Bce: ecco cosa è il Quantitative easing

banca_europeana_shuttestock_a45b82f2f7

ROMA. – La Banca Centrale Europea lavora al lancio del quantitative easing (Qe), un piano di acquisti di titoli di Stato mirato a far risalire l’inflazione nell’Eurozona e a rilanciare domanda e crescita. Il programma dovrebbe essere annunciato dal presidente Mario Draghi al termine della riunione di politica monetaria di giovedì prossimo. Ecco di seguito una scheda su questo nuovo strumento non convenzionale della Bce: Quantitative easing significa letteralmente ‘allentamento quantitativo’ e viene ritenuto l’arma finale a disposizione della Banca centrale europea dopo le misure extra su Abs e covered bond, o i maxi finanziamenti Ltro e Tltro. In sostanza, la banca si pone come investitore sulla propria economia e diventa acquirente di beni (generalmente titoli di Stato) con denaro creato “ex-novo” per stimolare la crescita economica. Il Qe serve infatti a inondare il sistema di liquidità attraverso l’acquisto massiccio di titoli di Stato e altre attivita’ finanziarie dalle banche per immettere denaro fresco nell’economia europea, incentivare i prestiti bancari verso le imprese e far crescere l’inflazione. La Bce potrebbe optare per un QE iniziale da 500 miliardi lasciando la porta aperta a ‘tranche’ successive. L’operazione dovrebbe creare in pochi mesi 1.000 miliardi di euro di moneta, con un conseguente deprezzamento dell’euro per via dell’aumento del quantitativo in circolazione, e creazione di inflazione. Altro effetto è l’abbassamento del costo dei prestiti: l’acquisto da parte della banca dovrebbe far aumentare la domanda dei titoli e, allo stesso tempo, ridurne i costi, facilitando così l’accesso al credito. Il Qe è ampiamente utilizzato dalla Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti che dopo la crisi dei mutui subprime e il crack di Lehman Brothers ha varato ben tre edizioni del programma. La Banca d’Inghilterra sta portando avanti stabilmente un piano di acquisti da 375 miliardi di sterline e la banca del Giappone ha recentemente ampliato il proprio programma portandolo a 91 mila miliardi di yen.

Condividi: