Obama canta vittoria. L’America è tornata, risorta dalla crisi

Pubblicato il 20 gennaio 2015 da redazione

 

President Obama Holds Press Conference at the White House

NEW YORK. – L’America è tornata, risorta dalle ceneri della crisi. La rinascita della sua economia è reale e traina una ripresa mondiale che ancora stenta a decollare. Per la prima volta, dopo sei anni alla Casa Bianca, Barack Obama abbandona ogni prudenza e canta vittoria. Alla fine del 2008 diventò presidente con gli Stati Uniti sull’orlo della bancarotta e, adesso che inizia il settimo anno del suo mandato, può dire di aver vinto la sfida più grande. Chi si aspettava un presidente versione ‘anatra zoppa’ è destinato a rimanere deluso. L’attesissimo discorso sullo stato dell’Unione, il sesto di Obama, è tutto all’attacco. Come all’offensiva vogliono essere gli ultimi due anni a Pennsylvania Avenue. Un discorso che rappresenta l’ultima chance di lasciare il segno, un’eredità importante, oltre che indicare la strada a chi tra i democratici correrà per la sua successione. Un intervento, dunque, con gli occhi inevitabilmente rivolti al 2016. Dalla svolta nelle relazioni con Cuba alla rivoluzione fiscale, dai grandi temi di politica internazionale – in primis la lotta all’Isis e al terrorismo internazionale – a quelli di politica interna, Obama lancia la sfida al nuovo Congresso in cui le due Camere sono ora in mano alla destra. Si appella al compromesso ove possibile. E chiede ai repubblicani, che in questi anni lo hanno ostacolato su tutto, di farsi finalmente avanti e di assumersi le proprie responsabilità, ora che hanno i numeri per decidere. Sa di metterli in difficoltà, perché dalla riforma dell’immigrazione a quella delle tasse sui più ricchi e delle agevolazioni per le famiglie della middle class, in gioco c’è il voto di milioni e milioni di americani. E i repubblicani, dopo gli schiaffi del 2008 e del 2012, non possono più permettersi di sbagliare, di lasciarsi andare a derive da Tea Party. Per Obama, innanzitutto, è ora di entrare in nuova fase: quella in cui tutti i cittadini americani – non solo i più ricchi e le grandi imprese – possano beneficiare della ripresa economica. Quella ripresa ancora poco percepita nella classe media e nella fascia di popolazione più povera. Nonostante il pil sia tornato a crescere oltre il 5% e il tasso di disoccupazione sia sceso al 5,6%. Ecco dunque “l’operazione alla Robin Hood”, come è stata ribattezzata, con un aumento del prelievo sui dividendi e sui capital gain per chi guadagna più di 500 mila euro l’anno, un’imposta sui trust creati dai super ricchi per non pagare tasse di successione e un incremento del prelievo sulle grandi banche e società finanziarie. Un’operazione da 320 miliardi di dollari in 10 anni, di cui 235 andranno a coprire sgravi per le famiglie con figli e misure come college gratis e malattia e congedi parentali retribuiti. Forte la spinta che il presidente vuole dare anche alla sua agenda sociale, dall’aumento del salario minimo alla questione razziale a quella delle nozze gay, oramai in mano alla Corte Suprema. Sul fronte della politica estera Obama vuole invece essere ricordato come il presidente che ha abbattuto uno degli ultimi muri della guerra fredda: l’obiettivo è la fine dell’embargo verso Cuba entro la fine della sua presidenza, nel 2016. Ma per entrare nella storia c’è anche la strada che porta a una nuova era di relazioni con la Cina e, soprattutto, quella dell’Iran, con cui Obama vuole fortemente un accordo, promettendo il veto su nuove proposte di sanzioni. Veto minacciato anche su ogni modifica che i repubblicani dovessero proporre sul decreto con cui sono stati regolarizzati oltre 4 milioni di clandestini e sulla riforma sanitaria dell’Obamacare. Tra gli ospiti invitati allo State of the Union e seduti vicino alla first lady Michelle, persone che simboleggiano i successi raggiunti da Obama: dall’ex contractor Alan Gross detenuto per 5 anni a Cuba e il cui rilascio ha dato il via al disgelo tra Washington e L’Avana a una dipendente della Fiat Chrysler, simbolo del salvataggio del settore dell’auto che rappresenta uno dei fiori all’occhiello del presidente. (Ugo Caltagirone/Ansa)

Ultima ora

19:36Funerale Riboldi: vescovo Acerra,è stato profeta di speranza

(ANSA) - ACERRA (NAPOLI), 13 DIC - "Il nostro don Antonio è stato un profeta, ha dato speranza al suo popolo, ha insegnato ai 'senzatutto' ad alzare la testa grazie al Vangelo e alla denuncia profetica". Così il vescovo di Acerra, Antonio Di Donna, durante l'omelia funebre per il suo predecessore Antonio Riboldi, vescovo emerito della città morto a Stresa nei giorni scorsi, che sarà tumulato nella cattedrale cittadina come da suo desiderio. Di Donna ha ricordato l'impegno di Don Riboldi per i terremotati della valle del Belice, e quello anticamorra ad Acerra. "Fino all'arrivo di Don Riboldi di camorra si parlava sottovoce - ha aggiunto il presule - lui si è esposto, l'ha fatto con la camorra, con le Br insieme al cardinale Martini, l'ha fatto per l'ambiente quando la camorra iniziava ad interrare ad Acerra i rifiuti tossici e forse questo è stato il suo più grande rammarico, perché non ha capito in tempo cosa stava succedendo".

19:31PyeongChang 2018: Malagò, se in doppia cifra facciamo molto

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Obiettivi per PyeongChang? Se andiamo in doppia cifra facciamo molto, poi bisogna capire la qualità del metallo che è sempre legata a tante variabili". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, che in vista dei prossimi giochi invernali di PyeongChang 2018 alza l'asticella rispetto alle edizioni precedenti. "A Torino avevamo il vantaggio di giocare in casa e non fa testo - spiega il capo dello sport italiano a margine della festa di fine anno delle Fiamme Gialle al Salone d'Onore del Foro Italico -, a Vancouver abbiamo vinto cinque medaglie, a Sochi ne abbiamo vinte otto e negli ultimi giorni ne abbiamo rimediata un'altra per strada per la squalifica dell'atleta russo. Se a PyeongChang arriviamo in doppia cifra facciamo molto".

19:07Calcio: Atalanta, 4-1 in amichevole al Renate

(ANSA) - BERGAMO, 13 DIC - L'Atalanta ha vinto 4-1 l'amichevole d'allenamento contro il Renate (girone B della serie C) degli ex Oscar Magoni (direttore sportivo), Giuseppe Ungaro e Antonio Palma (infortunato il secondo prestito, Gabriel Lunetta). A segno, tutti nel primo tempo, Vido (1') su filtrante di Haas, Cornelius (5') di testa su traversone di Gosens, lo svizzero in spaccata (29') dopo il palo di Kurtic, Guido Gomez in diagonale per gli ospiti (38') e Orsolini (43') su rigore procurato dal tedesco. In campo anche i Primavera Guth, Del Prato, Kulusevski e Barrow; il tecnico Gian Piero Gasperini ha risparmiato tutti i titolari di ieri a Genova provando il 4-2-3-1.

19:02Sci: Sofia Goggia atleta dell’anno Fiamme Gialle

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Va alla sciatrice Sofia Goggia il premio di atleta dell'anno 2017 delle Fiamme Gialle. Il riconoscimento è stato reso noto oggi durante il tradizionale incontro di fine anno che si è svolto al Salone d'Onore del Coni alla presenza delle massime istituzioni sportive e del presidente Giovanni Malagò. Vera rivelazione della stagione invernale 2016-2017 con i suoi 13 podi in Coppa del Mondo e il bronzo conquistato nello slalom gigante di St. Moritz, Sofia Goggia è stata capace anche di salire sul podio in quattro delle cinque discipline dello sci alpino: discesa libera, super G, combinata e slalom gigante. Durante l'evento, organizzato da Unipol Sai, sono stati consegnati anche i premi alla carriera a quattro grandi atleti delle Fiamme Gialle che terminano l'attività agonistica: Luca Agamennoni, Elisabetta Sancassani, Laura Milani e Giulia Quintavalle, storico oro nel judo ai Giochi di Pechino 2008.

19:00Caccia a Igor: killer a processo per tre rapine del 2015

(ANSA) - BOLOGNA, 13 DIC - Si è aperto al tribunale di Ferrara il processo a Igor il russo, alias di Norbert Feher, il killer serbo latitante accusato degli omicidi del barista di Budrio, Davide Fabbri, e della guardia volontaria Valerio Verri. Feher - chiamato Vaclavic Igor anche nel ruolo di udienza fuori dall'aula e non con il suo vero nome - viene processato per tre rapine commesse nell'estate 2015, secondo l'accusa di procura, carabinieri e polizia, con la sua banda composta da Ivan Pajdek e Patrik Ruszo, che sono già stati condannati in abbreviato rispettivamente a 15 e a 14 anni. "Sto difendendo un fantasma, lo so. Un imputato che in questo processo è accusato solamente dai suoi presunti complici, che lo indicano come capo della banda pur non ricordandone il nome (riferimento ai verbali di Pajdek e Ruszo, ndr)", ha detto l'avvocato Cristian Altieri, nominato da tempo d'ufficio. "Dove è Igor? - ha detto il legale - Me lo chiedono tanti giornalisti, ma non so cosa rispondere. Mai sentito né immagino dove possa essere". (ANSA).

18:57Calcio: Gagliardini, non possiamo mai abbassare guardia

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Avanti, con fatica. Dimostrazione che non possiamo abbassare la guardia, non possiamo mollare. Avanti e testa a sabato". Il centrocampista dell'Inter Roberto Gagliardini commenta su Twitter la partita di ieri di Coppa Italia contro il Pordenone vinta solo ai rigori dopo che i friulani sono riusciti a mantenere la porta e colpire anche un palo. Sabato l'Inter dovrà subito voltare pagina e sfiderà l'Udinese a San Siro con l'obiettivo di mantenere imbattibilità e primato in classifica.

18:50Rohani, Islam sia unito contro minaccia sionista

(ANSA) - ISTANBUL, 13 DIC - "L'Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme". Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit straordinario dell'Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. Lanciando un appello alla "unità islamica" contro "il pericolo del regime sionista" di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che "i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo".

Archivio Ultima ora