Dybala super, ma il Torino raggiunge due volte il Palermo

Soccer: Serie A; Torino-Palermo

TORINO. – Il Palermo fa paura, il Torino lo rimonta, per ben due volte, con il cuore. Finisce 2-2 il secondo posticipo della 14/esima giornata di campionato, che ha trovato in Dyabala un suo grande protagonista. Tra assist e gol, l’attaccante argentino regala ai siciliani il sesto risultato utile consecutivo. E rimanda ancora l’appunto con la vittoria dei granata, che non centrano i tre punti da 38 giorni. Un risultato giusto, il pari, anche se la squadra di Salvatore Sullo, il vice di Ventura questa sera squalificato, recrimina per le occasioni sprecate nel secondo tempo, quando i padroni di casa sono riusciti a scacciare i fantasmi della sconfitta nel derby e ad avere la meglio sul gioco del Palermo. I siciliani privi di Vasquez sono bravi a sfruttare il primo errore dei granata, al 17′ del primo tempo, con un super Dyabala che ruba palla ad El Kaddouri e serve al centro Rigoni il più facile dei gol. L’argentino gioca a tutto campo, regalando sprazzi di grande calcio e, probabilmente, facendo aumentare il rammarico del ct Conte, che non lo potrà avere con sè per la preferenza del giocatore per l’Argentina. Il pari dei padroni di casa è un lampo nel buio e porta la firma del venezuelano Martinez (36′ pt), al suo primo gol in campionato, bravo a difendere l’assist di Moretti e a battere Sorrentino – applaudito dai tifosi granata per i suoi trascorsi – in girata. Ma a fare la partita è il Palermo, che torna in vantaggio al 44′ con il solito Dyabala. Il 2-1 della squadra di Iachini è meritato e suggella l’ottimo momento del Palermo. Ma nel secondo tempo, complice anche il calo di un Maresca fischiatissimo dal pubblico che non gli ha mai perdonato un gol nel derby, quando giocava con la Juve, si vede un’altra partita. Il Toro ritrova il filo del gioco, fa ripartire la manovra in modo più veloce, e dimostra di meritare il 2-2. Sorrentino salva in tre occasioni su Martinez e Quagliarella (due volte), ma non può nulla sul colpo di testa di Glik lasciato libero di colpire in area su calcio d’angolo di El Kaddouri. Il Toro ci prova, Sullo fa entrare Amauri, ma è Darmian a sfiorare il due volte la rete: prima un suo fuorigioco di centimetri induce l’arbitro ad annullare l’autorete di Munoz, poi un suo sinistro sfiora il palo. Il risultato non cambia più.

Condividi: