I jihadisti minacciano la vendetta contro gli Usa

Pubblicato il 10 dicembre 2014 da redazione

Islamic Jihad militant funeral

NEW YORK. – In ballo c’è la sicurezza degli Usa. I jihadisti nel mondo già minacciano vendetta: “Fratelli e sorelle, vendicatevi del serpente americano”, hanno esortato alcuni sul web, e altri arrivano persino a teorizzare che “essere decapitati è 100 volte più umano, più dignitoso di quello che queste sporche canaglie hanno fatto ai musulmani”. Ma sul piatto c’è anche il prestigio della Central Intelligence Agency e a stretto giro la stessa Cia e molti repubblicani che contano sono partiti all’assalto del rapporto del Senato americano sulle torture usate negli interrogatori degli 007. Quel documento “danneggia la sicurezza nazionale degli Usa, gli uomini e donne della Central Intelligence Agency e soprattutto la verità”, ha tuonato George Tenet, che è stato direttore della Cia durante la presidenza di George W. Bush. E lo stesso Bush è a sua volta sceso in campo, affermando che “siamo fortunati ad avere uomini e donne che lavorano duro alla Cia”, rifiutandosi così di prendere le distanze da quelle tecniche brutali. Anche se il programma iniziò nel 2002, Bush ne fu informato in maniera dettagliata solo nel 2006, afferma il rapporto, quando gli fu spiegato tutto nei dettagli. Ad esempio, gli venne detto di un detenuto appeso con le catene al soffitto, nudo, e costretto a urinarsi e defecarsi addosso. Lui ne rimase scosso, ma la Casa Bianca approvò comunque quelle tecniche di interrogatorio, mentre in realtà veniva ingannata sui reali risultati che producevano, invero scarsi, a detta del rapporto. Ma anche l’ex braccio destro di Bush, l’allora vicepresidente Dick Cheney, liquida le affermazioni secondo cui la Cia avrebbe agito in maniera illegale come “un mucchio di sciocchezze”. E in maniera ancora più rude, il senatore repubblicano Orrin Hatch parla di “un puro pezzo di sterco politico”. Il senatore Saxby Chambliss, il più autorevole membro repubblicano della Commissione intelligence e altri quattro suoi colleghi del Gop hanno a loro volta scritto un documento di 100 pagine per esprimere dissenso dalle conclusioni del rapporto. Mentre un gruppo di ex agenti e alti funzionari della Cia si sono organizzati dando vita ad un sito web il cui scopo è già chiaro sin dal nome: CiaSavedLives.com (La Cia ha salvato vite). Ma nonostante l’offensiva dei ‘difensori’ le critiche continuano ad arrivare sempre più numerose e taglienti, anche dall’estero. “Sono sconvolta, esattamente come tanti americani e tante americane”, ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Le democrazie non possono scendere a compromessi al ribasso sui diritti umani”, e quanto denunciato nel rapporto “va condannato con forza e drasticamente”, ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. La Commissione Europea, tramite la portavoce dell’alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, saluta intanto “con favore la decisione del presidente Obama di mettere fine” al programma utilizzato dalla Cia tra il 2001 ed il 2009. Human Rights Watch e l’associazione britannica Cage, che difende i prigionieri sottoposti alle ‘extraordinary rendition’ nel corso della guerra al terrorismo, chiedono invece dal canto loro che i responsabili delle torture vegano processati. E anche i jihadisti, come era prevedibile, alzano la voce. Via Twitter gettano benzina sul fuoco esortando a riservare lo stesso “trattamento” agli ostaggi Usa. E dicono: “Ricordatevi, il 100% delle vittime di torture sono stati musulmani. E’ una guerra contro l’islam”. I bersagli da colpire per rappresaglia, secondo l’autorevole sito americano di monitoraggio Site, sono stati già individuati e indicati dalla jihad globale. (Stefano de Paolis/Ansa)

Ultima ora

13:23Alpinismo: morto Abram, fu sul K2 nel 1954

(ANSA) - BOLZANO, 17 GEN - E' morto Erich Abram alpinista altoatesino: era l'ultimo componente della spedizione italiana sul K2 del 1954 ancora in vita. Ne ha dato notizia il Club alpinistico italiano Cai. Abram era nato a Vipiteno nel 1922. Il sodalizio che lo ebbe come socio onorario lo ricorda come un uomo "di carattere schivo e lontano dalle scene mediatiche". Abram (a destra nella foto) è deceduto in serenità la notte scorsa.

13:18Maltempo: sindaca Monsampietro Morico guida spazzaneve

(ANSA) - FERMO, 17 GEN - "Abbiamo alcune zone senza elettricità, quasi un metro di neve e le strade bloccate". Lo dice Romina Gualtieri, sindaca di Monsampietro Morico, 700 abitanti, uno dei Comuni terremotati delle Marche ora stretti nella morsa del maltempo. "Un'emergenza - racconta telefonicamente - che si aggiunge all'emergenza", tanto che la prima cittadina si è dovuta alternare alla guida del mezzo spazzaneve del Comune ("il trattoretto" lo chiama), con "il nostro unico dipendente", mentre il gruppo comunale della Protezione civile "sta rimuovendo dalla strada piante e alberi schiantanti dal peso della neve". Con gli sfollati "tutti in B&B nei pressi", è la viabilità notturna il problema principale, "con varie strade provinciali invase dalla neve e molti automezzi, anche attrezzati con catene e tutto il resto, bloccati o finiti di traverso. "Stiamo lavorando da 24 ore ininterrottamente - aggiunge Gualtieri - per soccorrere i conducenti e tirarli fuori".

13:15Saluto nazista a corteo pakistani, Daspo a 4 ultras

(ANSA) - MILANO, 17 GEN - Il questore di Brescia ha disposto il provvedimento di D.a.spo con divieto di accesso in tutti gli stadi e gli impianti sportivi nel territorio nazionale in occasione di tutti gli incontri di calcio, oltre ai luoghi di transito e trasporto di partecipanti a manifestazioni sportive, per quattro ultras appartenenti alla "Curva nord Brescia". Il provvedimento - spiega la Questura - è scaturito da un comportamento tenuto dai quattro in occasione di una manifestazione religiosa, l'11 dicembre per le vie della città. Al passaggio di un corteo che aveva visto la partecipazione di 5000 appartenenti alla comunità pakistana, i quattro erano usciti da un pub, inveendo con cori razzisti e gesta offensive. In particolare, era stato fatto il saluto nazista in direzione degli stranieri, oltre al gesto del dito medio e frasi come "botte, botte, botte".

13:13Incendi Genova: 300 sfollati e tre scuole chiuse

(ANSA) - GENOVA, 17 GEN - Oltre ai quasi 300 sfollati dal quartiere Orizzonte di Pegli ci sono tre scuole chiuse in Val Varenna perché minacciate dalle fiamme. La decisione di non far svolgere le lezioni è stata presa autonomamente dai dirigenti scolastici. Lo rende noto l'assessore comunale alla Scuola Pino Boero. Le scuole sono la scuola dell'infanzia Val Varenna, la scuola media Alessi e il liceo Mazzini in piazza Bonavino. Sempre in Val Varenna due persone sono state sfollate dalla loro abitazione e ricoverate in ospedale. Tra Pegli e la Val Varenna operano 4 Canadair, un elicottero, 40 volontari e squadre di vigili del fuoco di Genova e provenienti in rinforzo da Milano, Emilia Romagna, Torino e Alessandria.

13:05Cucchi: omicidio preterintenzionale per 3 carabinieri

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - La procura di Roma ha chiuso l'inchiesta bis sulla morte di Stefano Chcchi (22 ottobre 2009) e ha contestato l'accusa di omicidio preterintenzionale ai tre carabinieri che lo arrestarono il 15 ottobre. I tre sono ritenuti responsabili del pestaggio del giovane geometra. Per altri due carabinieri sono ipotizzati i reati di calunnia e di falso.

13:03Trump: media, continuerà uso Twitter personale dopo venerdì

(ANSA) - ROMA, 17 GEN - Il presidente eletto Donald Trump manterrà il suo account Twitter personale ed altri social media dopo il suo insediamento venerdì: lo hanno detto alla Nbc funzionari del suo team di transizione. Non e' chiaro ancora tuttavia, scrive l'emittente sul suo sito, come verranno gestiti gli account ufficiali '@POTUS' E '@FLOTUS', rispettivamente assegnati al presidente degli Stati Uniti e alla First Lady.

13:03Maltempo: allerta per innalzamento livello mare in E-R

(ANSA) - BOLOGNA, 17 GEN - La protezione civile dell'Emilia-Romagna ha attivato la fase di attenzione per 'evento costiero' (innalzamento del livello del mare con possibile inondazione) per i comuni della costa dell'Emilia-Romgna valida fino a mezzanotte di oggi. L'allerta riguarda: San Mauro Pascoli (Fc), Cesenatico (Fc), Gatteo (Fc), Savignano sul Rubicone (Fc), Cattolica (Rn), Riccione (Rn), Rimini (Rn), Bellaria-Igea Marina (Rn), Misano Adriatico (Rn), Cervia (Ra), Ravenna (Ra), Comacchio (Fe), Codigoro (Fe), Goro (Fe). Secondo l'allerta, condizioni di forte ventilazione da nord-est sul mare Adriatico determineranno condizioni di altezza dell'onda superiore ai valori di soglia sottocosta (3 metri), con possibilità di ingressioni marine. Per il vento e lo stato del mare resta in vigore l'allerta cominciata ieri e valida fino alle 24 di mercoledì. Possono verificarsi - viene spiegato - mareggiate con fenomeni di erosione dell'arenile e locali danni agli stabilimenti balneari.(ANSA).

Archivio Ultima ora