A New York i funerali degli agenti. Tensioni per altro nero ucciso

Memorial for two police officers killed in Brooklyn

NEW YORK. – New York si prepara per i funerali dei due agenti di polizia uccisi da un afroamericano che voleva ‘vendicare’ la morte del teenager nero Michael Brown, ucciso da un poliziotto a Ferguson, e anche di un altro nero, Eric Garner, soffocato da un agente a Staten Island nel corso di un arresto. Sono attesi una grande folla, e oltre 25 mila tra agenti e ufficiali di polizia di ogni grado. Allo stesso tempo, neanche il Natale ha fermato i manifestanti che sono scesi in strada a Berkeley, a pochi chilometri da Ferguson, per protestare per l’uccisione di un 18enne afroamericano da parte di un agente bianco martedi’. Decine di persone hanno di nuovo inscenato manifestazioni di protesta, tra cui l’ormai diffuso ‘die-in’ in cui i manifestanti si sdraiano sulla strada fingendosi morti, bloccando cosi’ il traffico. La polizia e’ intervenuta in forze e ha arrestato sette otto o persone, ma poi la tensione e’ andata calando quando le autorita’ hanno diffuso i video della sorveglianza del distributore dove e’ avvenuta la sparatoria, che sembrano avvalorare la versione del poliziotto secondo cui il ragazzo, che si chiamava Antonio Martin, gli aveva puntato contro una pistola e lui avrebbe quindi sparato “per legittima difesa”. Una dimostrazione che la vicenda, ha detto il sindaco di Berkeley, Theodore Hoskins, “non si puo’ neanche paragonare ai casi di Ferguson e Staten Island”. La morte di Michael Brown prima, e quella di Garner poi, hanno dato il via ad una serie di manifestazioni di protesta in tutti gli Stati Uniti, a volte anche violente, contro il razzismo e contro i presunti metodi brutali della polizia contro i neri. Manifestazioni che hanno poi portato all’uccisione di due poliziotti, Rafael Ramos e Wenjan Liu, la settimana scorsa a New York. L’uomo che gli ha sparato a sangue freddo e si e’ poi suicidato, aveva affermato su internet di volere cosi’ vendicare la morte di Brown e anche di un altro nero, Eric Garner, soffocato da un agente a Staten Island nel corso di un arresto. “Loro hanno preso due dei nostri – aveva scritto – e io prendero’ due dei loro”. E a New York la tensione rimane ancora alta. Sette persone sono state arrestate dopo che avevano minacciato il NYPD, il dipartimento di polizia della citta’. Ma la polizia e’ oggi concentrata soprattutto sui funerali solenne che si svolgeranno domani in onore dell’agente Ramos. E’ prevista anche la presenza del vicepresidente Joe Biden, oltre che del sindaco Bill de Blasio, al centro nelle settimane scorse di polemiche a causa delle sue dichiarazioni a favore delle manifestazioni dopo la morte di Eric Garner. Tra due ali di agenti in alta uniforme blu e guanti bianchi, oggi la salma di Ramos e’ stata intanto portata in una bara avvolta dalla bandiera del NYPD in una chiesa protestante di Glendale, a Queens, dove nel corso della giornata e questa notte e’ prevista una veglia di preghiera. Per i funerali dell’agente Wenjan Liu invece non c’è ancora una data precisa, almeno ufficialmente. Si sa solo che non è prevista una cerimonia religiosa, se non una preghiera in un luogo da determinare, e che si attende l’arrivo di alcuni suoi parenti dalla Cina.