Obama contro Kim, i dittatori non possono imporci la censura

Pubblicato il 19 dicembre 2014 da redazione

ATTACCO ALLA SONY, GLI USA STUDIANO LA CONTROFFENSIVA

NEW YORK. –  Obama contro Kim Jong-un: i dittatori non impongono la censura al Paese delle libertà. Perche’ ora e’ tutto chiaro, le prove sono sul tavolo: i pesanti attacchi informatici alla Sony sono arrivati dalla Corea del Nord, direttamente dal regime di Pyongyang. E gli Stati Uniti passeranno al contrattacco, reinserendo la Corea del Nord nei paesi sponsor del terrorismo. “Risponderemo, nelle modalita’ e nei tempi che decideremo”, ha affermato il Commander in Chief. Non e’ accettabile’, ha detto, che ci sia “un dittatore da qualche parte che inizia a imporre la censura qui, negli Usa”. Washington e’ certa delle responsabilità del regime nordcoreano. Gli hacker che hanno attaccato e minacciato la Sony Pictures hanno lasciato le loro ‘impronte digitali’: l’Fbi le ha rilevate e accusa, il mandante e’ Pyongyang. E per la prima volta, il presidente americano punta ora il dito ufficialmente contro un governo straniero ed il suo leader per un attacco nel cyberspazio, un vero e proprio attacco terroristico contro il primo emendamento della Costituzione Usa, quello sulla libertà di espressione, valutando una rappresaglia adeguata. Obama riserva però anche una stoccata alla Sony. Cancellare l’uscita del film che non piace alla Corea del Nord “e’ stata una decisione sbagliata”, una forma di autocensura, e “vorrei che mi avessero prima consultato”, ha affermato. “Non avevamo alternative”, “non abbiamo commesso errori”, ha replicato l’amministratore delegato di Sony Pictures, Michael Lynton. E intanto, i pirati informatici cantano vittoria. Hanno inviato un nuovo messaggio ai dirigenti della Sony sostenendo la loro decisione di cancellare la diffusione del film satirico ‘The Interview’ e’ stata “molto saggia”, e allo stesso tempo intimano: “Ora vogliamo che il film non venga mai distribuito”, in alcun modo, “neanche in Dvd o piratato”. E con un’implicita minaccia ricordano: “abbiamo ancora vostre informazioni private e sensibili”, oltre a quelle che sono già state diffuse. Probabilmente si tratta di una risposta indiretta anche allo scrittore brasiliano Paulo Coelho, che ha offerto alla Sony 100 mila dollari per i diritti del film, per poterlo cosi’ pubblicare gratuitamente sul suo blog. Il film ‘incriminato’, The Interview, e’ un film satirico sul regime nordcoreano, in cui gli attori James Franco e Seth Roger, nei ruoli di un conduttore Tv e del suo produttore, tentano di mettere a punto un piano per eliminare il dittatore Kim Jong-Un, su mandato della Cia. La prima uscita nelle sale era stata fissata per il giorno di Natale, ma ieri e’ stata cancellata come sono state cancellate tutte le proiezioni a venire, dopo che gli hacker, che si autodefiniscono Guardians of Peace, hanno minacciato attacchi “in stile 11 settembre”. Una marcia indietro che ha causato alla Sony contraccolpi alla borsa di Tokyo, dove e’ quotata, e dove oggi era arrivata a perdere fino al 3 per cento del suo valore, per poi recuperare qualcosa e arginare le perdite a 1,29 per cento. L’Fbi dice di avere numerose prove che il cyber-attacco arriva direttamente dalla Corea del Nord, che gli “strumenti” usati e gli Internet Protocol (IP) di origine sono uguali a quelli di un attacco a marzo contro la Corea del Sud, e “simili atti di intimidazione” sono “inaccettabili per uno Stato”. Ieri aveva alzato la voce anche il capo di stato maggiore interforze, generale Martin Dempsey, dicendosi “preoccupato” del “momento in cui bisognerà far fronte alla realtà”, ovvero che uno Stato “ha attaccato nel cyberspazio una società americana”. “Non scateneremo una guerra nella penisola coreana per questo”, ha dal canto suo affermato un ex funzionario dell’ intelligence Usa citato oggi dal Wall Street Journal. Certo però che le opzioni a disposizione di Washington per una “proporzionata” rappresaglia contro Pyongyang non sono molte. Anche perche’ la Corea del Nord e’ già un Paese estremamente isolato, politicamente ed economicamente, e dove la diffusione di Internet e’ molto limitata e avviene peraltro attraverso la Cina, con cui gli Usa hanno già i loro problemi di cyber-spionaggio. E in ogni caso Pyongyang sembra voler mantenere, almeno per il momento, una basso profilo. Oggi, tramite un suo inviato all’Onu, ha negato ogni coinvolgimento nell’attacco.

Ultima ora

07:14Lanciata molotov davanti a commissariato a Roma

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Una bottiglia molotov è stata lanciata nella serata di ieri davanti al commissariato Prati, nel centro di Roma. A tirarla una persona, con il volto coperto da casco, a bordo di uno scooter che arrivando in via Ruffini ha rallentato e, dopo aver tirato la bottiglia incendiaria, è scappato. Centrato un vecchio furgone della polizia parcheggiato nell'area di sosta davanti al commissariato che è rimasto danneggiato nella parte anteriore. Sulla vicenda sono in corso indagini dei poliziotti del commissariato Prati e della Digos per risalire al responsabile. Al vaglio le registrazioni delle telecamere. Al momento non si esclude nessuna ipotesi: dal gesto anarchico a un episodio legato ad ambienti della tifoseria. Il commissariato Prati, infatti, ha un ruolo centrale nell'organizzazione della sicurezza dello stadio Olimpico. L'episodio avviene a pochi giorni di distanza dall'esplosione di un ordigno rudimentale davanti alla stazione dei carabinieri San Giovanni.

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

Archivio Ultima ora