Russia e Capello verso una rescissione da 25 milioni

capello

MOSCA. – Tira aria di bufera sulla Federcalcio della Russia, Paese che organizzerà i Mondiali di calcio nel 2018: oggi scade il termine stabilito dall’ ispettorato del lavoro per il pagamento degli stipendi arretrati a Fabio Capello come allenatore della nazionale di calcio russa. Solo un colpo di scena potrebbe consentire di rispettare una scadenza che l’Unione non puo’ onorare perche’ senza soldi in cassa.  In caso di insolvenza, scattera’ una nuova ispezione che potrebbe portare alla sospensione sino a tre anni del presidente della Federcalcio russa, Nikolai Tolstikh: sarebbe un brutto colpo di immagine per il Paese che ospitera’ i prossimi Mondiali. Dopo la precedente ispezione, a novembre, a Tolstikh era stata gia’ inflitta una multa di 4000 rubli (70 euro) e all’unione calcistica di 40 mila. Ma Capello, come ipotizza un suo conoscente citato dal quotidiano economico Vedomosti, potrebbe anche decidere a fine mese di recidere il contratto facendo scattare una penale da 25 milioni di euro e uno scandalo internazionale che richiederebbe l’intervento della Uefa. Tanto che oggi alcuni rumors collegano l’annunciato incontro serale a Mosca tra il presidente della Uefa, Michel Platini, e Tolstikh con la questione dello stipendio di ‘don Fabio’. Viaceslav Koloskov, presidente onorario dell’Unione calcistica russa, nega: ”e’ assurdo”. Il tecnico friulano avanza lo stipendio dallo scorso giugno, come il suo braccio destro Oreste Cinquini, mentre ad altri suoi collaboratori, come Christian Panucci, non e’ stato rinnovato il contratto. Dopo la mancata qualificazione agli ottavi dei mondiali brasiliani (due pareggi e una sconfitta in un girone non impossibile), Capello e’ finito nel mirino della stampa russa, dei tifosi e del mondo politico, anche per il suo contratto stellare: secondo i media, 5-6 milioni di euro l’anno nel primo contratto biennale firmato nel 2012 e 8 milioni di euro l’anno nel rinnovo dello scorso gennaio sino ai prossimi mondiali. Cifre che fanno di Capello uno dei 5 allenatori piu’ pagati al mondo, e quello piu’ pagato se si considera una nazionale. Ma sono sempre di piu’ quelli delusi da una squadra opaca, che non produce ne’ gioco ne’ risultati.

Condividi: