglio una squadra che proponga gioco e che sappia portare i tifosi della sua parte". Si presenta così alla prima conferenza stampa pregara Walter Zenga, da una settimana alla guida del Crotone. Conferenza mattutina quella di Zenga (che offre la colazione ai giornalisti) nella quale l'allenatore ha spiegato che "è stata una settimana intensa, trascorsa a conoscere l'ambiente, i calciatori, le persone che lavorano per la società e la città. Mi sembra - ha aggiunto - di essere tornato a Catania dove c'è molta familiarità con la società, dove i punti di riferimento a cui rivolgersi sono precisi. Qui c'è un grande senso di appartenenza alla squadra da parte delle persone che lavorano con l'Fc Crotone e dei tifosi. Se uniamo tutte queste componenti possiamo fare un bel lavoro. Io ha precisato Zenga - ci metto la mia passione che voglio trasmettere alla squadra perché coinvolga poi anche il pubblico che deve aiutarci soprattutto nei momenti di difficoltà e non solo quando si gioca bene".

14:32Calcio: Oddo, non sarà l’Inter vista col Pordenone

(ANSA) - UDINE, 15 DIC - "Scordatevi la gara con il Pordenone". Il tecnico dell'Udinese Massimo Oddo, che domani andrà a fare visita all'Inter, non vuole fare paragoni con l'impresa sfiorata in settimana in Coppa Italia dai 'ramarri'. "Il Pordenone ha fatto una partita eccezionale. Complimenti a Leo Colucci. Ma quella - rimarca - è un'altra situazione. Sarà un'altra gara. E' un'altra squadra, un'altra impostazione, un altro approccio alla gara. Domani sarà difficile, affrontiamo la prima della classe. Andiamo a Milano con gran rispetto, consapevoli di affrontare una delle squadre più in forma del campionato. Ma ci sono sempre tre punti in palio". Oddo avrà a disposizione Lasagna, Perica e Behrami. "Tutti convocati e disponibili, anche se Behrami non ha ancora i 90' nelle gambe", precisa il tecnico che dovrà rinunciare a Samir e Angella.

14:32Maltempo: circolazione treni ferma alle porte di Sassari

(ANSA) - CAGLIARI, 15 DIC - Circolazione dei treni ferma nel Nord Sardegna a causa del maltempo, che sta colpendo l'Isola con abbondanti piogge e forte vento. Dalle 12:20 è bloccata la linea ferrata tra Sassari e Scala di Giocca, alle porte del capoluogo turritano. I convogli, infatti, non possono transitare a causa dell'allagamento di un tratto di quattro chilometri: attualmente non ci sono treni fermi sulla linea, ma solo un convoglio che è rimasto nella stazione di Sassari. Trenitalia sta verificando la possibilità di prevedere autobus sostitutivi per i passeggeri rimasti nelle stazioni. (ANSA).

14:29Di Maio, Boschi è un conflitto di interesse vivente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Il fatto che Boschi, che era ed è parte potente del governo, si fosse premurata in quegli anni di andare da Unicredit o da Consob per occuparsi della banca del padre è deplorevole ed è conflitto di interesse". Lo ha detto Luigi Di Maio a Radio anch'io, su RadioRai1. "E' come sparare sulla Croce Rossa - ha aggiunto - non è un ministro ma un conflitto di interesse vivente".

Archivio Ultima ora