Presidente contro la corruzione: “I criminali saranno colpiti. Grave decadimento della politica italiana”

Pubblicato il 10 dicembre 2014 da redazione

L'USCITA MORBIDA DI NAPOLITANO, SI ACCENDE LA CORSA AL COLLE

ROMA. – Il Paese è in uno stato di evidente “degrado” morale e sociale, stravolto da “faziosità” presenti in tutti i partiti, lacerato da criminali infiltrati nella politica, con un Parlamento di fatto bloccato nella sua attività legislativa. Ma soprattutto l’anti-politica dilagante rischia di “degenerare in patologia eversiva”. Mentre è iniziato il “count down” per la sua annunciata uscita dal Quirinale Giorgio Napolitano ha tracciato oggi un’analisi preoccupatissima della salute dell’Italia vedendo solo un raggio di luce nelle nuove leve di parlamentari ai quali chiede di recuperare “lo spirito di servizio”. salutando l’Accademia dei Lincei, il presidente della Repubblica ha disegnato in un complesso discorso un Paese profondamente in crisi, ferito dal dilagare della corruzione, incapace di resistere alle sirene del populismo, schiacciato nei propri egoismi, incapace di reagire e di portare a termine quelle riforme istituzionali per le quali si è tanto speso. Bisogna “frenare” subito quest’onda dell’antipolitica e devono essere proprio i partiti collettivamente a saper trovare gli anticorpi di un virus che ormai è conclamato. A partire da gran parte della classe dirigente messa oggi sotto accusa di miopia politica incapace di vedere il disastro che invece i cittadini percepiscono e che li avvicina al riflusso di un populismo che non solo cavalca i sentimenti facili della gente ma canalizza in Parlamento “metodi concreti di intimidazione fisica, di minaccia, di rifiuto di ogni regola e autorità”. Nessun riferimento preciso da Napolitano, ma Beppe Grillo ha subito tradotto le parole del capo dello Stato con una reazione durissima quanto istintiva: “Napolitano deve stare molto attento rischia che lo denunciamo per vilipendio del Movimento”, ha risposto seccamente lasciando il Senato, ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle parole del capo dello Stato. Il tutto nel giorno in cui il leader M5s lanciava il referendum anti-Euro. E Napolitano, convinto europeista, anche di questo ha parlato oggi stigmatizzando le troppe “svalutazioni sommarie e posizioni liquidatorie” che si registrano sull’Europa. “Bisogna riavvicinare i giovani alla politica”, ha premesso Napolitano ricordando come nell’Italia del dopoguerra un’intera generazione, sfinita dal fascismo e devastata dalla guerra, seppe riprendere in mano le redini del Paese spinta dalla voglia di “una politica pulita” capace di un potente processo costituente. Per questo il presidente ha voluto con forza garantire che i fenomeni di malavita e corruzione emersi a Roma verranno duramente stroncati: “Non deve mai apparire dubbia la volontà di prevenire e colpire infiltrazioni criminali e pratiche corruttive nella vita politica e amministrativa che si riproducono attraverso i più diversi canali come in questo momento è emerso dai clamorosi accertamenti della magistratura nella stessa capitale”, ha assicurato. Ma una delle constatazioni più amare di Napolitano è dedicata proprio al Parlamento. “Mai era accaduto, come nel biennio scorso, l’avvio in Parlamento di metodi e atti concreti di intimidazione fisica, di minaccia, di rifiuto di ogni regola e autorità, di tentativi sistematici e continui di stravolgimento e impedimento dell’attività legislativa delle Camere”. “Da troppo tempo – ha ricordato impietoso il presidente – si colpisce impunemente il funzionamento degli istituti principali della democrazia rappresentativa, non solo si stracciano in un solo impeto una pluralità di valori tradizionali o comunque vitali, ma si configura la più grave delle patologie con cui siamo chiamati come Paese civile a fare i conti: quella che penso possiamo chiamare la ‘patologia dell’anti-politica’”. Ecco, l’anti-politica. Che nasce dalla corruzione, dall’assenza di ogni etica, dal rifiuto delle regole della democrazia ma che proprio dall’impotenza del Parlamento si irrobustisce. Bisogna dare agli italiani, ha concluso, “ragionevoli speranze”, senza enfasi, ma darle chiudendo il sipario al triste spettacolo parlamentare fatto “di cieche spirali di contrapposizione faziosa e talora persino violenta”. (di Fabrizio Finzi/ANSA)

Ultima ora

11:44Usa: ancora tanti voli cancellati a Atlanta dopo blackout

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I voli all'aeroporto di Atlanta dovrebbero riprendere stamane alle 6 locali (le 12 in Italia), dopo il blackout di ieri che ha lasciato a terra migliaia di persone. Lo riferisce la Bbc. Ma anche oggi sono previste centinaia di cancellazioni. Georgia Power, la società che fornisce l'elettricità allo scalo americano, ha spiegato che il black out sarebbe stato provocato da un incendio in un impianto sotterraneo, forse per un corto circuito. L'interruzione della corrente, durata molte ore, ha provocato la cancellazione di oltre mille voli, e centinaia di cancellazioni sono previste ancora oggi. Quello di Atlanta è uno degli scali più trafficati del mondo, con 2500 voli e una media di 275 mila passeggeri al giorno.

11:40Calcio: Oddo, Milan si mostri club forte e protegga Gattuso

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - OIl - Il Milan protegga Gattuso. Così Massimo Oddo, allenatore dell'Udinese, ai microfoni di 'Radio anch'io sport', tende una mano al suo collega del Milan ed ex compagno nella Nazionale che vinse il Mondiale 2006 a Berlino. Rispondendo a una domanda sulla situazione del Milan, il tecnico dell'Udinese ha detto: "non mi permetto di giudicare altri, peraltro Gattuso è un mio amico, poi non conosco le cose. Quando si cambia allenatore ci sono problematiche che non sono mai le stesse -ha aggiunto Oddo, subentrato a Delneri sulla panchina dell'Udinese - Bisogna solo essere realisti mettersi a testa bassa e lavorare. Io sono stato fortunato a trovare un gruppo che ha reagito subito e fare dei risultati, sono stato aiutato da questi. Gattuso ha cominciato un lavoro. Il Milan dimostri di essere una società forte e lo protegga".

11:08Calcio: Pecchia, scudetto ? Napoli ha più consapevolezza

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il Napoli di quest'anno "ha più consapevolezza e maturità di quello degli anni scorsi". Così Fabio Pecchia, allenatore del Verona, ma anche ex giocatore del Napoli negli anni '90 vede la formazione di Sarri tornata in vetta ala classifica. Ai microfoni di 'Radio anch'io sport', Pecchia sottolinea "non so se può bastare per vincere lo scudetto, ma di sicuro è un altro campionato, il Napoli può giocarsela fino alla fine". (ANSA).

10:59Calcio: Pecchia “bravo Verona, non ho visto Milan a pezzi”

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Il Verona ieri ha fatto una grande prestazione e nel momento in cui il Milan spingeva abbiamo attaccato e colpito. Il Milan è entrato al Bentegodi con il piglio delle grandi, mi è sembrato in grande salute fisica, ci ha messo alle corde, poi noi nelle occasioni in cui potevano far male l'abbiamo fatto". Così Fabio Pecchia, tecnico del Verona ai microfoni di 'Radio anch'io sport', rispondendo a una domanda dice di non aver visto un Milan "a pezzi, ma in crescita rispetto alla partita di mercoledì". Pecchia poi invita i suoi a stare con i piedi per terra "la gara di ieri è stata bella, da tenersi stretta e mettere nel cassetto, ma ora il campionato ci impone di mantenere il ritmo". Il tecnico del Verona crede nella salvezza: "sono molto ottimista, nonostante le difficoltà dell'inizio. Abbiamo subito sconfitte molto pesanti, l'ambiente non ci ha aiutato. ieri abbiamo raccolto soffrendo moltissimo, ma la squadra deve crescere, il Verona ha un grande margine di miglioramento". (ANSA).

10:47Auto: Ronde di Sperlonga, vince ancora Di Benedetto

(ANSA) - SPERLONGA (LATINA), 18 DIC - Vittoria di forza, alla 9/a edizione della 'Ronde di Sperlonga', da parte del siciliano di Agrigento Alfonso Di Benedetto, in coppia con il ligure Fulvio Florean, su una Citroen DS3 WRC. Ha concesso il bis dopo l'alloro conquistato nel 2015, Di Benedetto, che lo scorso anno aveva chiuso al secondo posto, correndo una gara tutta all'attacco, portandosi al comando dal primo dei quattro passaggi sulla prova "La Magliana" (10 km.), senza più scendere dal vertice della classifica. Di Benedetto: una volta andato al comando ha cercato l'allungo e allo stesso tempo è riuscito a controllare gli attacchi che arrivavano da diversi rivali. Alla fine, sotto la bandiera a scacchi posta come consuetudine in Piazza Fontana a Sperlonga, dopo aver vinto tre passaggi e lasciandone uno a Minchella (Ford Fiesta WRC, il vincitore del 2016), ha preceduto il napoletano Fabio Gianfico, a bordo di una Skoda Fabia R5.

10:40Afghanistan: attacco a Kabul a edificio servizi intelligence

(ANSA) - KABUL, 18 DIC - Un commando armato ha attaccato oggi un edificio nel centro di Kabul in cui a quanto sembra si trova un centro di addestramento della Direzione nazionale della sicurezza (Nds, servizi di intelligence). Il vice portavoce del ministero dell'Interno, Nasrat Rahimi, ha indicato che i militanti sono entrati in un palazzo in costruzione ed hanno cominciato a sparare contro l'edificio della Nds. Testimoni oculari hanno riferito ai media che tutto è cominciato con una esplosione, probabilmente opera di un kamikaze, seguita da una sparatoria. Reparti speciali della sicurezza sono giunti sul posto mentre per il momento non si hanno notizie di vittime.

10:38Honduras: Hernandez confermato presidente, ancora proteste

(ANSA) - TEGUCIGALPA (HONDURAS) 18 DIC - Il presidente uscente Juan Orlando Hernandez è stato dichiarato vincitore nelle contestate elezioni in Honduras. Hernandez ha vinto con quasi il 43% delle preferenze rispetto al 41,42 dello sfidante Salvador Nasralla, che tuttavia aveva già annunciato di non riconoscere l'esito del voto, denunciando irregolarità. Anche l'Organizzazione degli Stati Americani ha proposto di rifare le elezioni, sottolineando che era impossibile determinare il risultato con certezza a causa di diverse irregolarità tra cui "deliberate intrusioni nel sistema informatico" utilizzato per il conteggio dei voti. In tutto il paese ci sono state proteste durante la notte e il partito di Nasralla ha chiamato alla mobilitazione anche oggi. Finora almeno 17 persone sarebbero morte negli scontri dal 26 novembre, giorno delle elezioni.

Archivio Ultima ora