Doppietta di Higuain, il Napoli spietato a Cesena

Pubblicato il 06 gennaio 2015 da redazione

Soccer; Serie A; Cesena-Napoli

CESENA. – Un Napoli cinico e concreto fa suo il match del Manuzzi contro il Cesena. La squadra di Benitez chiude la pratica già nel primo tempo con i gol di Callejon e Higuain, poi l’autorete di Capelli (su tiro di Hamsik) a metà della ripresa e la seconda marcatura di Higuain chiudono il poker, inutile la rete di Brienza giunta a giochi già fatti. Se Benitez cercava di conferme dopo la vittoria della Supercoppa, la trasferta di Cesena, sia pure contro una squadra non irresistibile, ha fatto vedere un Napoli in salute, che non perde il passo della Lazio al terzo posto. Le note di Pino Daniele (ricordato anche con un minuto di silenzio prima del fischio d’inizio) hanno accompagnato l’ingresso in campo delle squadre, con gli oltre duemila napoletani presenti allo stadio romagnolo che hanno dedicato al cantautore scomparso cori e striscioni. Benitez disegna il consueto 4-2-3-1 con il trio Callejon, Amsik e Mertens alle spalle di Higuain Il Napoli parte forte, con pressing alto e tagli in profondità di Hamsik e Callejon che mettono in apprensione la retroguardia bianconera, ma è il Cesena ad andare per primo vicino al gol con un colpo di testa di Brienza parato a terra con difficoltà da Rafael. Con il passare dei minuti i romagnoli prendono possesso del centrocampo e alzano il baricentro costringendo il Napoli nella propria metà campo. Al 27′ Almeida sfrutta malissimo un invito di Valzania spedendo tra le braccia di Rafael da buona posizione. Sul capovolgimento di fronte il Napoli passa: Higuain entra in area, Lucchini e Capelli lo contrastano la palla si impenna e giunge a Callejon che al volo trafigge Leali. Il Cesena si scioglie , la squadra di Benitez si fa padrona del campo e a cinque minuti dal riposo arriva anche il raddoppio con la combinazione Hamsik-Higuain con l’argentino che deposita in rete dopo aver messo a sedere Leali. Nella ripresa Di Carlo butta nella mischia Rodriguez, una punta, al posto di Lucchini, un difensore. L’avvio dei bianconeri è buono con Valzania e Brienza che in un minuto sfiorano la marcatura. Ma la fiammata dura poco. Il Napoli controlla bene il ritorno del Cesena e al 20′ mette al sicuro il risultato: Higuain restituisce il favore a Hamsik mettendolo solo davanti a Leali, il suo tiro, destinato fuori, è deviato in porta da Capelli. C’è ancora spazio per la seconda magia di Higuain ed anche per la rete della bandiera del Cesena con Brienza che al volo infila Rafael da fuori area. La storia della gara però è ormai scritta. Il Napoli apre così il 2015 nel migliore dei modi, mentre per il Cesena la corsa per non retrocedere si fa sempre più in salita.

Ultima ora

13:42M5S: Casaleggio, su orari negozi visione Calenda inadeguata

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il ministro Calenda ha criticato l'appello di Luigi Di Maio ad approvare la legge sulle chiusure festive (votata anche da partiti presenti nel suo stesso governo) dicendo che così si fa un regalo ad Amazon. È una visione molto semplicistica e inadeguata a comprendere il fenomeno. Non si può essere esperti di tutto". Lo afferma, in un post su facebook, Davide Casaleggio replicando alle dichiarazioni di ieri a Porta a Porta sulla proposta M5S di non tenere sempre aperti i negozi nelle festività. "E' proprio durante il suo mandato che il retail italiano ha continuato a perdere. Gli unici ad aver guadagnato sono le societa della grande distribuzione estera, in particolare francese e tedesca. Le regole che difende Calenda privilegiano solo la grande distribuzione, in particolare estera, che può permettersi i turni", attacca Casaleggio.

13:40Elezioni: Salvini, ok se 4 marzo ma anche election day

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Votare il 4 marzo? Ci va benissimo: prima si vota, meglio è". Il segretario della Lega, Matteo Salvini, ha commentato così l'ipotesi di convocazione delle elezioni politiche il 4 marzo. Contattato in proposito, Salvini ha aggiunto di essere pero' anche "favorevole all'election day: bisogna votare lo stesso giorno anche per le Regionali, non farlo sarebbe uno spreco di denaro, una follia".

13:37Assenteismo, indagato comandante vigili urbani Arzachena

(ANSA) - ARZACHENA, 13 DIC - Dovrà rispondere di truffa aggravata e continuata ai danni del Comune di Arzachena, in Gallura, e di una lunga serie di reati tra cui l'abuso di atti d'ufficio, peculato e omessa denuncia. Questa mattina gli uomini della Guardia di Finanza di Olbia, guidati dal comandante Marco Salvagno, hanno notificato l'obbligo di firma al comandante della polizia locale di Arzachena Andrea Becciu, in carica dal 2015. Secondo le indagini,coordinate dal procuratore della Repubblica di Tempio Pausania, Gianluigi Dettori, era solito assentarsi numerose ore al giorno dall'ufficio per motivi privati di varia natura, in molte occasioni anche fuori Arzachena, timbrando il cartellino in orari in cui non vi era la presenza dei suoi collaboratori, così che nessuno potesse rilevare eventuali irregolarità. Ma da diverso tempo gli spostamenti del comandante erano tenuti sotto controllo dai militari delle fiamme gialle anche attraverso telecamere e dispositivi Gps nascosti nelle automobili in uso al funzionario. In alcune occasioni, prevalentemente nei giorni festivi, Becciu, dopo aver timbrato il cartellino lasciava il Comando per raggiungere le spiagge della Costa Smeralda. (ANSA).

13:36Modella rapita: Corte, la vittima non sarà ascoltata in aula

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Non verrà sentita la modella inglese Chloe Ayling nel processo a carico di Lucasz Herba, il 30enne polacco di Birmingham che l'avrebbe sequestrata e poi liberata, per metterla all'asta e accreditarsi così sul 'deep web' come persona in grado di offrire servizi illegali. Per il rilascio i due avevano anche chiesto un riscatto, senza ottenerlo. La Corte d'Assise di Milano ha bocciato la richiesta avanzata dalla difesa dell'imputato, l'avvocato Katia Kolakowska, che ha chiesto di ascoltare in dibattimento la giovane, già sentita in incidente probatorio. Istanza a cui si è opposto anche il legale della parte civile, Francesco Pesce, che ha sostenuto che la ventenne "non vuole tornare in Italia e vedere ancora il viso del suo sequestratore". Da quanto riferito, la giovane risiede in Gran Bretagna, ma è tornata in Italia per un'intervista con la televisione australiana. I giudici d'Assise hanno aggiornato l'udienza al 7 febbraio per l'esame dei primi testi del pm e hanno ammesso l'interrogatorio dell'imputato.

13:34Maltempo: tamponamento su A12 dopo grandinata, 20 feriti

(ANSA) - LA SPEZIA, 13 DIC - Un tamponamento a catena, causato probabilmente dal manto stradale reso viscido da un'improvvisa grandinata, ha coinvolto stamani una decina di auto sull' autostrada A12 tra Deiva Marina e Carrodano provocando una ventina di feriti lievi. L'autostrada è rimasta chiusa per circa due ore. Una parte dei feriti sono stati trasportati in codice giallo o verde dalle ambulanze nei pronto soccorso degli ospedali della Spezia, Sarzana e Lavagna, mentre altre dieci persone sono state assistite sul posto. Sul luogo dell' incidente, oltre ai vigili del fuoco di Brugnato e di Chiavari, anche la Polizia stradale della Spezia. Prima della riapertura del tratto si sono formate code di circa cinque chilometri.

13:29Tennis: Ift Dubai, Errani ai quarti

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Sara Errani si è qualificata per i quarti di finale del torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: al secondo turno la romagnola, numero 143 del ranking mondiale, ha sconfitto per 6-4 7-6 (7-4) la bielorussa Vera Lapko, numero 134 Wta e ottava testa di serie del torneo.

13:22Carceri: detenuto di 20 anni suicida a San Vittore

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Un detenuto marocchino di 20 anni, condannato per rapina e con fine pena 2020, si è impiccato nel bagno della sua cella nel carcere San Vittore di Milano. Ne dà notizia il segretario regionale lombardo del Sindacato autonomo polizia penitenziaria (Sappe), Alfonso Greco: "L'uomo era detenuto nel V Reparto detentivo del carcere di San Vittore e si è impiccato nel bagno della cella - spiega Greco -. Nonostante il tempestivo intervento dell'Agente di Polizia Penitenziaria, non è stato purtroppo possibile salvargli la vita. Un gesto grave, che lascia in noi amarezza e sgomento". Donato Capece, segretario generale Sappe, denuncia: "Tre detenuti che si tolgono la vita in carcere in meno di una settimana sono un fallimento per lo Stato. Vittime innocenti di un disagio individuale a cui non si riesce a fare fronte nonostante gli sforzi e l'impegno degli operatori". Capece ricorda che "sabato si era tolto la vita un detenuto a Regina Coeli a Roma, domenica un altro di Terni".

Archivio Ultima ora