Il Cagliari riparte da Zola: “Amo le sfide difficili”

Calcio: Cagliari, Zola nuovo allenatore / SPECIALE

CAGLIARI. – Conto alla rovescia per il via al nuovo Cagliari versione “Magic Box”. Il primo allenamento del dopo Zeman, con Gianfranco Zola alla guida dei rossoblù – e presentazione alla stampa – dovrebbe slittare a lunedì pomeriggio (la ripresa dopo le vacanze inizialmente era fissata per domenica). Ma il presidente Tommaso Giulini, con il suo staff, definiranno da domani insieme all’ex allenatore di West Ham e Watford, al suo esordio in una panchina di serie A, le linee di intervento in vista della riapertura del calciomercato. Anche modellando le strategie al modulo preferito da Zola: in Inghilterra il nuovo tecnico del Cagliari ha giocato quasi sempre con due punte e un centrocampo a quattro. Niente tridente, dunque. E niente trequartista: a meno che non si faccia un’eccezione per Cossu. “Mi piacciono le sfide difficili, e questa è una bella sfida”, avrebbe confessato ad alcuni amici Zola, che torna al Cagliari dieci anni dopo aver appeso le scarpette al chiodo, concludendo la sua splendida carriera da calciatore proprio nella squadra della sua terra. Servono punti subito. E Zola potrebbe puntare su chi ha più presenze in serie A per ripartire limitando al massimo le incognite. Probabile il rilancio di Murru (Avelar potrebbe essere avanzato a centrocampo), Dessena e Longo. Anche se il nuovo tecnico per l’attacco spera di avere a disposizione Sau, reduce da infortunio, già per la gara con il Palermo del 6 gennaio. Tutto questo aspettando i rinforzi di gennaio: almeno un’altra punta e un centrocampista. Per il Cagliari una svolta a sorpresa. Tutto è successo in pochi giorni. Zeman, che sembrava confermato e pronto a giocarsi le chance riscatto con Palermo e Cesena, è stato esonerato dopo l’ultimo allenamento del 2014, a seguito dell’ennesima sconfitta, con la Juventus. Subito è scattata la caccia al nuovo allenatore: il Cagliari ha incassato il “no grazie” di Walter Zenga e poi ha spalancato le porte al ritorno a casa di Zola. Rossoblù terzultimi a tre punti dalla salvezza. Obiettivo inevitabile: contro Palermo e Cesena bisogna fare almeno quattro punti. E rompere il tabù Sant’Elia dove dall’inizio del campionato il Cagliari non ha mai vinto.

Condividi: