Terrorismo: siti e moschee, la rete in Italia

Pubblicato il 19 gennaio 2015 da redazione

Islam:minareto in cristallo per nuova moschea Colle Valdelsa

ROMA. – Una decina tra moschee e associazioni islamiche quasi tutte nel nord Italia, dove si incontrano e vengono veicolate le idee più radicali, e centinaia di pagine online tra Facebook, blog, chat e forum jihadisti spesso collegati ai grandi network del terrore: è la ‘rete’ degli aspiranti combattenti presenti nel nostro paese, il quadro di riferimento di quelle centinaia di soggetti “radiografati” da intelligence e antiterrorismo di cui ha parlato anche il ministro Alfano. Nell’ultimo report del Viminale sono state censite 514 associazioni e 396 luoghi di culto islamici: nella stragrande maggioranza dei casi si tratta di realtà moderate, che nulla hanno a che vedere con l’estremismo di matrice jihadista. Ma vi sono anche situazioni dove sia il radicalismo sia l’attività di proselitismo e reclutamento, trovano terreno fertile. In questo elenco figurerebbe la Comunità islamica di via Quaranta a Milano e la moschea Omar al Faruk in via Giusti a Varese, l’associazione culturale islamica Alhuda che ha sede nella moschea di Centocelle a Roma e quella di piazza Larga al Mercato a Napoli. E ancora il centro culturale in via Domenico Pino a Como e la moschea di Sellia Marina, in provincia di Catanzaro, dove nel 2009 fu arrestato l’imam e suo figlio. Tutte realtà da cui potrebbero generarsi rischi per il nostro paese e per questo costantemente monitorate da chi deve fare prevenzione. Ma servizi e antiterrorismo tengono gli occhi puntati anche su altre piccole situazioni potenzialmente pericolose, presenti soprattutto in Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Liguria, Lazio e Toscana: non veri e propri centri culturali o moschee ma luoghi di ritrovo frequentati da convertiti e giovanissimi migranti di seconda generazione spesso radicalizzatisi attraverso il web. Così come non abbassano l’attenzione su quei luoghi che in passato sono stati al centro di indagini contro il terrorismo internazionale: è il caso ad esempio del centro culturale islamico di viale Jenner a Milano, che il Dipartimento del Tesoro americano definì alla fine degli anni novanta “la principale base di al Qaeda in Europa”. Gli analisti ritengono che, nonostante le indagini e gli arresti degli anni scorsi, questi luoghi abbiano mantenuto una certa radicalità, imparando però ad agire con maggiore discrezione. L’altro fronte su cui si combatte la battaglia silenziosa è quello di internet: centinaia di pagine online dove è possibile trovare ogni sorta di informazione, abbeverarsi della propaganda jihadista grazie a video e sermoni postati dagli strateghi della comunicazione dell’Isis e di Al Qaeda, scambiarsi opinioni, cercare contatti per raggiungere i teatri di guerra. Ci sono centinaia di internauti italiani che frequentano i più conosciuti forum jihadisti – Shumukh, Ansar al-Mujadidden, Arabic, al-Qimmah e Ansar al-Mujahideen English – nonché i profili più o meno ufficiali dello Stato Islamico e di Al Qaeda, il portale dei jihadisti ceceni Kavkazcenter o, ancora, i blog e le chat dove si discute apertamente di guerra santa. E centinaia sono quelli che dalle pagine di Facebook parlano, più o meno apertamente, di jihad e attacchi all’occidente, postano materiali e video jihadisti, discutono di Sharia e condizione delle donne. Sono i siti che frequentava anche Anas el Abboubi, il marocchino naturalizzato italiano che è uno dei 5 foreign fighters indicati da Alfano e che aveva fondato la filiale italiana di Sharia4, un movimento ultra radicale nato in Belgio e molto attivo in rete. Mohammed Jarmoune – il ventenne italiano di origine marocchine condannato a 5 anni e 4 mesi – aveva invece un blog suo (gharib.highbb.com) e gestiva il gruppo Facebook ‘Shreds’ (Brandelli), assieme ad una yemenita di base a Londra. E’ da tutte queste realtà che sarebbero scaturiti buona parte dei circa 170 alert – di cui un’ottantina riguardanti segnalazioni relative al nostro paese – analizzati dal Comitato di analisi strategica antiterrorismo l’anno scorso. Nel corso degli anni, sono state oscurate decine di pagine e siti – uno su tutti, mimbar.sos, creato in Svizzera e considerato uno dei più importanti siti dell’islam radicale creati in Europa – e migliaia vengono costantemente monitorati, anche con sofisticatissimi software per captare parole specifiche. Ma per gli uomini dell’antiterrorismo è come cercare un ago in un pagliaio.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora