Charlie Hebdo: massima allerta anche in Italia

Pubblicato il 07 gennaio 2015 da redazione

Premier Renzi meets French Ambassador in Italy, Catherine Colonna

ROMA. – Nessun segnale specifico di attentati imminenti nel nostro Paese, ma vigilanza massima su tutti gli obiettivi sensibili e monitoraggio costante degli ambienti più radicali legati all’estremismo islamico: dopo l’attentato a Charlie Hebdo anche l’Italia innalza le misure di sicurezza. “Non siamo la Francia, la situazione nel nostro Paese è più tranquilla, ma è evidente che non possiamo sentirci fuori pericolo”, sottolineano gli esperti di intelligence e antiterrorismo che per tutto il giorno hanno seguito le notizie provenienti da Parigi, rimanendo in contatto con i servizi dei paesi alleati con cui c’è un continuo scambio informativo. Il ministro dell’Interno Angelino Alfano, dopo aver riunito il Comitato di analisi strategica antiterrorismo, ha ribadito chiaramente: “l’allerta è elevatissimo, facciamo parte di un’area del mondo che è un bersaglio. Non possiamo sottovalutare alcun elemento”. Anche perché gli attentatori di Parigi, sottolinea il ministro, “sono delle bestie”, che però “hanno agito con modalità professionale da commando”. Ecco perché lo stesso premier Matteo Renzi ha sottolineato la necessità di “riprendere un’iniziativa esplicita come paese e come Ue”. Allerta massima, dunque, con il Dipartimento della Pubblica Sicurezza che ha inviato a prefetti e questori una circolare in cui si chiede di rafforzare le misure di vigilanza a tutte le sedi istituzionali, con particolare riferimento a quelle di Stati Uniti, Francia e Israele. Attenzione anche ad aeroporti, porti e stazioni, luoghi di culto – a cominciare dal Vaticano – e di ritrovo, e sulle sedi degli organi di informazione, che potrebbero essere prese di mira da emuli degli attentatori di Parigi. Massima allerta anche al confine con la Francia, dove potrebbero passare possibili cellule pronte a colpire. Alle autorità di pubblica sicurezza sul territorio si chiede anche e soprattutto di innalzare tutte le antenne a livello informativo e investigativo, per intercettare ogni possibile minaccia o progetto di attentato. Un controllo costante degli ambienti più vicini all’estremismo islamico, che comprende anche il monitoraggio scrupoloso di tutti i siti e i forum su Internet frequentati dagli ambienti più radicali. Gli uomini dell’antiterrorismo e dell’intelligence, infatti, hanno un quadro piuttosto dettagliato di cosa si muove sul nostro territorio e continuano a ribadire che il rischio più grande può arrivare dai lupi solitari, come fu ad esempio nel 2009 quando il libico Mohammed Game tentò l’assalto alla caserma Santa Barbara di Milano. Ma sono anche ben consapevoli che un attacco realizzato da uno di questi estremisti che si abbeverano della propaganda sul web e su internet apprendono le tecniche per costruire ordigni artigianali, “resta imprevedibile”. L’altro fronte dal quale i nostri apparati di sicurezza temono possano arrivare i rischi più alti è quello dei foreign fighters, i combattenti che rientrano dai fronti di guerra della Siria, dell’Iraq e dell’Afghanistan. A nessuno infatti è sfuggito che chi ha agito a Parigi aveva una formazione militare tutt’altro che marginale. Al momento, ribadiscono gli esperti, nessuno di quelli partiti dall’Italia – una cinquantina, solo in parte residenti nel nostro paese – vi ha fatto rientro e i loro movimenti sono costantemente monitorati. Con gli 007 alleati, inoltre, c’è un costante scambio informativo anche su questo fronte, per evitare che i combattenti possano passare da un paese all’altro dell’Ue indisturbati. Ma e’ chiaro che la presenza nel cuore dell’Europa di uomini perfettamente addestrati e capaci di muoversi senza lasciare traccia, fa sì che nessuno possa escludere con certezza che non entrino in azione nel nostro paese, anche tenendo conto delle diverse segnalazioni che sono state esaminate negli ultimi mesi. E proprio per affrontare la questione dei combattenti che rientrano in Europa, il ministro dell’Interno Angelino Alfano porterà al prossimo Consiglio dei ministri un provvedimento con cui si punta ad un inasprimento delle norme contro il terrorismo internazionale. In sostanza l’obiettivo è punire non solo chi recluta combattenti – già previsto dalla legge – ma anche il singolo soggetto che va a combattere nei teatri di guerra. E ad estendere le misure di prevenzione, le stesse adottate per i mafiosi, nei confronti di chi mostra posizioni particolarmente radicali.

Ultima ora

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

Archivio Ultima ora