Rifiutano nozze con jihadisti Isis, strage di donne in Iraq

Pubblicato il 18 dicembre 2014 da redazione

Yazidi protest in Bielefeld

BEIRUT. – Oltre 150 donne irachene, fra le quali alcune incinte, sono state uccise dall’Isis per avere rifiutato di sposare jihadisti dello Stato islamico. L’ultimo, in ordine di tempo, dei crimini perpetrati dallo Stato islamico, e’ stato denunciato dal ministero per i Diritti umani di Baghdad, mentre a Erbil, nella regione autonoma del Kurdistan, decine di leader politici, tribali e religiosi della comunita’ sunnita si sono riuniti per decidere una strategia comune sia contro i jihadisti, sia contro il pericolo di persecuzioni da parte delle milizie di volontari sciiti che si battono contro di loro. Il ministero iracheno, citato dalla televisione panaraba Al Arabiya, ha precisato che la strage di donne e’ avvenuta a Falluja, citta’ solo 60 chilometri a ovest di Baghdad, caduta nelle mani dell’Isis gia’ all’inizio dell’anno, sei mesi prima dell’offensiva lampo che ha portato i jihadisti ad impossessarsi di Mosul e di vaste regioni nel nord del Paese. La stessa fonte addossa la responsabilita’ della strage ad un miliziano dello Stato islamico, che identifica come Abu Anas al Libi. Secondo il ministero, quello delle donne e’ stato solo uno dei massacri perpetrati a Falluja dai jihadisti, che hanno sepolto molte delle loro vittime in fosse comuni nelle aree di Al Zagharid e di Al Saqlawiya. Centinaia di donne yazide erano state ridotte a schiave sessuali, costrette a convertirsi e a sposare miliziani dello Stato islamico l’estate scorsa nel nord-ovest dell’Iraq quando i jihadisti si erano impadroniti di Sinjar, una delle citta’ simbolo di questa minoranza religiosa, considerata eretica dai fondamentalisti dell’Isis. E proprio per riconquistare Sinjar da ieri i miliziani Peshmerga hanno lanciato un’offensiva con l’appoggio di decine di raid aerei della Coalizione internazionale a guida statunitense. Secondo fonti militari americane, i curdi sono finora riusciti a riprendere il controllo di un centinaio di chilometri quadrati di territorio. Per quanto riguarda invece la conferenza dei sunniti ad Erbil, la stampa panaraba sottolinea che l’evento e’ sponsorizzato dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, e uno dei suoi obiettivi principali è “creare una forza militare sunnita anti-Isis”. Secondo alcuni analisti politici, in particolare, Washington punterebbe a creare una forza di non meno di centomila uomini. Secondo Khalid Alwany, consigliere del presidente sunnita del Parlamento Salim al Jubury, tra i principali promotori politici iracheni della conferenza vi sono l’ex ministro delle Finanze, Rafi Essawi, e Athil al Nujaify, governatore della provincia di Ninive, che dal giugno scorso e’ interamente sotto il controllo dello Stato islamico, insieme al suo capoluogo, Mosul. Proprio la diffidenza della popolazione sunnita verso le politiche giudicate discriminatorie dell’ex primo ministro sciita Nuri al Maliki aveva fatto si’ che diversi clan sunniti si alleassero con i jihadisti dell’Isis, favorendo la loro fulminea avanzata nel nord del Paese. Le atrocita’ commesse dallo Stato islamico e la politica del nuovo premier Haidar al Abadi tesa a cercare una riconciliazione interconfessionale, ha fatto venir mento in gran parte il sostegno di molte tribu’ sunnite per l’Isis. Ma le violenze commesse dalle milizie sciite che hanno appoggiato le truppe governative di Baghdad in una controffensiva nelle ultime settimane gettano un’ombra sul futuro della convivenza tra i due principali gruppi confessionali musulmani nel Paese. (di Alberto Zanconato/ANSA)

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora