Charlie Hebdo: Alfano, 4 italiani fra i foreign fighters

Pubblicato il 09 gennaio 2015 da redazione

IRAQ-UNREST-KURDS

ROMA. – Sono quattro i foreign fighters di passaporto italiano: uno di loro è il genovese Giuliano Delnevo, morto in Siria nel 2013. Dopo la strage di Parigi, controlli stretti non solo sui siti istituzionali, ambasciate e consolati dei Paesi più esposti, luoghi di culto e Vaticano, ma anche su sedi di giornali, tv e personalità pubbliche che potrebbero entrare nel mirino. Pronto il pacchetto di misure per contrastare la minaccia jihadista e si torna a parlare di Procura nazionale antiterrorismo. La strategia è stata illustrata oggi alla Camera – presenti in Aula solo un centinaio di deputati – dal ministro dell’Interno, Angelino Alfano. La Lega Nord ancora all’attacco del Governo, accusato di essere “collaborazionista dei terroristi”. Nella sua informativa Alfano ha riferito che il trentaduenne franco-algerino Cherif Kouachi, uno dei due fratelli ricercati per la strage di Parigi, “era noto anche alle forze di polizia italiane, in quanto implicato nelle filiere di estremisti islamici diretti in Iraq. Ma l’uomo non è stato mai stato in Italia”. L’attacco a Charle Hebdo, prosegue il ministro, “conferma l’estrema pericolosità del fenomeno dei ‘foreign fighters’, che tocca anche l’Italia, sebbene in misura minore rispetto ad altri Paesi occidentali. Sui circa 3mila combattenti stranieri censiti in Europa, risultano 53 le persone finora coinvolte nei trasferimenti verso i luoghi di conflitto, che hanno avuto a che fare con l’Italia; quattro hanno nazionalità italiana. Tra di loro Delnevo e un giovane marocchino naturalizzato, attualmente in un altro Paese europeo. La quasi totalità di queste persone è ancora attiva nei territori di guerra, mentre il resto è morta in combattimento o detenuta. Per gli altri residui casi, i nostri sforzi sono rivolti ad intercettarne e a monitorarne eventuali tentativi di rientro”. “Non abbiamo in questo preciso momento – ha ribadito il titolare del Viminale – segnali che indichino l’Italia o gli interessi italiani come esposti a specifiche ed attuali forme di rischio”, ma è stato disposto “l’immediato rafforzamento dei dispositivi di protezione e vigilanza”. Monitorate moschee e luoghi di culto islamici: sono state censite 514 associazioni e 396 luoghi di culto, tra cui le quattro moschee di Roma, Milano, Colle Val d’Elsa e Ravenna. Ma, ha sottolineato, “in molti casi il culto viene praticato in locali di fortuna e ciò può favorire zone di ombra nelle quali sono più difficili gli accertamenti”. Non vengono poi trascurati i flussi di immigrazione, “possibile veicolo di infiltrazione dei movimenti terroristici”. Infine, il ministro ha comunicato le nuove misure per contrastare “il terrorista home made, che si autoradicalizza e si autoaddestra anche ricorrendo al web, si procura le armi e le istruzioni per il loro uso, progetta attacchi da solo, e comunque senza apparenti appartenenze a reti strutturate”. Previsto il ritiro del passaporto, sorveglianza speciale sui sospetti, stretta sulla vendita di precursori di esplosivi e una black list dei siti web filo-jihad con la possibilità di oscurarli. Alfano ha auspicato che il Parlamento possa contribuire a migliorare il provvedimento, “recuperando uno spirito di coesione che in queste ore, a tratti, mi sembra essere appannato da alcune polemiche”. Il riferimento è, in particolare, agli attacchi di Matteo Salvini e della Lega, che neanche oggi sono mancati. “Questo Governo – ha urlato Paolo Grimoldi in Aula rivolto al ministro – è collaborazionista con i terroristi. Quello che fate perora la loro causa. Dite che bisogna ritirare i passaporti? Ma se i terroristi andate a prenderli con le navi da guerra sul bagnasciuga dei Paesi musulmani che manco hanno addosso i documenti?”. Anche Angelo Tofalo (M5S) ha attaccato “per i tagli della sicurezza”. Analoga la posizione di Elio Vito (Fi). “Basta – ha scandito – tagli alle forze dell’ordine e ai militari. L’Italia e l’Europa difendano le proprie radici”. Fabrizio Cicchitto (Ncd) e Stefano Dambruoso (Sc) hanno rilanciato la vecchia idea di creare una Procura nazionale antiterrorismo. Alfano ha raccolto il suggerimento, ne ha parlato con il ministro della Giustizia Andrea Orlando e nei prossimi giorni ci sarà un confronto con i capi delle principali procure italiane per definire la soluzione migliore.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora