La Juve chiude l’anno da prima, ora la Supercoppa

Pubblicato il 18 dicembre 2014 da redazione

Serie A; Soccer; Cagliari- Juventus
ROMA. -Contro il “nemico” Zeman la Juventus vince facile facile al Sant’Elia e si regala buon Natale e felice anno nuovo: può pensare solo alla Supercoppa di lunedì senza preoccuparsi più di tanto del campionato e di quello che farà la Roma. Praticamente chiude il discorso in un quarto d’ora con Tevez e Vidal non dando ad Allegri nemmeno la possibilità di farsi qualche domanda sullo schieramento a sorpresa di Zeman, con sei difensori in campo e senza il suo marchio di fabbrica, il 4-3-3. Si chiude così un 2014 da record in campionato per i bianconeri (sempre in testa, 95 punti in tutto tra il passato campionato e l’attuale): ora sono quattro i punti di vantaggio sulla Roma, in campo sabato all’Olimpico contro il Milan. Soprattutto, Allegri allontana le piccole ombre dei tre pareggi consecutivi, tra campionato e Champions, e si riappropria della solidità di squadra che è marchio di fabbrica per la Juve. Rossoblù sempre meno boemi sul piano del gioco e del coraggio: non era certo questa la partita per riscattarsi, ma i segnali non sono incoraggianti. La Juventus non ha trovato ostacoli: al primo pallone buttato in area Llorente ha subito sfiorato il gol. Al secondo era già in vantaggio. Bravo Tevez nella deviazione finale con la palla che carambola tre quattro volte nell’area piccola. Meno bravo il Cagliari che quella palla non riesce a mandarla via. Una storia che si ripete dodici minuti più tardi. Su palla messa in mezzo rasoterra da Evra, la respinta è debole. E Vidal ha tutto il tempo di pensare e realizzare un piccolo capolavoro con un destro a girare sul l’angolino lontano dalla portata di Cragno. Partita finita anche perché l’attacco a due del Cagliari è molto leggero. E i quattro della Juve lì in mezzo nascondono la palla a Conti e compagni giocando a due tocchi. Nella ripresa, con il Cagliari che nel frattempo rinuncia a un difensore per un centrocampista, la Juventus tra il vedere e il non vedere fa anche il terzo gol. Le solite geometrie di centrocampo portano Pirlo a mettere Llorente con la palla in area, ma spalle alla porta. Nessun problema per lo spagnolo: può girarsi e mettere dentro sorprendendo un po’ Cragno che forse non vede partire il tiro. A quel punto segna anche il Cagliari: ai rossoblù il gol mancava da tre giornate. La rete, è il 21′, è di Rossettini, bravo di testa su punizione cross di Cossu. Il Cagliari si scuote, ma solo un po’: è la Juve ad andare più vicina al quattro a uno. E finisce così: una partita senza storia dall’inizio alla fine.

Ultima ora

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

20:41Nuoto: Europei, Romanchuk oro e Paltrinieri secondo

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Gregorio Paltrinieri si è dovuto accontentare dell'argento nella finale dei 1500 stile libero, agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, conclusi con il tempo di 14'22"93. L'oro è andato all'ucraino Mykhaylo Romanchuk (14'14"59), il bronzo al norvegese Henrik Christiansen (14'25"66).

Archivio Ultima ora