Dietrofront alla Camera, meno poteri al Senato

Pubblicato il 06 dicembre 2014 da redazione

L. stabilità: Camera, ok a Manovra, va al Senato

ROMA. – La Camera toglie al futuro Senato quei poteri che Palazzo Madama aveva inserito nel testo del governo: così si può sintetizzare il voto della commissione Affari costituzionali della Camera sugli emendamenti al primo articolo della riforma del bicameralismo. Un voto bipartisan, con la minoranza del Pd che è stata tra i proponenti della modifica delle norme che invece la stessa minoranza del Pd, in Senato, aveva chiesto ed ottenuto di inserire nel ddl Boschi. Dopo alcuni giorni di stallo, per cercare le intese su una serie di nodi irrisolti, specie a causa degli emendamenti della minoranza Pd, oggi la Commissione Affari Costituzionali di Montecitorio ha preso di petto uno di questi nodi: il primo articolo del ddl, quello che supera l’attuale bicameralismo, e che assegna al Senato il ruolo di rappresentare le Regioni. Su questo articolo il governo aveva dovuto subire a luglio delle modifiche al proprio testo, allorché a Palazzo Madama passarono degli emendamenti della minoranza Pd (Vannino Chiti, Corradino Mineo, ecc) e dei dissidenti centristi (Mario Mauro, Tito Di Maggio) che attribuirono al futuro Senato delle Regioni la competenza legislativa sui temi etici (articoli 29 e 32 Costituzione). Ma alla Camera il ministro Maria Elena Boschi ha trovato un emendamento della minoranza Pd (prima firma Andrea Giorgis) che ripristinava il testo originario del governo. Per altro, proposte simili erano state presentate da tutti gli altri gruppi. E’ stato quindi approvato un emendamento di sintesi, scritto dai due relatori Francesco Paolo Sisto (FI) ed Emanuele Fiano (Pd) con un voto trasversale. Eliminato anche un altro potere introdotto a Palazzo Madama, quello di “controllo e valutazione delle politiche pubbliche”. Il che implicava che il Senato avrebbe “controllato” le leggi approvate dalla Camera e l’attuazione da parte del governo, al quale però non dà più la fiducia. Ipotesi che è stata considerata “un controsenso”. Soddisfatta il ministro Boschi che ha parlato di “buon lavoro oggi in Commissione alla Camera sulla riforma”. La “correzione è giusta” ha detto, sottolineando che si ritorna al testo del governo. E unanime è stato il giudizio degli altri gruppi, da Dorina Bianchi (Ncd), presentatrice di uno degli emendamenti, alla minoranza Pd di Montecitorio che con Giorgis parla di “piccolo ma significativo passo avanti”. Negativa, invece, la valutazione dei senatori che avevano proposto e ottenuto le modifiche nella precedente lettura, da Corradino Mineo a Mario Mauro e Vannino Chiti. “Mi cadono le braccia” dice quest’ultimo. Mentre Mineo contesta il fatto che così facendo il nuovo Senato diventerà di fatto solo una Camera nelle mani dei partiti regionali”. Cosa che dopo lo scandalo di “Mafia Capitale” è a dir poco “inquietante”. Il problema ora è se questa modifica cambierà di nuovo o verrà confermata a Palazzo Madama, nel prossimo passaggio parlamentare, ma la Boschi invita a non preoccuparsi. Da segnalare il voto di FI concorde con la maggioranza e la presenza dei suoi deputati a tutte le riunioni in cui si sono decisi gli emendamenti (presente Massimo Parisi, deputato vicino a Denis Verdini). Mentre il Cav al telefono a Palermo avverte: noi abbiamo aderito al patto del Nazareno perché i nostri programmi sono identici a quelli di Renzi. Martedì giornata decisiva sia sulla riforma del bicameralismo, sia su quella elettorale all’esame della commissione Affari Costituzionali del Senato. Alla Camera si voterà l’articolo 2, sulla composizione del futuro Senato, su cui ci sono diversi emendamenti della minoranza Pd. In Senato, Anna Finocchiaro, relatrice alla riforma elettorale, presenterà gli emendamenti con la nuova versione dell’Italicum. (di Giovanni Innamorati/ANSA)

Ultima ora

15:38Iran: Università Novara, ‘Djalali torturato per confessione’

(ANSA) - NOVARA, 18 DIC - "Ma quale confessione! E' stato torturato finché non ha dovuto dire quanto volevano i suoi carcerieri". Il professore Francesco Della Corte, direttore del Credim, il Centro di ricerca interdipartimentale in medicina dei disastri dell'Università del Piemonte Orientale per cui ha lavorato Ahmadreza Djalali, commenta così la confessione del ricercatore iraniano che in televisione ha sostenuto di essere una spia, l'accusa per cui è stato arrestato e condannato a morte. "Non è bastato che venisse condannato a morte dal Tribunale della Rivoluzione di Teheran per reati mai commessi - prosegue Della Corte - ora hanno voluto che pubblicamente si accusasse, in modo da avere una scusa, di fronte all'opinione pubblica, per poterlo uccidere".

15:37Pyeongchang: Fontana, Corea? Nel villaggio saremo protetti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Per la situazione in Corea del Nord sono abbastanza tranquilla, perchè una volta entrati al villaggio olimpio saremo come in un bolla. Ci sentiremo, e saremo protetti, e saremo concentrati sulle gare. Quel che succede al di fuori, nei limiti, ci coinvolgerà relativamente". Arianna Fontana, portabandiera dell'Italia tra 53 giorni ai Giochi di PyeongChang, non si dice preoccupata per le tensioni internazionali caudate dalle minacce del regime di Pyeongyang. L'atleta, dopo aver ricevuto la bandiera al Quirinale dalle mani del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ribadito il suo dispiacere per il bando imposto dal Cio agli atleti russi per il doping: "Non bisogna fare di tutta l'erba un fascio. Ci sono molti atleti puliti che. Una ragazza russa che ho sentito - ha aggiunto - mi ha detto che sapranno solo a fine gennaio se potranno gareggiare. Mi dispiace, sono momenti non molto semplici".

15:36Turchia: 822 arresti per terrorismo in una settimana

(ANSA) - ISTANBUL, 18 DIC - Continuano in Turchia gli arresti di massa sotto lo stato d'emergenza post-golpe. Nell'ultima settimana, sono 822 le persone finite in manette con accuse di terrorismo. Lo rende noto il ministero degli Interni. La maggior parte (575) è sospettata di legami con la presunta rete golpista di Fethullah Gulen. Altre 148 sono state arrestate per supposti collegamenti con il Pkk curdo. Nelle operazioni contro il Pkk sono inoltre stati "neutralizzati" 28 combattenti, 9 dei quali uccisi. Detenuti anche 75 sospetti affiliati all'Isis e 24 a gruppi illegali di estrema sinistra. Dal tentato putsch dello scorso anno, in Turchia gli arresti per presunti reati di terrorismo sono più di 50 mila.

15:32Germania: Schulz chiede ministero finanze, Merkel frena

(ANSA) - BERLINO, 18 DIC - I media tedeschi affermano che Martin Schulz rivendicherebbe il ministero delle finanze per l'Spd, nel caso in cui si arrivasse a un governo di Grosse Koalition. Ma Angela Merkel, sollecitata in materia, frena. "Parlare di una distribuzione dei ministeri, non avendo ancora neppure la certezza di costruire insieme un governo, non mi sembra la sequenza giusta", ha affermato, rispondendo alle domande dei giornalisti, in conferenza stampa, rispetto a possibili desiderata dei socialdemocratici. È stato il giornale economico Handelsblatt a scrivere oggi, in prima pagina, che il leader dei socialdemocratici vorrebbe per il suo partito il ministero delle finanze.

15:25Calcio: Coppa Italia, Pasqua arbitra Napoli-Udinese

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Questi gli arbitri, gli assistenti, i IV Ufficiali, i Var e gli assistenti Var per le partite valide per gli ottavi di finale di Coppa Italia in programma da domani: Napoli-Udinese (19/12 ore 21): Pasqua di Tivoli Mondin-Bellutti/Di Paolo/Pairetto-Fiorito); Atalanta-Sassuolo (20/12 h.15): Ghersini di Genova (Rocca-La Notte/Minelli/Giacomelli-Ranghetti); Roma-Torino (20/12 ore 17.30): Calvarese di Teramo(Paganessi-Prenna/Abbattista/Banti-Di Vuolo); Juventus-Genoa (20/12 ore 20.45): Maresca di Napoli (La Rocca-Bindoni/Marini/Mariani-Alassio).

15:20Migranti: ok a progetto per impiego in Scavi Pompei e Reggia

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Una migliore distribuzione dei migranti sul territorio attraverso anche l'impiego sperimentale nei servizi sociali, in particolare in alcune realtà turistiche di grande pregio come gli Scavi di Pompei e la Reggia di Caserta. É il senso del protocollo d'intesa siglato oggi a Napoli con il ministro degli Interni Marco Minniti da 265 sindaci della Campania (il 70% del territorio) per l'accoglienza dei richiedenti asilo. "Un progetto bello e straordinario - ha sottolineato il ministro - che mette in campo una visione comune basata su accoglienza, umanità, integrazione e sicurezza e che se dovesse avere successo renderà migliore non solo la Campania ma l'Italia intera".

15:16Assad, 400 mld dollari di danni materiali dalla guerra

(ANSA) - MOSCA, 18 DIC - I danni materiali del conflitto in Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari: è la stima fatta dal controverso presidente siriano Bashar al Assad e riportata oggi dal vice premier russo Dmitri Rogozin. "Secondo le stime del presidente siriano - ha detto Rogozin - i danni provocati da questa aggressione contro la Siria ammontano a circa 400 miliardi di dollari".

Archivio Ultima ora