Giallo in Argentina, morto il procuratore che accusava la presidente Kirchner

Pubblicato il 19 gennaio 2015 da redazione

argentina

BUENOS AIRES. – Alberto Nisman, il procuratore che aveva accusato la presidente Cristina Fernandez de Kirchner di aver tramato nell’ombra per insabbiare la “pista iraniana” nell’inchiesta sull’attentato antiebraico del 1994, è stato trovato morto nel suo appartamento di Buenos Aires. E’ mistero fitto sulle cause della morte, avvenuta poche ore prima di una attesa comparizione in Parlamento, in cui il procuratore doveva fornire dettagli sulle accuse formulate contro il governo. Il caso ha riaperto una ferita mai rimarginata per la strage che provocò 85 morti e 200 feriti ed il paese è sotto shock. Il corpo di Nisman è stato scoperto da sua madre e da uno degli agenti della sua scorta, accorsi nel palazzo dove viveva dopo che durante tutta la giornata di domenica non aveva risposto né al telefono né al campanello del suo appartamento. Secondo Viviana Fein, responsabile dell’inchiesta sul caso, il cadavere del pm è stato trovato nel bagno, con un foro di proiettile in testa. Una pistola calibro 22 e un bossolo vicino al corpo. La porta principale dell’appartamento non era stata forzata (ma esiste una seconda porta di servizio) e non erano visibili segni di furto o di colluttazione. “Non si può ancora stabilire se è stato o no un suicidio”, ha dichiarato Fein, che non ha escluso alcuna ipotesi. Mentre si attendono i risultati dell’autopsia e gli accertamenti sulle telecamere di sicurezza del palazzo in cui viveva e sui suoi telefoni, i media locali rimandono le immagini delle interviste che Nisman ha concesso negli ultimi giorni, dopo le sue clamorose accuse. Secondo il pm, Fernandez de Kirchner e il suo ministro degli Esteri, Hector Timerman, avevano ideato un “piano delittuoso” per escludere la responsabilità dell’Iran nell’attentato contro la mutualistica ebraica Amia e rilanciare i rapporti bilaterali in base a uno scambio di petrolio contro prodotti agricoli. Per farlo, avrebbero attivato una “diplomazia parallela” con Teheran iniziata ben due anni prima del memorandum di intesa fra i due paesi, firmato nel 2013, successivamente dichiarato incostituzionale dalla giustizia argentina. La risposta del governo è stata durissima: il capo del gabinetto presidenziale, Jorge Capitanich, ha denunciato un “atteggiamento chiaramente golpista” da parte di Nisman, definendo le sue accuse “assurde, illogiche, irrazionali e ridicole”, mentre Timerman ha tacciato il pm di essere “bugiardo” in due comunicati ufficiali del suo dicastero, contestando in dettaglio il contenuto delle sue imputazioni. Tanto Capitanich come Timerman hanno evitato ogni commento sulla morte di Nisman: il primo l’ha definita “un fatto doloroso” e il secondo si è limitato ad esprimere il suo rimpianto per “la morte di questo uomo”. In quanto alla “presidenta” Kirchner, non aveva ancora fatto nessuna dichiarazione pubblica sul caso: sulla sua pagina di Twitter, dove interviene con frequenza, campeggia ancora una notizia sull’incontro che ha mantenuto due giorni fa con l’economista francese Thomas Picketty. Ben diversa la reazione di Israele, che ha espresso “profondo dolore” per la morte di Nisman. “E’ stato un giurista prestigioso e coraggioso, che ha lottato senza sosta a favore della giustizia e che ha lavorato con grande determinazione per esporre l’identità di chi perpetrò l’attentato terroristico e dei suoi autori intellettuali”, si legge in un comunicato, diffuso dall’ambasciata israeliana a Buenos Aires. Israele auspica che “le autorità argentine proseguano nell’inchiesta condotta dal procuratore Nisman, e compiano tutti gli sforzi necessari per portare davanti alla giustizia i responsabili degli attacchi terroristici”. (Javier Fernandez/Ansa)

Ultima ora

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

09:34Ex calciatore ucciso: fermati un uomo e una donna

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - Due persone, un uomo e una donna, sono state sottoposte a fermo per l'omicidio e la soppressione del cadavere di Andrea La Rosa, 35enne milanese ex calciatore di serie C e neo direttore sportivo del Brugherio calcio (Monza), scomparso il 14 novembre scorso. I due sono stati interrogati a lungo dai carabinieri dopo che nel bagagliaio dell'auto di cui la donna era alla guida era stato rinvenuto, ieri, il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa. La vettura era stata notata dai militari lungo la Milano-Meda, all'altezza del Comune di Varedo. L'auto era ferma, la donna stava tentando di liberarsi del cadavere.(ANSA).

09:00Molestie: Usa, Dustin Hoffman accusato da altre due donne

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - Dustin Hoffman sempre piu' nella bufera, con nuove accuse di molestie sessuali rivolte da diverse donne. Una di queste racconta di essere stata abusata quando aveva solo 16 anni in un hotel di New York. Cori Thomas, questo il nome della ragazza, era allora una compagna di classe della sorella dell'attore che invito' le due ragazze nella sua stanza d'albergo per una cena. Quando la sorella di Hoffman ando' via - racconta Thomas - l'attore si ando' a fare una doccia e ritorno' con indosso solo un asciugamano che all'improvviso si tolse facendosi vede nudo. Hoffman chiese poi alla ragazza di massaggiargli i piedi. Un'altra donna, Melissa Kester, racconta invece come l'attore prese la sua mano e la infilo' nei suoi pantaloni mentre erano nello studio di registrazione. Hoffman, 80 anni, vincitore del premio Oscar, e' stato gia' accusato di molestie nelle settimane scorse dall'attrice Anna Graham Hunter che all'epoca dei fati, nel 1985, aveva 17 anni.

08:55Casa Bianca, Trump ha parlato al telefono con Putin

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Il presidente americano Donald Trump ha parlato al telefono nelle ultime ore col presidente russo Vladimir Putin. Lo rende noto la Casa Bianca, che per il momento non informa sui contenuti del colloquio telefonico.

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

Archivio Ultima ora