Grande cuore Inter, contro la Lazio rimonta e pareggia

Pubblicato il 21 dicembre 2014 da redazione

Soccer: serie A, Inter-Lazio

MILANO. – Grande cuore dell’Inter: i nerazzurri, sotto di due gol contro la Lazio, riescono a trovare un difficile quanto provvidenziale pareggio. Alla doppietta di Felipe Anderson, rispondono Kovacic e Palacio che piano piano sta tornando il campione di sempre, dopo un interminabile digiuno. Nerazzurri ancora a due facce, pessimo il primo tempo, si riscattano nel secondo. La Lazio parte bene ma si perde e crolla dopo l’intervallo. Piccolo passo avanti dell’Inter che sale a 21 punti in classifica. La squadra di Pioli invece va a 27, bastano a raggiungere Napoli e Sampdoria e a scalare una posizione. Per Mancini e i nerazzurri si era messa davvero male in una gelida serata milanese. Nebbia a San Siro e nebbia fitta nell’Inter, confusa e disordinata. Mancini rivoluziona la squadra ma i giocatori sembrano non capire le nuove indicazioni tattiche. In avanti Palacio e Icardi, Kovacic che si muove fra le linee, Dodo’ e Nagatomo esterni sulla fascia destra, D’Ambrosio e Guarin a sinistra con il colombiano pronto ad accentrarsi, difesa a quattro. Resta fuori Medel. Eppure, nonostante il coraggio di cambiare e di rischiare, alla Lazio bastano solo centoventi secondi per passare in vantaggio grazie a Felipe Anderson che sfrutta al meglio un buon cross di Radu. Sinistro angolato e potente che beffa Handanovic. Ranocchia clamorosamente in ritardo in un gruppo che non gira, che da’ l’impressione di essere poco affiatato e male assortito. Mancini e’ stupefatto ma incita i suoi a reagire, a mostrare cattiveria e cinismo che finora sono mancati. I nerazzurri provano a ricominciare da capo: Dodo’ e’ sempre fuori posizione, Nagatomo va in confusione, la difesa e’ vulnerabile. Al 6′ ancora pericoloso Felipe Anderson. L’Inter cerca un varco, Icardi prova a crossare ma De Vrij e’ in agguato. Guarin tenta la giocata da fuori area, al 24′ Nagatomo sfodera il suo destro ma il tiro viene deviato. L’Inter e’ generosa ma manca di lucidita’, la Lazio controlla e rintuzza l’offensiva nerazzurra con ordine e precisione. Gli ospiti aspettano per colpire in contropiede. Dodo’ cerca Palacio che manca l’aggancio di tacco, poi l’argentino mette al centro, provvidenziale l’intervento di Cana. La partita si fa tesa, qualche fallo di troppo, con Klose particolarmente aggressivo tanto da farsi ammonire. L’Inter cerca di fare ordine, di trovare razionalita’ e freddezza, di riprendere la partita che le sta sfuggendo di mano. Ma, al 37′, arriva il raddoppio della Lazio con una azione irresistibile di Felipe Anderson che ubriaca la difesa nerazzurra e trafigge Handanovic. Brutto colpo per l’Inter che deve tirar fuori carattere e grinta: Kovacic si lancia in un’azione personale che pero’ non ha l’esito sperato. Mancini richiama Dodo’ e manda in campo Medel, vertice basso del rombo di centrocampo. Si chiude il primo tempo fra i fischi sonori del pubblico di San Siro. La ripresa segna la svolta: l’allenatore ridisegna ancora la squadra e il rebus tattico si risolve. L’Inter si ricompatta, si impegna, corre, assedia e schiaccia una Lazio che perde smalto, inerme e incapace di tenere il campo. Palacio e’ protagonista della manovra, si vedono importanti sprazzi di un grande campione. Al 18′ si gira bene ma non trova lo specchio. I nerazzurri vogliono il pareggio e ci provano con grande generosita’: al 21′ sono premiati con un gol capolavoro di Kovacic, destro perfetto, sassata imprendibile per l’incolpevole Marchetti. D’Ambrosio rischia la doppia ammonizione che comunque sarebbe stata eccessiva e proprio lui avra’ un ruolo importante nel gol del pareggio nerazzurro insieme a Bonazzoli subentrato a Guarin fischiato dal pubblico di San Siro. Al 35′ calcio di punizione dalla trequarti: Bonazzoli sul pallone scodella per la testa di D’Ambrosio, sponda per Palacio che si sblocca dopo duecento giorni di malinconica astinenza. L’Inter alla fine poteva anche vincere, miracolo di Marchetti su Kovacic e illusione sul finire per un’occasione mancata da Icardi che pero’ era stato pescato in fuorigioco. L’Inter deve crescere e su questo Mancini ha ragione, la strada per il terzo posto e’ lunga e difficile, servono rinforzi di qualita’. Kovacic da solo non basta se le ambizioni restano alte. L’allenatore attraversa tutte le emozioni in 90 minuti: dallo sconforto alla fiducia, infine anche la speranza di vincere una partita che sembrava davvero persa. Per lui si profilava un Natale amaro, ce la fa a scansare l’incubo ma l’appuntamento e’ a gennaio, quando il mercato riaprira’ i battenti. (di Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

19:13Diritti tv: Malagò, ora copertura Giochi è completa

(ANSA) - ROMA, (ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - "Siamo molto felici per il fatto che la Rai abbia acquisito i diritti a trasmettere le Olimpiadi invernali, una cosa che integra in modo esemplare e perfetto quanto già offerto con Discovery da Eurosport". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, saluta così l'annuncio dell'accordo con Discovery per l'acquisizione dei diritti radiotelevisivi in chiaro delle Olimpiadi invernali del 2018 in Corea, che la Rai trasmetterà quindi dopo 8 anni di assenza. "Non nascondo che siamo sempre stati sponsor di questa opportunità - ha aggiunto il capo dello sport Italiano all'Ansa - per mettere in condizione il più possibile di dare visibilità alle discipline invernali, agli sponsor e chi ha investito sui progetti". "Ringrazio anche il gruppo Discovery, sono molto molto felice, complimenti a presidente e direttore generale della Rai".

19:05Russia: Sobchak attacca Putin, ‘teme competizione’

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - La candidata alle presidenziali in Russia e giornalista della tv 'Dozhd' Xenia Sobchak attacca Vladimir Putin con una domanda scomoda durante la conferenza stampa annuale del leader russo: "Perche' il Cremlino ha cosi' tanta paura della competizione?", chiede Sobchak, completamente vestita di rosso, denunciando che all'oppositore Alexiei Navalni non e' stato permesso di candidarsi e che "le persone sanno bene che essere leader dell'opposizione significa essere uccisi o incarcerati".

Archivio Ultima ora