Pakistan: dopo la strage nella scuola, verso decine di impiccagioni

Pubblicato il 19 dicembre 2014 da redazione

Pakistan intensifies anti-Taliban offensive after school massacre

ISLAMABAD. – I boia delle prigioni pachistane sono pronti a impiccare decine di terroristi islamici nei prossimi giorni dopo il via libera alle esecuzioni decisa dal governo all’indomani del massacro di oltre 130 bambini a Peshawar. Due militanti sono già stati mandati alla forca nella prigione di Faisalabad, nella provincia centrale del Punjab. Il governo conservatore del premier Nawaz Sharif intende mostrare la massima durezza dopo il brutale massacro di alcuni giorni fa definito come ‘l’11 settembre pachistano’. In queste ore sono state intensificate anche le operazioni dell’esercito nei distretti tribali pasthun, molto probabilmente anche in collaborazione con gli Usa, come dimostra l’attacco di un drone pilotato dalla Cia contro un sospetto covo del mullah Fazlullah, leader del Ttp, sulla linea del confine tra Pakistan e Afghanistan. Nei penitenziari di Rawalpindi, di Faisalabad, Karachi e della provincia nord occidentale di Khyber Pakhtunkhwa fervono i preparativi ed è stata rafforzata la sicurezza per paura di rappresaglie dei fondamentalisti. Il capo dell’esercito, il generale Raheel Sharif, ha dato il via libera all’impiccagione di sei jihadisti che da anni sono nel braccio della morte per attentati contro obiettivi militari. Tra questi ci sono appunto due militanti di primo piano già saliti sul patibolo. Si tratta dell’ex medico militare dell’organizzazione terroristica Lashkar-e-Jhangvi, noto come il dottor Usman, considerato la mente di uno spettacolare attacco al quartiere generale dell’esercito nel 2009 a Rawalpindi costato la vita a 11 militari. Il secondo è invece Arshad Mehmood, accusato di aver pianificato un attacco suicida nel 2003 contro l’allora presidente e generale Pervez Musharraf. Intanto è arrivato anche il segnale verde per l’esecuzione di 22 terroristi detenuti in diverse carceri e anche questi in attesa nel braccio della morte dopo la moratoria decisa nel 2008 dall’allora presidente Asif Ali Zardari, vedovo della statista Benazir Bhutto (il cui padre Zulfiqar Ali Bhutto era stato deposto e impiccato nel 1979 dopo il golpe del generale Muhammad Zia-ul-Haq). Secondo una fonte locale, 85 persone sono pronte a salire al patibolo, mentre il ministro della Giustizia sta esaminando ora altri 378 casi. La decisione di porre un termine alla moratoria è stata criticata da Amnesty International. “La pena di morte – ha detto il vicedirettore dell’area Asia Pacifico David Griffith – non è una risposta al terrorismo e non lo è mai stata”. Ancor prima del brutale attacco, le forze armate avevano fatto pressione sul premier conservatore Nawaz Sharif perché introducesse una legge di emergenza anti terrorismo oltre alla fine della moratoria. Da allora oltre 8.500 criminali, tra cui dei jihadisti irriducibili, sono stati condannati a morte con una sentenza definitiva, ma la loro esecuzione è stata sospesa. Solo una volta, nel novembre 2012, un soldato condannato alla pena capitale da una corte marziale è salito sulla forca, tra le critiche della comunità internazionale e dei gruppi di difesa dei diritti umani. Intanto, sempre in reazione al feroce attacco talebano di martedì, continuano i raid aerei e le retate contro sospetti estremisti islamici, in particolare nel distretto tribale di frontiera del Nord Waziristan (dove da metà giugno è in corso la campagna militare anti talebana) e nella Khyber Agency. L’esercito ha fatto sapere di aver ucciso oltre 30 ribelli in una operazione nella valle di Tirah, una delle roccaforti dei fondamentalisti, e una decina di altri militanti in retate a Karachi e nella provincia del Baluchistan. (Maria Grazia Coggiola/Ansa)

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora