I jihadisti minacciano la vendetta contro gli Usa

Pubblicato il 10 dicembre 2014 da redazione

Islamic Jihad militant funeral

NEW YORK. – In ballo c’è la sicurezza degli Usa. I jihadisti nel mondo già minacciano vendetta: “Fratelli e sorelle, vendicatevi del serpente americano”, hanno esortato alcuni sul web, e altri arrivano persino a teorizzare che “essere decapitati è 100 volte più umano, più dignitoso di quello che queste sporche canaglie hanno fatto ai musulmani”. Ma sul piatto c’è anche il prestigio della Central Intelligence Agency e a stretto giro la stessa Cia e molti repubblicani che contano sono partiti all’assalto del rapporto del Senato americano sulle torture usate negli interrogatori degli 007. Quel documento “danneggia la sicurezza nazionale degli Usa, gli uomini e donne della Central Intelligence Agency e soprattutto la verità”, ha tuonato George Tenet, che è stato direttore della Cia durante la presidenza di George W. Bush. E lo stesso Bush è a sua volta sceso in campo, affermando che “siamo fortunati ad avere uomini e donne che lavorano duro alla Cia”, rifiutandosi così di prendere le distanze da quelle tecniche brutali. Anche se il programma iniziò nel 2002, Bush ne fu informato in maniera dettagliata solo nel 2006, afferma il rapporto, quando gli fu spiegato tutto nei dettagli. Ad esempio, gli venne detto di un detenuto appeso con le catene al soffitto, nudo, e costretto a urinarsi e defecarsi addosso. Lui ne rimase scosso, ma la Casa Bianca approvò comunque quelle tecniche di interrogatorio, mentre in realtà veniva ingannata sui reali risultati che producevano, invero scarsi, a detta del rapporto. Ma anche l’ex braccio destro di Bush, l’allora vicepresidente Dick Cheney, liquida le affermazioni secondo cui la Cia avrebbe agito in maniera illegale come “un mucchio di sciocchezze”. E in maniera ancora più rude, il senatore repubblicano Orrin Hatch parla di “un puro pezzo di sterco politico”. Il senatore Saxby Chambliss, il più autorevole membro repubblicano della Commissione intelligence e altri quattro suoi colleghi del Gop hanno a loro volta scritto un documento di 100 pagine per esprimere dissenso dalle conclusioni del rapporto. Mentre un gruppo di ex agenti e alti funzionari della Cia si sono organizzati dando vita ad un sito web il cui scopo è già chiaro sin dal nome: CiaSavedLives.com (La Cia ha salvato vite). Ma nonostante l’offensiva dei ‘difensori’ le critiche continuano ad arrivare sempre più numerose e taglienti, anche dall’estero. “Sono sconvolta, esattamente come tanti americani e tante americane”, ha detto la cancelliera tedesca Angela Merkel. “Le democrazie non possono scendere a compromessi al ribasso sui diritti umani”, e quanto denunciato nel rapporto “va condannato con forza e drasticamente”, ha detto il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni. La Commissione Europea, tramite la portavoce dell’alto rappresentante per la politica estera Federica Mogherini, saluta intanto “con favore la decisione del presidente Obama di mettere fine” al programma utilizzato dalla Cia tra il 2001 ed il 2009. Human Rights Watch e l’associazione britannica Cage, che difende i prigionieri sottoposti alle ‘extraordinary rendition’ nel corso della guerra al terrorismo, chiedono invece dal canto loro che i responsabili delle torture vegano processati. E anche i jihadisti, come era prevedibile, alzano la voce. Via Twitter gettano benzina sul fuoco esortando a riservare lo stesso “trattamento” agli ostaggi Usa. E dicono: “Ricordatevi, il 100% delle vittime di torture sono stati musulmani. E’ una guerra contro l’islam”. I bersagli da colpire per rappresaglia, secondo l’autorevole sito americano di monitoraggio Site, sono stati già individuati e indicati dalla jihad globale. (Stefano de Paolis/Ansa)

Ultima ora

14:44Nave Caronte urta molo a Messina, un marinaio ferito

(ANSA) - MESSINA, 23 MAR - "La nave traghetto 'Telepass' della Caronte & Tourist, stamattina mentre stava facendo la spola tra la Calabria e la costa messinese ha avuto un black out e ha urtato la banchina del molo a Messina. L'impatto comunque non è stato violento". Ferito un marinaio. A dirlo l'amministratore delegato di Caronte & Tourist Vincenzo Franza spiegando l'incidente avuto stamani da parte di una delle sue navi a Messina. "Quando si ha un black out - prosegue - si spegne tutto il tempo e si riavvia subito il motore, ma la nave era troppo prossima all'ormeggio anche se praticamente ferma e l'impatto è stato inevitabile. L'equipaggio ha dato fondo ad una delle ancore, la procedura prevista in questi casi, ma non si è potuto evitare l'impatto. Poi si sono poi riaccesi i motori e la nave è stata riposizionata e i passeggeri sono stati fatti scendere".

14:39Attacco Londra: Papa, dolore per vite perse

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 23 MAR - Il Papa, "profondamente addolorato per la perdita di vite e per i feriti causati dall'attentato nel centro di Londra", "esprime la propria orante solidarietà a tutti coloro che sono stati colpiti da questa tragedia". "Raccomandando i morti alla misericordia di Dio onnipotente", Papa Francesco "invoca divina fortezza e pace sulle famiglie colpite e assicura alla nazione la sua preghiera in questa occasione". Lo afferma in un telegramma inviato al cardinale Vincent Nichols, arcivescovo di Westminster.

14:38Bruciore agli occhi e nausea, venti studenti all’ospedale

(ANSA) - RICCIONE (RIMINI), 23 MAR - Una scuola media di Riccione è stata evacuata questa mattina dai vigili del fuoco. Intorno alle 10.30 alcuni studenti hanno iniziato a sentirsi male, accusando bruciore agli occhi, eruzioni cutanee e nausea. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco specializzati in questo tipo di emergenze, i tecnici di Arpae e i mezzi del 118. Una ventina di studenti è stata portata in pronto soccorso, ma nessuno è in gravi condizioni. Sono in corso accertamenti. (ANSA).

14:24Attacco Londra: Galantino, la risposta non è alzare muri

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Fatti di questo tipo ci riportano nella paura: l'importante è evitare semplificazioni e non convincerci che questi problemi si risolvano alzando i muri". Lo ha detto il segretario della Cei, mons. Nunzio Galantino, commentando i fatti di Londra a margine di una conferenza stampa. "Questi delinquenti - ha aggiunto a proposito dei terroristi - mostrano di non aver voglia di venire qui con i barconi".

14:18Di Maio, niente alleanze, M5s chiederà fiducia sul programma

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Consiglio a tutti quelli che mi chiedono di alleanze di eliminare questo termine dal futuro politico dell'Italia. Se vinceremo chiederemo una fiducia che si basa su un programma, chi vorrà darcela potrà partecipare alla creazione di un'Italia differente ma senza aspettarsi tornaconti". Così Luigi Di Maio, nel corso della presentazione delle proposte sull'Ue del M5S, risponde ad una domanda sull'ipotesi di alleanze se il Movimento andrà al Governo.

14:11Renzi, non subalterni a giustizialismo manettaro del M5s

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - "Da parte della politica c'è stato un atteggiamento culturalmente subalterno al grillismo per cui se c'è un avviso di garanzia devi dimetterti. Il mio governo - e ne sono orgoglioso - è andato in Aula, su Bubbico che ora è in Mdp, a dire che non si chiedono le dimissioni di chi è indagato: è un fatto di civiltà giuridica. Non accetto la cultura grillina, garantista a giorni alterni se è indagata la Raggi, o l'ondata giustizialista tipica di un atteggiamento manettaro. Quelli che volevano i lodi per sfangare i processi erano gli altri". Lo dice Matteo Renzi a Corriere Live.

14:06Calcio: Crotone, il presidente Vrenna lascia il club

(ANSA) - ROMA, 23 MAR - Raffaele Vrenna si dimette dalla carica di presidente dell'Fc Crotone e lascia la società, dopo averne rilevato la proprietà nel 1992 e, in soli sette anni, averla condotta in Serie B partendo dalla prima categoria fino ad arrivare alla storica promozione in A. "Per una diversa visione sulla gestione e sulle strategie di sviluppo aziendali - scrive Vrenna sul sito della società - lascio l'Fc Crotone. Lo faccio dopo 25 anni con molta tristezza. Con questa squadra ho vissuto stagioni incredibili e compiuto un'impresa che rimarrà nella storia del calcio non soltanto crotonese, tanto che la nostra promozione in A è stata accostata alla conquista della Premier League da parte del Leicester. Chi conosce Crotone sa che è una piccola città, ma con un grande cuore e una grande tifoseria. Desidero ringraziare tutte le persone che hanno lavorato con me in questi anni contribuendo ai successi ottenuti". La società, adesso, dovrebbe passare al fratello di Raffaele Vrenna, Gianni, socio insieme a Raffaele Marino.

Archivio Ultima ora