Cresce l’Inter di Mancini, tris al Genoa

Pubblicato il 11 gennaio 2015 da redazione

Soccer: Serie A; Inter-Genoa

MILANO. – L’alchimia di Roberto Mancini dà i primi risultati: l’Inter batte il Genoa 3-1 con la miglior prestazione in stagione. Ancora una volta l’allenatore deve rimescolare giocatori e modulo, rimediare alle squalifiche, trovare la chiave tattica per avere ragione di una squadra forte come il Genoa di Gasperini, ex al veleno che ancora si pente della sua deprimente esperienza all’Inter. Mancini cambia l’assetto ma anche la mentalità: i giocatori sono motivati, agguerriti, galvanizzati. Hanno fiducia e vogliono vincere, insomma dimostrano uno spirito da Inter. I nerazzurri vanno a 25 punti, a 5 di distanza dal terzo posto, traguardo che sembra oggi possibile. Il mercato soddisfa il tecnico il quale però esalta i suoi soprattutto per il gran primo tempo, meno per il secondo anche se Vidic allontana le paure dopo il gol del Genoa che rischiava di riaprire la partita. Senza Juan Jesus, Kovacic e Ranocchia, Mancini ridisegna i reparti: in difesa torna Vidic con Andreolli, Campagnaro e D’Ambrosio. A centrocampo Medel e Guarin. Dietro Icardi, Palacio, Hernanes e Podolski al suo debutto a San Siro. Non è pronto Shaqiri mentre Osvaldo resta in tribuna e le telecamere lo roprendono mentre sbadiglia distratto. Per lui un futuro altrove. Il Genoa risponde con un 3-4-3 e fa vedere un buon gioco soprattutto nel secondo tempo: i suoi uomini migliori Iago Falque’, Antonelli e Bertolacci. Il gol che da’ l’illusione ai rossoblu’ di poter riaprire la sfida al Meazza lo firma Izzo. Moratti si gode la partita in tribuna all’insolito orario delle 12.30: l’Inter parte forte, con ritmi alti e ottime trame di gioco. Subito si fa vedere Icardi sul quale al 2′ para Perin, poi e’ la volta di Antonelli farsi pericoloso. Dopo solo dodici minuti, l’atteggiamento battagliero e vivace dell’Inter viene premiato con il gol di Palacio che si avventa sulla respinta corta di Perin sul primo tentativo di Icardi. Podolski e’ bene integrato nella manovra, si produce in ottimi affondi ma si spegnera’ nel secondo tempo. L’Inter gioca bene, riparte con Icardi e Palacio. Il Genoa fa possesso palla ma produce poco. Poco dopo la mezz’ora, Palacio pericolo due volte in una prolungata azione offensiva della sua squadra. Guarin è concentrato e collaborativo, cerca di mandare a rete i compagni e, nel complesso, migliora con la cura Mancini. La squadra gira, è affiatata, ascolta l’allenatore. Non si accontenta e cerca il raddoppio che puntuale arriva al 39′: calcio d’angolo di Hernanes per la testa di Icardi. Protesta il Genoa per un presunto fallo dell’argentino che si sarebbe appoggiato a Burdisso al momento dello stacco. Per Icardi decimo gol, il primo di testa. La squadra di Mancini cala nel secondo tempo anche perchè il Genoa si riserva coraggiosamente in attacco: subito e’ pericolosa con Antonelli, poi con Jago Falque’ che tenta il destro a giro. I nerazzurri provano il contropiede sempre con Icardi e Palacio ma la conclusione di Hernanes e’ fuori misura. Bertolacci cerca il gol al termine di un’azione concitata, poi al 17′ gran colpo di Lestienne che si infrange sulla traversa. Al 19′ Genoa ancora pericoloso con Bertolacci. Il pubblico di San Siro incita i suoi e applaude Shaqiri che inizia il riscaldamento anche se Mancini decidera’ di non farlo entrare. Il tecnico a bordocampo dispensa indicazioni e consigli e non si accorge della gran botta sferrata da Andreolli. Un bolide che lo centra in pieno tanto da farlo cadere. Sorretto e aiutato dallo staff tecnico, si rialza, si riprende e sorride. Nessuna conseguenza per il piccolo incidente. La aprtita va avanti con qualche apprensione per l’Inter e Vidic che salva su Lestienne. Bella punizione di Podolski deviata in corner. Obi rileva un hernanes non del tutto convincente e subito prova il destro sul quale Perin e’ attento a intervenire. Il Genoa spinge e trova il gol al 40′ con Izzo che ribadisce in rete il tiro di Costa sul quale Handanovic aveva mostrato una colpevole incertezza. Momenti tesi in campo con l’Inter preoccupata. Mancini chiede ai suoi coraggio per chiudere la partita da grande squadra: ci pensa Vidic a mettere a segno il gol del 3-1. Mancini non e’ del tutto soddisfatto, l’Inter non e’ ancora quella che lui viole ma oggi arriva la conferma che la strada intrapresa e’ quella giusta. (di Daniela Simonetti/ANSA)

Ultima ora

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

21:57Salvini, Cav non è candidabile e non può fare il premier

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Se la Lega prende un voto in più rispetto agli altri alleati è chiaro che sono io il premier, Berlusconi non è candidabile quindi non può essere premier. Una cosa che voglio dire è che chi vota Lega non vota governi di inciuci e questo Berlusconi lo deve aver chiaro...". Lo afferma il leader della Lega Matteo Salvini a "Zapping" su Radio1 Rai.

21:53Germania: nuovo aeroporto ‘Ber’ aprirà ad ottobre 2020

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - Il nuovo aeroporto della capitale tedesca 'BER', dopo ripetuti ritardi, dovrebbe entrare in funzione ad ottobre 2020. Lo ha comunicato il numero uno del consiglio di sorveglianza, Rainer Bretschneider, oggi a Berlino. I lavori sono cominciati nel 2006 e l'aeroporto avrebbe dovuto entrare in attività nel 2011. Ma i ritardi si sono accumulati e i costi sono lievitati da 2 a 6,5 mld, fino all'ultimo piano finanziario previsto per la primavera del 2018.

21:41Calcio: Fassone,no a strategie per ridurre valore Donnarumma

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - "Nessuno pensi di adottare strategie per far sì che Donnarumma possa essere ceduto a valori di mercato inferiori rispetto al suo reale valore. A gennaio non abbiamo intenzione di fare nuovi acquisti e non abbiamo necessità di cassa". Così l'ad del Milan Marco Fassone, in un video sul sito del club, commenta le voci sul futuro del portiere, dopo il botta e risposta tra il ds Mirabelli e Mino Raiola. "Donnarumma è un patrimonio umano, tecnico ed economico del club. Siamo qui per tutelarlo e non c'è nessuna volontà di cederlo - aggiunge il dirigente - Mi ha fatto piacere la sua dichiarazione distensiva, ha confermato che non c'è stata nessuna forzatura. Oggi l'ho visto più sereno. Se sarà lui a dirci che vorrà andar via, saremo aperti a valutare le offerte".

21:07Terremoti: sisma 6.5 su costa Java, in Indonesia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Un sisma di magnitudo 6.5 è stato registrato sulla costa di Java, in Indonesia e si sontano un numero imprecisato di vittime. Lo riferisce l'Usgs americano. Le autorità indonesiane hanno emesso un'allerta tsunami. L'epicentro del sisma è stato localizzato a 92 chilometri di profondità, 50 km a sudovest della città di Tasikmalaya. Il portavoce dell'agenzia locale per il contenimento dei disastri, Sutopo Purwo Nugroho, ha riferito di alcuni edifici danneggiati nell'area ovest dell'isola. Nugroho ha aggiunto che il sisma è stato sentito per 20 secondi nella capitale Giacarta ed in altre città e villaggi di Giava.

20:59Milan:Fassone, richieste Uefa impossibili per chiunque

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - ''La Uefa ci ha chiesto due cose impossibili, non solo per noi ma per qualunque club che si trova nelle condizioni del Milan''. Così l'ad Marco Fassone spiega, con un video sul sito del club, perché l'Uefa ha negato al Milan la richiesta di Voluntary Agreement. ''L'Uefa - aggiunge Fassone - ci ha chiesto di completare prima il rifinanziamento del debito con Elliott e di fornire garanzie per dimostrare la capacità della proprietà di sostenere le perdite del club con un deposito. La nostra documentazione era sufficiente''.

20:44Nuoto: Europei, bronzo di Dotto nei 50 stile libero

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Bronzo di Luca Dotto nei 50 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta di Copenhagen, con il tempo di 20"78. L'oro è andato al russo Vladimir Morozov (20"31), l'argento al britannico Benjamin Proud (20"66). Ottavo ed ultimo tempo della finale per Marco Orsi.

Archivio Ultima ora