Schumacher: un anno fa la tragedia, “ora riconosce i cari”

Pubblicato il 29 dicembre 2014 da redazione

schumi
ROMA. – Un anno fa una caduta banale quanto tragica cambiò per sempre la sua vita. Rimasta appesa a un filo per mesi. Per vedere la luce fuori dal tunnel Michael Schumacher di strada ancora ne deve fare molta, lui che ha divorato chilometri sui circuiti di tutto il mondo, diventando uno dei miti della formula uno: dall’incidente sulle nevi di Meribel il 29 dicembre 2013 Schumi però non ha mai smesso di lottare, e la sua battaglia per la vita ha portato i suoi frutti. Ancora non parla, ha problemi di memoria, ma “riconosce i suoi cari”. Dal bunker in cui la moglie Corinna ha trasformato la residenza in Svizzera dove il campione tedesco è stato trasferito per la lunga riabilitazione, trapelano i piccoli passi fatti dall’ex pilota in questi mesi. Sei mesi fa l’uscita dal coma, a settembre quella dall’ospedale di Grenoble per fare ritorno a casa fare ritorno a casa. “Non ha ancora ritrovato l’uso della parola e comunica con gli occhi. Comincia comunque a riconoscere i suoi cari, sua moglie e i figli, ma ha grossi problemi di memoria” racconta l’ex pilota e amico di Schumacher Philippe Streiff, paraplegico dopo un incidente in gara del 1989. ‘Schumi’ starebbe quindi lentamente recuperando parte delle sue facoltà dopo la caduta sugli sci. “Anche la memoria? In futuro può essere… – ha detto -. In un ospedale, in una stanza in cui lo assistevano degli infermieri che lo conoscevano solo di fama, per lui era difficile ritrovare i ricordi. E’ anche per questo che è stato portato a casa, perché è probabile che in un ambiente familiare possa ritrovare la memoria molto più velocemente”. Ma Streiff riconosce che il sette volte campione del mondo non ha ancora praticamente capacità motorie. “Michael ha iniziato a lavorare su questo – racconta ancora l’amico -. A lungo termine potrebbe essere in grado di sperare in una passeggiata con le stampelle perché il suo midollo spinale non è stato danneggiato. Ma non possiamo dire nulla, né fare piani”. I segni lasciati da quell’incidente “sono molto pesanti”. Streiff dice di essere in contatto con la moglie di Schumi, Corinna, e con il professor Saillant. “Io vivo a Grenoble, proprio accanto al Policlinico Universitario, dove era ricoverato Schumacher – aggiunge – Al momento dell’incidente, quindi ero lì”. Schumi nel suo letto nella casa di Gand ancora non si muove, le capacità motorie “sono molto limitate. Anche il passaggio dal letto alla carrozzina è molto difficile, per tornare a stare seduto io ho impiegato più di un anno. Michael ha iniziato a lavorare su questo, e penso che a lungo termine possa sperare un giorno di fare una passeggiata con le stampelle perché il midollo spinale non è stato danneggiato. Ma tutto dipenderà dalla riabilitazione”. La famiglia e la voglia di battersi ancora farà il resto.

Ultima ora

11:34Scuola: Tar annulla bocciatura,alunno verso classe superiore

(ANSA) - TRIESTE, 18 OTT - Il Tar annulla la bocciatura di un alunno di seconda media perché il padre non era stato informato dalla scuola dell'andamento scolastico negativo del figlio, che ora può ottenere l'iscrizione alla terza media. Succede in Friuli Venezia Giulia dove il Tar ha accolto il ricorso presentato dall'uomo e ha annullato la bocciatura del figlio decisa lo scorso 13 giugno dall'Istituto Comprensivo di Gorizia 1. La decisione dei giudici amministrativi - anticipata stamani da Il Piccolo e Messaggero Veneto - è stata già notificata alla scuola dal legale dell'uomo, l'avv. Alessandro Tudor. "A questo punto - ha spiegato l'avv. Tudor, interpellato dall'ANSA - se la scuola non dovesse eseguire la sentenza del Tar, presenterei un altro ricorso per la nomina di un commissario ad acta per l'esecuzione della sentenza e l'iscrizione del ragazzo alla terza media". Dopo la bocciatura, il ragazzo è stato iscritto e frequenta la seconda media in una scuola diversa.

11:32Basket: Nba, Golden State ko in casa con Houston

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Esordio choc per i Warriors campioni in carica dell'Nba: Golden State, nella seconda gara della regular season scattata ieri sera, è stata battuta in casa per un solo punto dagli Houston Rockets: 121-122 il risultato finale. E pensare che Kevin Durant e compagni erano partiti più che bene, presentandosi all'ultimo quarto con un rassicurante +13 sugli uomini di Mike D'Antoni; ma proprio lì è iniziata la rimonta texana che ha finito con il rovinare ai californiani, come nel 2015 fece San Antonio, la festa della consegna degli anelli (il trofeo per il titolo Nba della scorsa stagione). E con tanto di beffa finale per il canestro di Durant annullato perché su tiro partito fuori tempo massimo, dopo aver rivisto il tutto al replay. Miglior marcatore del match, e vero trascinatore di Houston, è stato James Harden con 27 punti, ma ottima è stata, sempre per i Rockets, anche la prova dell'attesissimo Chris Paul. Per Golden State, 23 punti di Nick Young, 22 di Stephen Curry e 20 di Durant.

11:30Calcio: Cagliari, sulla panchina torna Lopez

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Si attende solo l'ufficialità, ma ormai è fatta: Diego Lopez, ex capitano e allenatore rossoblù, guiderà il Cagliari al posto di Massimo Rastelli con un accordo fino a giugno, con opzione legata al piazzamento in campionato. L'uruguaiano ieri sera ha scavalcato la concorrenza di Massimo Oddo e Giuseppe Iachini ed ora si è alle formalità. Il suo secondo - confermano all'Ansa i vertici del club - sarà Michele Fini, anch'egli ex rossoblù e già al fianco di Lopez nelle avventure di Bologna e Palermo. La rescissione del contratto con i rosanero (Lopez ha guidato la squadra siciliana la scorsa stagione per un breve periodo) aveva dirottato riflettori e attenzioni sul tecnico sudamericano. Da calciatore, Lopez è arrivato in Sardegna nella stagione 1998/'99: fino al 2010, tra campionato e coppe, ha totalizzato 344 presenze e 9 gol. Anche come allenatore è cresciuto ad Assemini: prima con le giovanili, poi in prima squadra dal 2012 al 2014. Quindi, due anni tra il Bologna in B e il Palermo in A e ora il ritorno.

11:23Stalking: perseguita ragazza, Cc lo attendono all’aeroporto

(ANSA) - BOLOGNA, 18 OTT - Carabinieri e Polizia di frontiera lo hanno atteso all'aeroporto di Bologna, dove rientrava dopo un'assenza di tre mesi, e lo hanno arrestato per stalking. L'uomo, un pachistano di 24 anni, è accusato di aver perseguitato una ventenne italiana conosciuta due anni fa. Dopo un approccio non andato a buon fine, lo straniero aveva cominciato a tempestare la ragazza con messaggi e pedinamenti, provocandole uno stato di ansia e paura. Un giorno l'attese sotto casa fino al suo ritorno, nonostante i genitori di lei avessero tentato di allontanarlo. Provò a scavalcare una recinzione, senza riuscire per l'intervento dei Carabinieri. I fatti sono avvenuti a Calderara di Reno. La giovane fece denuncia e a luglio un Gip ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari; il provvedimento è stato eseguito lunedì quando il 24enne è atterrato di rientro dal Pakistan.(ANSA).

11:15Svezia: media, bomba esplode davanti stazione polizia

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - Una potente bomba é esplosa oggi davanti a una stazione di polizia a Helsingborg nel sud della Svezia: lo hanno reso noto le autorità del Paese. Si riportano notevoli danni alla struttura. Lo scrive il quotidiano The Independent in un tweet.

11:05Basket: Nba, Cleveland-Boston 102-99 all’esordio

(ANSA) - ROMA, 18 OTT - La sfida tra Cavaliers e Celtics ha aperto la stagione 2017/'18 di Nba, finendo 102-99 per Cleveland, con Boston nel terzo quarto risalita da -18 fino a condurre quando mancavano 2'09" alla sirena. Un grave infortunio aveva tuttavia aperto la gara: Gordon Hayward, ingaggiato da Boston con un contratto da 128 milioni di dollari per 4 anni, dopo 5'15" è atterrato malamente da un salto ed ha riportato la frattura di tibia e caviglia sinistre, choccando tutti i presenti per l'evidente deformazione assunta dalla gamba. In cattedra, ma non certo per il forfait di Hayward, è salito LeBron James, a sua volta non al 100% per i postumi dell'infortunio alla caviglia sinistra che lo aveva costretto a tre settimane di stop: 29 punti, 13 dei quali nell'ultimo e decisivo quarto, 16 rimbalzi e 9 assist. L'ex Kyrie Irving (fischiato dal pubblico) ha avuto invece nelle mani il pallone del possibile pari con un tiro da tre proprio alla sirena, ma ha fallito. Ha concluso comunque con 22 punti, 3 in meno di Jaylen Brown.

10:56Volo con tuta alare, muore donna quarantenne in Francia

(ANSA) - AOSTA, 18 OTT - Una donna di circa 40 anni è morta a seguito di un'incidente avvenuto durante un volo con la tuta alare nel massiccio del Monte Bianco. L'incidente si è verificato ieri nella zona delle Tours d'Areu, nel comune di Sallanches, sul versante francese. La vittima si era lanciata dalla punta d'Areu (catena degli Aravis) a circa 2.500 metri di quota. A dare l'allarme era stato il compagno di volo quando non l'ha vista arrivare a valle dopo il decollo. Il corpo è stato trovato nella tarda serata di ieri.

Archivio Ultima ora