La blogger tunisina Amina, la libertà non ha limiti

Pubblicato il 12 gennaio 2015 da redazione

" Il mio corpo mi appartiene " Sboui Amina

ROMA. – “La libertà non ha limiti. Quel che fanno a Charlie Hebdo non lo fa nessun altro giornale in Francia, sono i soli che osano. Personalmente rispetto molto il lavoro e lo trovo fonte d’ispirazione”. A parlare, in un’intervista all’Ansa, è Amina, la blogger tunisina che postando su Facebook una sua emblematica immagine a seno nudo nel 2013 è diventata il simbolo di una generazione che, dopo aver partecipato alla Primavera araba, cerca di percorrere fino in fondo la strada della libertà. Ma a chi le chiede se è andata alla grande manifestazione, risponde: “Non posso camminare dietro Netanyahu, la Merkel, il re di Giordania…”. Amina Sboui, nota anche come Amina Tyler, ha appena 19 anni, si è allontanata dal movimento delle Femen che aveva abbracciato in un primo momento, ha vissuto eventi tragici, è stata in prigione da dove ha continuato la sua battaglia di giustizia e ora vive a Parigi cercando di condurre un’esistenza normale dopo il ciclone che l’ha travolta. Tutto questo lo racconta nell’intensa autobiografia, ‘Il mio copro mi appartiene’, che esce in questi giorni in Italia per Giunti, e che ripercorre le tappe di quello che è stato un caso internazionale ma è anche la storia intima e drammatica di una ragazza ribelle che è rimasta delusa dalla politica del suo paese, dalla sua famiglia, dai suoi affetti più cari. E che non vuole tacere. Come giudichi quello che è successo in questi giorni a Parigi? Uno dei killer dice di aver agito in difesa dei musulmani e della Palestina, anche tu un tempo volevi manifestare per la Palestina, che cosa pensi in proposito? “E’ scioccante e doloroso – spiega Amina all’Ansa -, l’avrà pur fatto per difendere i musulmani, ma anch’io domani potrei commettere un gesto orribile e dire che lo faccio per difendere una qualunque comunità! A sentire lui ha vendicato il profeta, in realtà non ha fatto che complicare la vita dei musulmani in Europa”. Dopo quello che è successo, e con l’allerta ancora alto, ti senti meno sicura a Parigi? “No. Vivo come prima e invito tutti a farlo, perché lo scopo di ogni atto terroristico è impaurire le persone: non dobbiamo aiutare questi pazzi a raggiungere il loro obiettivo”. Che cosa pensi dovrebbe fare l’Europa per evitare questi episodi ed aiutare il dialogo? “Bisognerebbe sorvegliare le moschee e anche le persone che sono state incarcerate: le prigioni in Europa stanno diventando campi di addestramento, molti dei comportamenti cui stiamo assistendo oggi sono maturati in carcere”, sostiene ancora Amina. La battaglia che hai portato avanti è una battaglia di libertà molto coraggiosa, pensi che anche la satira sia un’espressione di libertà oppure a tuo avviso esistono dei limiti che vanno rispettati? “Penso che non debbano esserci limiti. Non puoi dire a qualcuno ‘sei libero di fare ciò che vuoi, ma questo no’: la libertà non ha limiti. Quel che fanno a Charlie Hebdo non lo fa nessun altro giornale in Francia, sono i soli che osano. Personalmente rispetto molto il lavoro e lo trovo fonte d’ispirazione”. Perché hai deciso di mettere letteralmente a nudo, dopo il tuo corpo, anche la tua vita in questa autobiografia in cui racconti episodi molto intimi e drammatici, come quelli delle violenze che hai subito da bambina? “Perché spesso le persone hanno paura ad affrontare l’argomento, non ne hanno il coraggio; l’ho fatto per spingerle a parlare, per non farle sentire sole”. Nella tua autobiografia descrivi in modo molto duro tua madre, mentre sei più clemente con tuo padre, quali pensi che siano le responsabilità delle donne nel mondo arabo e che cosa consigli alle ragazze che sono rimaste nel tuo paese? “Le donne sono più rigide perché hanno vissuto il sessismo, il patriarcato e l’ingiustizia; questo le spinge a essere più prudenti, a desiderare che le loro figlie facciano senza discussioni quel che la società impone. Anche mia madre è fatta così. A tutte loro io consiglio di parlare, di non abbassare la testa, di essere forti”. Che cosa fai ora? Cosa pensi di fare nella vita? “Per il momento sono al liceo; in futuro vorrei scrivere un secondo libro, fondare un movimento, avviare in Tunisia un progetto per le donne che escono di prigione”. (Elisabetta Stefanelli/Ansa)

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora