Venezuela, tornano i caselli autostradali

CARACAS – Si pensava che fosse ormai un capitolo archiviato. Durante il governo dell’estinto presidente Hugo Rafael Chávez Frías si eliminarono, considerandoli innecessari, tutti i caselli autostradali. E si dichiaró illegale la tassa che i cittadini dovevano pagare per transitare per le autostrate, superstrade. La decisione, allora, fu applaudita perché, in non pochi Stati del paese, cominciarono a costruirsi caselli autostradali non solo nelle autostrade ma anche nelle strade nazionali. Insomma, si trasformarono in un vero e proprio abuso.

Ora, però, la necessitá ha costretto il presidente Maduro a rispolverare il balzello. Il capo dello Stato, infatti, ha reso noto che si studiano le modalitá per rendere più efficiente la tassa autostradale che, si presume, entrerá nuovamente in vigenza nelle prossime settimane.

La decisione del presidente Maduro coincide con un altro annuncio: quello di lasciare invariati i progetti d’investimento contemplati nell’ambito della Finanziaria 2015 e, quindi, giá calcolati nella spesa pubblica..

– Continueremo con i nostri investimenti nell’ambito petrolifero e delle infrastrutture. Continueremo a costruire nuovi appartamenti. Abbiamo le risorse sufficienti; abbiamo disegnato una strategia che ci permetterá di superare il duro colpo che rappresenta la caduta dei prezzi del petrolio.

Condividi: