Putin all’Occidente, l’orso russo non si fa incatenare

Pubblicato il 18 dicembre 2014 da redazione

Russian President Vladimir Putin attends his annual news conference

MOSCA. – La difficile congiuntura economica che sta mettendo in ginocchio la Russia e mandando a picco il rublo durerà al massimo due anni. Poi “inevitabilmente” ci sarà una ripresa sull’onda della crescita dell’economia mondiale. Parola di Vladimir Putin, che ha tentato di rassicurare cittadini e investitori nella sua immancabile maxi-conferenza stampa di fine anno senza rinunciare a giocare la consueta carta della sindrome da accerchiamento e a lanciare quindi nuove staffilate all’Occidente: colpevole – a suo dire – di voler “mettere in catene” e addirittura “impagliare” il temuto “orso” russo. Mentre l’Ue vara nuove sanzioni contro Mosca congelando gli investimenti europei in quella penisola di Crimea che la Russia ha strappato all’Ucraina a marzo, Putin accusa l’Occidente di costruire “nuovi muri” a un quarto di secolo dalla caduta di quello di Berlino: “L’espansione della Nato non è forse un muro, un muro virtuale?”, ha tuonato il presidente russo. E ancora: “I nostri partner si credono un impero, ci vogliono vassalli”. Parole che di certo non vanno verso una de-escalation nelle tensioni con Ue e Usa dovute al conflitto nel sud-est ucraino, dove Mosca è accusata di sostenere militarmente i separatisti filorussi. E del resto sulla crisi ucraina – pur dicendosi a favore di una soluzione pacifica – Putin ha riaffermato in modo chiaro e conciso la sua posizione: la Russia ha ragione, l’Occidente ha torto, e le truppe di Kiev stanno conducendo “un’operazione punitiva” contro i ribelli. Sul fronte interno – dove è forte di una popolarità che ha raggiunto i massimi storici – il presidente russo ha escluso che la situazione attuale, per quanto problematica, possa metterlo in difficoltà: “Non temo colpi di palazzo perché non abbiamo palazzi – ha detto in tono sarcastico -, abbiamo il Cremlino che è ben protetto. Ma la cosa più importante che abbiamo – ha aggiunto – è il sostegno dell’anima e del cuore dei cittadini russi”. Putin ha inoltre respinto ancora una volta le accuse che gli sono mosse di alimentare una nuova guerra fredda anche con le sempre più numerose incursioni di caccia con la stella rossa a ridosso dello spazio aereo europeo (e non solo): “Non attacchiamo nessuno, ma difendiamo i nostri interessi nazionali, ed è questo che non piace all’estero”, ha detto, per poi lanciare una frecciatina agli Usa, le cui basi militari “sono in tutto il mondo”, mentre Mosca ne ha “solo due all’estero”. E inoltre – ha proseguito il leader del Cremlino – la Russia “spende dieci volte meno del Pentagono” per la difesa. Quanto affermato da Putin sulla crisi economica si può riassumere in due sole parole: niente panico. Il ritorno alla crescita è inevitabile, secondo l’uomo forte di Mosca: mal che vada ci vorranno altri 24 mesi. Il presidente russo si è anche detto in parte responsabile – in quanto capo di Stato – per quel che sta avvenendo, ma ha anche difeso il governo e la banca centrale definendo “adeguate” le misure adottate: pur senza inoltrarsi in spiegazioni più dettagliate su come uscire dalla crisi. E ha ammesso la necessità di diversificare l’economia russa, che dipende troppo da gas e petrolio, che rappresentano circa il 70% dell’export e metà del bilancio federale. Un legame troppo rischioso e le cui conseguenze si fanno sentire dolorosamente adesso che il prezzo del greggio è sotto i 60 dollari al barile. Ma “zar” Vladimir ha anche imputato alle sanzioni occidentali un peso del 25-30% sul crollo del rublo: che da inizio anno si è svalutato del 40% rispetto all’euro e del 60% rispetto al dollaro. Si è trattato della decima maxi-conferenza stampa di Putin da leader del Cremlino, e sicuramente è stata la più attesa e allo stesso tempo la più difficile di sempre vista la crisi che attanaglia l’economia russa. Lo “zar” ha parlato per circa tre ore nella grande sala del World Trade Center di Mosca esibendosi tra battutine e siparietti – anche sulla sua vita sentimentale – e interloquendo anche con giornalisti noti per la loro posizione critica nei suoi confronti. Ad ascoltarlo in sala c’erano più di 1.200 giornalisti che si sbracciavano e facevano a gara per fargli domande agitando gli oggetti più disparati (peluche compresi) per attirare la sua attenzione. (Giuseppe Agliastro/Ansa)

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora