1915: l’anno delle nascite illustri, da Alberto Burri a Frank Sinatra

Pubblicato il 03 gennaio 2015 da redazione

sinatra

ROMA. – Anno di guerra ma anche di nascite illustri quel 1915 che vide venire alla luce tanti personaggi di primo piano dell’arte, del cinema e della musica che non ci sono più, ma che andranno degnamente celebrati nel centenario e che per ora ci piace con indegna brevità ricordare in ordine cronologico. Il 19 gennaio del 1915, a Roma, nasce Stefano Vanzina, in arte STENO, regista e sceneggiatore che iniziò come vignettista al Marc’Aurelio, fucina di talenti anche cinematografici come Fellini. Firma pellicole di genere che sono entrate nella storia, da quelle con protagonista Totò, fino alla serie con il Piedone Bud Spencer. Muore a Roma nel 1988. Il 12 marzo del 1915 nasce a Città di Castello uno dei più grandi artisti italiani del secolo scorso: ALBERTO BURRI. Inizia a dipingere nel campo di concentramento in Texas dove è prigioniero, ma entrerà nei più grandi musei del mondo con i sacchi, le combustioni, le straordinarie tele monocrome e poi i cretti degli anni Settanta. Muore a Nizza nel 1995, un mese prima del suo ottantesimo compleanno. Il 7 aprile del 1915 nasce a Baltimora BILLIE HOLIDAY, nome d’arte di Eleonora Fagan, forse la più grande cantante jazz della storia. Dopo un’infanzia estremamente travagliata inizia a cantare ad appena 15 anni nei club di Harlem e il suo destino era segnato dalla voce che dall’inferno la porta a superare ogni barriera, a partire da quelle razziali. Muore a New York il 17 luglio del 1959. Il 21 aprile a Chihuahua viene alla luce ANTHONY QUEEN, messicano poi star di Hollywood dai ruoli di duro gentile che si aggiudica ben due Oscar: nel 1953 nei panni di Eufemio Zapata, in Viva Zapata!, e nel 1957 per essere stato un grande Paul Gauguin in Brama di vivere, diretto da Vincente Minnelli. Muore a Boston il 3 giugno del 2001. Il 6 maggio 1915 nasce a Kenosha il gigante, non solo cinematograficamente parlando, ORSON WELLES, capace di esprimersi e sbalordire con ogni mezzo a disposizione. Dall’oramai leggendaria trasmissione radiofonica, La guerra dei mondi, fino a film come Quarto potere. Muore a Hollywood il 10 ottobre del 1985. Nasce a Roma il 16 maggio uno dei registi che hanno saputo raccontare meglio vizi e virtù degli italiani: MARIO MONICELLI. E’ tra i massimi esponenti di un genere che ha lasciato il segno, anche grazie ad una generazione di grandi attori, come la commedia all’italiana. Ha firmato film come Guardie e ladri, I soliti ignoti, La grande guerra, L’armata Brancaleone e Amici miei, che hanno fatto ridere diverse generazioni. Si è tolto la vita il 19 novembre 2010. Primo vagito il 27 luglio a Firenze per MARIO DEL MONACO, tra i più grandi tenori italiani di sempre. Il debutto con Turiddu nella Cavalleria Rusticana nel 1939, l’anno dopo il primo successo con Pinkerton nella Madame Butterfly. Ma la fama internazionale arriva nel 1950 con l’Otello di Giuseppe Verdi a Buenos Aires: il ruolo diventerà il suo cavallo di battaglia, con ben 427 recite (molte delle quali con Renata Tebaldi), record ancora imbattuto. Muore a Mestre il 16 ottobre 1982. Il 29 agosto nasce a Stoccolma INGRID BERGMAN, morta a Londra il 29 agosto del 1982. Dalla Svezia ad Hollywood, passando per il cinema italiano dove lasciò anche il cuore. Sposò il regista Roberto Rossellini che la diresse in film come Stromboli terra di dio, sul cui set scoppiò la scintilla dell’amore da cui nacquero due figli, Roberto e Isabella. Il 17 ottobre 1915 è la data di nascita di ARTHUR MILLER, che vede la luce a New York città a cui rimase profondamente legato. Drammaturgo, scrittore, celebre per opere di primo piano come Morte di un commesso viaggiatore, ma anche per il matrimonio tempestoso con Marylin Monroe che durò cinque anni. Gli sopravvisse a lungo e morì a Roxbury nel 2005. IL 12 dicembre dell’anno 1915 nasce a Hoboken The Voice, la voce per eccellenza, ovvero il grande FRANK SINATRA, che a inizio 2015 sarà anche celebrato da un atteso album di cover di Bob Dylan. Attore e cantante di origine italiana, ha venduto oltre 150 milioni di dischi, per un totale di 2.200 brani per 60 album solo di inediti, in 60 anni di una carriera epica in cui ha vinto due Oscar, due Golden Globes, ventuno Grammy Awards e un Emmy. E’ morto il 14 maggio 1998. Era nata il 14 dicembre del 1915 anche AVE NINCHI, volto dolce del teatro, del cinema e della tv italiana. Definirla caratterista è certo riduttivo per un’attrice che ha fatto da spalla ai grandi comici italiani, da Totò ad Aldo Fabrizi, da Paolo Stoppa a Nino Taranto, da Peppino De Filippo ad Alberto Sordi. Morì a 82 anni a Trieste. (di Elisabetta Stefanelli/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora