Perché questo 11 gennaio vale più dell’11 settembre 2001

Pubblicato il 11 gennaio 2015 da redazione

Mass rally for attack victims in Paris
PARIGI. – Non succede tutti i giorni di veder passare la Storia. Ma quando succede, è un’emozione che tocca l’anima più profonda della nostra identità di “citoyen”, cittadini. Ed è in questa parola che a qualcuno sembra passare tutta la differenza culturale tra mondo musulmano e mondo cristiano. L’11 gennaio 2015 la Storia è ripassata per Parigi e per un giorno sono tornate a pulsare – visibili, condivise, universali – le ragioni profonde che dalla Rivoluzione Francese in poi sono a fondamento della società moderna: liberté, egalitè, fraternité. Sono quelle che hanno dato origine, e fondamento, alla parola “citoyen”. Se oggi in occidente siamo quel che siamo, lo dobbiamo a quelle tre parole, da cui sono derivate gli Stati e le Nazioni nella forma che oggi conosciamo. A Parigi l’11 gennaio 2015 non sono sfilati uno accanto all’altro Francois Hollande, Angela Merkel, Matteo Renzi, Abu Mazen, Benyamin Nethanyahu. E neppure la Francia, la Germania, l’Italia, la Palestina, Israele. Sono sfilati i principi fondanti del convivere civile oggi. Le stanche e frastornate opinioni pubbliche occidentali sono di colpo tornate a cogliere la ragione profonda della loro stessa identità. E’ per questo motivo che l’11 gennaio 2015 è una data che forse vale di più dell’11 settembre 2001. Perché se a New York c’è stato l’attacco, la vera risposta è stata Parigi. Nei 14 anni precedenti non vi era stato altro che una bellicosa chiamata alle armi in nome di libertà e democrazia, e giù bombe da Usa, Nato, Francia, GB. C’è voluto l’attacco a un giornale per provocare le vera reazione. Non un bombardamento, ma una manifestazione: un milione di persone che – in rappresentanza di un sentimento condiviso – sono partite a piedi da un luogo-simbolo, Place de la Republique, per raggiungere a piedi un altro luogo simbolo, Place de la Nation. Armati di una matita, nient’altro. Quella matita è il vero confine – oggi – del mondo occidentale, e segna il vero spartiacque con la cultura che permea il cosiddetto mondo islamico. In quella matita non ci sono solo i valori della libertà, della tolleranza, del rispetto dell’altro. C’è un sentimento condiviso dai cittadini, un modo d’essere, un tratto fondante di un’identità profonda. Quella matita ha in termini culturali lo stesso significato che ebbe in termini militari la battaglia di Lepanto cinque secoli fa. A Lepanto nel 1571 la flotta della Lega Santa papale sconfisse la flotta ottomana. Se quella battaglia fosse finita diversamente, l’intero corso della storia sarebbe stato diverso. Forse Roma (e Parigi, Berlino, Londra, New York) sarebbero oggi musulmane. Invece a Lepanto si segnò, in termini militari, un confine. L’Occidente ha continuato a svilupparsi in funzione delle radici giudaico-cristiano della sua cultura. Che non lo hanno preservato da orrori e atrocità, anzi. Ma che, nel loro divenire, lo hanno portato nel corso dei secoli a riconoscere libertà e democrazia come principi fondanti dello “stare insieme”. Al centro del loro significato c’è l’uomo, la persona, il cittadino. Con i suoi limiti e le sue contraddizioni, ma l’idea di fondo resta, ed è in funzione di questa che il mondo occidentale è andato avanti. Mentre – al di là del politcally correct di maniera – il mondo islamico integralista in troppe sue realtà è rimasto fermo. Non è forse ‘medievale’ l’idea che l’Islam radicale ha della donna? Non è forse un retaggio di un passato buio permettere la lapidazione sulla pubblica piazza? Questo è il significato dell’11 gennaio 2015. Le generazioni a venire leggeranno forse sui libri di storia che quel giorno il mondo occidentale, per molti versi in piena decadenza, rispose a Parigi all’attacco alle Torri Gemelle di New York con una matita. E vinse. (di Luciano Clerico/ANSA)

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora