I jihadisti minacciano la vendetta contro gli Usa

Pubblicato il 10 dicembre 2014 da redazione

Islamic Jihad militant funeral

NEW YORK. – In ballo c’è la sicurezza degli Usa. I jihadisti nel mondo già minacciano vendetta: “Fratelli e sorelle, vendicatevi del serpente americano”, hanno esortato alcuni sul web, e altri arrivano persino a teorizzare che “essere decapitati è 100 volte più umano, più dignitoso di quello che queste sporche canaglie hanno fatto ai musulmani”. Ma sul piatto c’è anche il prestigio della Central Intelligence Agency e a stretto giro la stessa Cia e molti repubblicani che contano sono partiti all’assalto del rapporto del Senato americano sulle torture usate negli interrogatori degli 007. Quel documento “danneggia la sicurezza nazionale degli Usa, gli uomini e donne della Central Intelligence Agency e soprattutto la verità”, ha tuonato George Tenet, che è stato direttore della Cia durante la presidenza di George W. Bush. E lo stesso Bush è a sua volta sceso in campo, affermando che “siamo fortunati ad avere uomini e donne che lavorano duro alla Cia”, rifiutandosi così di prendere le distanze da quelle tecniche brutali. Anche se il programma iniziò nel 2002, Bush ne fu informato in maniera dettagliata solo nel 2006, afferma il rapporto, quando gli fu spiegato tutto nei dettagli. Ad esempio, gli venne detto di un detenuto appeso con le catene al soffitto, nudo, e costretto a urinarsi e defecarsi addosso. Lui ne rimase scosso, ma la Casa Bianca approvò comunque quelle tecniche di interrogatorio, mentre in realtà veniva ingannata sui reali risultati che producevano, invero scarsi, a detta del rapporto. Ma anche l’ex braccio destro di Bush, l’allora vicepresidente Dick Cheney, liquida le affermazioni secondo cui la Cia avrebbe agito in maniera illegale come “un mucchio di sciocchezze”. E in maniera ancora più rude, il senatore repubblicano Orrin Hatch parla di “un puro pezzo di sterco politico”. Il senatore Saxby Chambliss, il più autorevole membro repubblicano della Commissione intelligence e altri quattro suoi colleghi del Gop hanno a loro volta scritto un documento di 100 pagine per esprimere dissenso dalle conclusioni del rapporto. Mentre un gruppo di ex agenti e alti funzionari della Cia si sono organizzati dando vita ad un sito web il cui scopo è già chiaro sin dal nome: CiaSavedLives.com (La Cia ha salvato vite). Ma nonostante l’offensiva dei ‘difensori’ le critiche continuano ad arrivare sempre più numerose e taglienti, anche dall’estero. “Sono sconvolta, esattamente come tanti americani e tante americane”, ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Le democrazie non possono scendere a compromessi al ribasso sui diritti umani”, e quanto denunciato nel rapporto “va condannato con forza e drasticamente”, ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. La Commissione Europea, tramite la portavoce dell’alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, saluta intanto “con favore la decisione del presidente Obama di mettere fine” al programma utilizzato dalla Cia tra il 2001 ed il 2009. Human Rights Watch e l’associazione britannica Cage, che difende i prigionieri sottoposti alle ‘extraordinary rendition’ nel corso della guerra al terrorismo, chiedono invece dal canto loro che i responsabili delle torture vegano processati. E anche i jihadisti, come era prevedibile, alzano la voce. Via Twitter gettano benzina sul fuoco esortando a riservare lo stesso “trattamento” agli ostaggi Usa. E dicono: “Ricordatevi, il 100% delle vittime di torture sono stati musulmani. E’ una guerra contro l’islam”. I bersagli da colpire per rappresaglia, secondo l’autorevole sito americano di monitoraggio Site, sono stati già individuati e indicati dalla jihad globale. (Stefano de Paolis/Ansa)

Ultima ora

16:47Calcio: Cellino, col Genoa non me la sono sentita

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "Certo che voglio andare Serie A, ma bisogna avere pazienza" ha detto Massimo Cellino nel corso della presentazione come nuovo patron del Brescia calcio. "Non mettetemi fretta perché conosco il calcio" ha aggiunto Cellino. "Faccio calcio da professionista e non per hobby perché sarebbe troppo caro per me. Ho parlato con Preziosi per il Genoa e con lui mi lega una profonda amicizia, ma ho valutato e non me la sono sentita perché sarebbe stato un impegno economico troppo importante".

16:47Uno bianca: permesso premio. Familiari, ma che giustizia è?

(ANSA) - BOLOGNA, 18 AGO - "Rimango allibita. Non mi aspettavo una cosa di questo genere. Non è giusto, che giustizia è?". Così all'ANSA Rosanna Zecchi, presidente Associazione familiari vittime della Uno bianca, commentando il permesso a Marino Occhipinti, condannato all'ergastolo per uno degli omicidi della banda, di trascorrere una settimana in un albergo in Valle d'Aosta. Proprio dei permessi ai killer della uno bianca, Zecchi - che ha spiegato come quello in corso non sarebbe il primo di questo tipo per Occhipinti - ha detto di averne parlato anche al ministro della Giustizia Andrea Orlando, ospite, due mesi fa a una Festa dell'Unità a Bologna: "Era alla Festa del'Unità delle Due Madonne e sono andata a parlarci. Lui ci ha detto di stare calmi perché dopo 20 anni possono avere permessi. Ma un permesso come questo di una settimana mi sembra eccessivo... Occhipinti Sarà cambiato? Io spero solo che non faccia altri atti violenti. Tutelare la società civile non interessa a nessuno".

16:44Calcio: Cellino, il Brescia mi dà garanzie

(ANSA) - BRESCIA, 18 AGO - "So che ci sono grandi aspettative su di me. Brescia è una cittá meravigliosa": sono le prime parole di Massimo Cellino nel corso della sua presentazione come nuovo proprietario del Brescia. "Ci tengo tanto a far bene e se ho comprato il Brescia é perche il club mi da garanzie perché é pulito e non ci sono erbacce e questo é un vantaggio immenso", ha detto Cellino che prima della conferenza stampa aveva visitato la sede societaria.

16:32Donna fatta a pezzi: convalidato il fermo per il fratello

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Il Gip di Roma ha convalidato il fermo e contestualmente emesso un'ordinanza di custodia in carcere per Maurizio Diotallevi, l'uomo che ha ucciso e fatto a pezzi la sorella Nicoletta il 14 agosto scorso. E' quanto disposto dal giudice Anna Maria Fattori al termine dell' interrogatorio di convalida svolto nel carcere di Regina Coeli. L'arrestato, difeso dall'avvocato Gaetano Scalise, è accusato di omicidio volontario aggravato dalla parentela con la vittima e occultamento di cadavere.

16:20Barcellona: fidanzata Russo, frattura piede e gomito

(ANSA) - BASSANO DEL GRAPPA (VICENZA), 18 AGO - Marta Scomazzon, la fidanzata bassanese di Luca Russo, la seconda vittima italiana dell'attentato di Barcellona, si trova in un ospedale della città spagnola con un piede e un gomito fratturati. Lo riferiscono fonti vicine alla famiglia. I genitori di Marta sono già partiti stamane per Barcellona. Luca Russo viene descritto come un giovane bello, molto semplice, che aveva conseguito la laurea triennale in ingegneria, ed aveva trovato subito impiego in un'azienda di refrigerazione del padovano.

16:07Calcio: Roma, Iturbe ceduto al Club Tijuana

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Juan Manuel Iturbe si trasferisce in Messico. L'attaccante della Roma, reduce dalla parentesi al Torino nella scorsa stagione, è stato ceduto in prestito con obbligo di riscatto (legato alle presenze) a 5 milioni di euro al Club Tijuana, formazione che milita nella Primera Division messicana. Iturbe firmerà un contratto quadriennale con gli 'Xolos' ed è atteso domani in Messico per sottoporsi alle visite mediche.

16:03Barcellona: Rajoy, terrorismo primo problema Europa

(ANSA) - MADRID, 18 AGO - La lotta contro il terrorismo "è il primo problema dell'Europa", ha detto il premier spagnolo Mariano Rajoy dopo un vertice di crisi a Barcellona con il presidente catalano Carles Puigdemont, all'indomani della strage della Rambla.

Archivio Ultima ora