Un anno di cervelli in fuga: “Così ho cambiato vita e ritrovato la speranza”

Pubblicato il 14 gennaio 2015 da redazione

cervelli-640

ROMA. – “L’Italia non è un Paese per ricercatori. E neanche per giovani che, in cerca di un lavoro che non trovano, contratti precari o curriculum inviati senza ricevere risposta, decidono di partire e cercare speranza all’estero. Senza dimenticare i pensionati, gli oltre 470mila over 60 che hanno scelto di trasferirsi in Paesi dell’Unione europea, ma anche nel Caribe, in Asia e Maghreb. Storie raccontate da ilfattoquotidiano.it nella sezione Cervelli in fuga, che non raccoglie solo le esperienze di accademici e ricercatori, ma anche quelle di manager, fioristi, infermieri, cuochi, insegnanti e imprenditori alla ricerca di un futuro migliore all’estero”.

Nel 2014 il portale del Il Fatto Quotidiano ha iniziato a seguirli e a riportare le esperienze di decine di italiani all’estero da oltre 70 Paesi del mondo, raccontando la rotta dei migranti dell’area mediterranea con progetto Generation E e le storie professionali e di vita di chi ha deciso di andarsene. Ora, ad un anno dall’inizio di questa avventura, Eleonora Bianchini fa il punto della situazione, ricordandone alcuni dei protagonisti.

“Secondo l’Istat nel 2013 sono partiti in 82mila, di cui 13mila laureati. Il 20 per cento in più rispetto all’anno precedente. L’esodo più grande degli ultimi 10 anni.

La meta preferita è il Regno Unito, in particolare Londra. Che il suo sindaco, Boris Johnson, ha rinominato la “sesta città italian”. I connazionali, ha detto il console italiano della City, Massimiliano Mazzanti, “ufficialmente iscritti all’Aire sono in tutto 220mila, mentre le stime sono di oltre mezzo milione a livello Paese e di 250mila nella capitale”. Numeri significativi che si scontrano con le misure che il governo Cameron si è detto pronto ad adottare per frenare l’emigrazione in Uk, anche quella proveniente da Paesi Ue. Provvedimenti che prevedono anche l’assenza di welfare per i primi quattro anni e il rimpatrio di chi è disoccupato da oltre sei mesi.

A registrare però un importante incremento di ingressi è anche l’Australia, dove i numeri parlano di un boom superiore a quello degli anni Cinquanta.

In merito alle abitudini dei cervelli in fuga dall’Italia, su ilfattoquotidiano.it il blogger Matteo Cavezzali ha sostenuto che i nostri migranti tendono a trascorrere il tempo con altri italiani, a lamentarsi del freddo e del cibo, a eludere il senso civico del Paese d’arrivo e a fare lavori che in Patria mai e poi mai avrebbero accettato. Non la pensavano così, però, molti lettori – che hanno partecipato a un sondaggio – e Andrea D’Addio che vive a Berlino da sei anni e che descrive una routine dei connazionali diversa.

Anche nel 2015 continueremo a mappare le storie dei nostri expat, a ospitare le loro storie di speranza e ricerca di una vita che valorizzi capacità e competenze. Quello che troppo spesso in Italia non trovano.

LE STORIE PIÙ CLICCATE DEL 2014

Chirurgo in Uk, a 34 anni trapiantò polmoni su bebé. In Italia sarebbe precario – Simone Speggiorin cura i bambini con malformazioni cardiache, fa tre interventi alla settimana a cuore aperto e la BBC gli ha dedicato uno speciale radiofonico. “Il 28 agosto 2013 mi è arrivata una lettera a casa in cui mi invitano a partecipare al concorso indetto tre anni fa. Io gli ho telefonato e gli ho detto “No, grazie”. Questa è l’Italia”.

Ingegnere (e mamma) alla Nasa. “In Italia mandavo cv. Nessuno rispondeva” – Maria Paola, 31 anni, è la più giovane della missione Cygnss, che si occupa di cicloni tropicali. “Al colloquio, quando ho detto che avevo un bimbo piccolo e non potevo trasferirmi negli Usa, non hanno fatto una piega”. Quindi lavora da Southampton, in Inghilterra. Perché “l’importante è il risultato”.

“Lascio l’Australia, torno in Italia. Mi invento un lavoro e continuo a sognare” – Daniel Mazza è stato dieci mesi a Sydney. Poi è rientrato a Torino e ha fondato Mondo aeroporto, sito web di successo dedicato ai viaggi. “Non c’è cosa più motivante di rimettersi in gioco ogni giorno. Gli italiani? Sono pigri”.

Neurochirurgo a Miami. “Mi dissero: “A Roma non hai futuro”. Avevano ragione” – Italo Linfante, 52 anni, ha lasciato la Capitale 24 anni fa e adesso è un medico e ricercatore di successo in Florida. Negli Stati Uniti, spiega, vince il merito. “E qui, se hai una percentuale di mortalità al di sopra di un certo standard determinato, ti mandano a casa. Una cosa che in Italia non esiste”.

“In Costa Rica tra shiatsu, karate e il nostro bed & breakfast. È pura vida” – Cinzia era responsabile amministrativa in una multinazionale svizzera, Fiorenzo odontoiatra. Se ne sono andati dall’Italia più di 20 anni fa per approdare in uno Stato senza esercito, considerato tra i più felici del mondo. “Viviamo in ciabatte e maglietta, senza stress. E siamo in un Paese adatto a un buen ritiro low cost”.

“A Dubai ho un contratto di lavoro serio. In Italia ero troppo qualificato” – Emanuele, 35 anni, ha studiato a Londra poi si è trasferito negli Emirati arabi. “Qui lo stipendio è alto, a Milano stage e offerte sottopagate”. Ma la vita è difficile tra restrizioni su religione, sesso, libertà di espressione e la particolare severità verso gli immigrati.

“Cameriere in Norvegia per avviare la mia startup. Qui lavoratori trattati con dignità” – Andrea, laureato col massimo dei voti in Economia e stanco di percepire uno stipendio da poco più di mille euro “ogni 30 giorni lavorati”, è partito per Bergen e insieme a 3 australiani ha creato una piattaforma online per la gestione di progetti collettivi.

Farmacista diventa gelataio a Madeira. “Ora vivo a pieno la mia esistenza” – Mario Di Staso, 43 anni, ha deciso di trasferirsi nell’isola portoghese, a due passi dall’Africa, con tutta la famiglia. “Fare il piccolo imprenditore mi dà adrenalina. Qui c’è uno stile di vita più rilassato e salutare”.

Filosofa a Berlino. “Fuggire dall’Italia era l’unica possibilità. E tutto accade altrove” – Elvira Di Bona, 31 anni, si è laureata a L’Aquila nel 2009. Poi ha studiato a Parigi, Sydney e a New York ed è stata scelta per il post-doc alla Freie Universität. “Gli italiani che lavorano in ambito accademico qui sono stimati”.

“In Italia ero ingegnere. Oggi vendo vino in Slovenia e non timbro più il cartellino” – Eliano, 39 anni, viveva a Milano. Nel 2006 va in cassa integrazione, si innamora di una ragazza slovena e si trasferisce. “Ora ho voltato pagina e vendo prodotti made in Italy. Del mio Paese ho nostalgia, ma è sempre più statico”.

Nel corso del 2014 ilfattoquotidiano.it ha raccolto decine di storie di italiani in fuga, dall’architetto torinese emigrato in Cile fino all’imprenditore che in Cambogia ha rilevato un’azienda che produce carbonella ecologica a Phnom Penh. Storie di speranza, cambiamento e tentativi di migliorare professionalità e qualità di vita fissate anche sulla mappa dei cervelli provenienti da oltre 70 Paesi.

Dall’America all’Oceania, passando per le città europee, l’Asia e l’Africa. Storie condivise dagli oltre 18mila iscritti alla pagina Facebook, dove arrivano anche le segnalazioni di chi vuole raccontare la sua vita più o meno lontano dall’Italia.

Tante delle esperienze pubblicate sono arrivate da capitali, piccole città e periferie di tutto il mondo direttamente dai protagonisti anche alla casella di posta elettronica fattocervelli@gmail.com.

Migranti che sfuggono anche alle registrazioni alle anagrafi all’estero e di cui il lavoro di data journalism Generation E ha voluto ricostruire la rotta. Testimonianze degli under 40 in fuga dall’area mediterranea pubblicate in esclusiva per l’Italia da ilfattoquotidiano.it e sugli altri media partner El Confidencial (Spagna), P3 Público (Portogallo) e Radio Bubble (Grecia).

Tanti italiani sperano un giorno di fare ritorno a casa, ma quasi altrettanti proiettano ormai il loro futuro nel Paese d’adozione”.

Eleonora Bianchini

  • Lorenzo87

    Rispetto per le scelte altrui e per le tante persone,giovani e non che coraggiosamente cercano oppportunità di vita e di lavoro altrove data la situazione odierna in Italia. Peccato che però non si pubblichino notizie riguardanti gli italiani che dall’estero tornano in Italia,e non sonon di certo pochi…..Ci sono paesi del mondo in cui si sta molto peggio dell’Italia,e diversi in quelli elencato nell’articolo.Purtroppo non è solo la malapolitica ma anche la disinformazione che fa credere a tanti giovani come me che fuori dall’Italia ci sia il paradiso ma non è così.Io capisco che adesso la siutazione non sia per niente facile per il nostro paese ma io spero di rimanerci per sempre perchè ne sono profondamente innamorato nonostante tutto e ne sentirei una grande nostaglia…….IL MIO FUTURO E’ QUI E SOLO QUI,IN ITALIA,IL MIO PAESE.

Ultima ora

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

Archivio Ultima ora