L’Opposizione alla ricerca di una sua “agenda politica”

Pubblicato il 21 gennaio 2015 da redazione

scarano-a-casa

Soddisfazione, tanta. Ma anche amarezza. Grande soddisfazione per la notizia del ritorno a casa dell’ex Sindaco di San Diego, il connazionale Enzo Scarano. Il Tribunale, dopo aver studiato attentamente i referti medici, ha concesso finalmente gli arresti domiciliari.

Il Sottosegretario degli Affari Esteri e alla Cooperazione Economica, Mario Giro, che si è speso personalmente per ottenere la libertà del politico italo-venezuelano, ha espresso profonda soddisfazione, anche a nome del governo Renzi, per la commutazione della pena. Gli arresti domiciliari sono senz’altro un castigo “meno afflittivo” della detenzione nel carcere di Ramo Verde.

– Avevamo chiesto più volte gli arresti domiciliari – ha detto il sottosegretario Giro -. Esprimiamo ora il nostro ringraziamento al Tribunale Supremo di Giustizia di Caracas per questa decisione. Ed effettivamente l’intervento del sottosegretario Giro, che ha realizzato più viaggi, anche a poca distanza uno dall’altro, è stato determinante.

Purtroppo però, i mesi di detenzione hanno inciso pesantemente sulla salute di Enzo Scarano, che, trascorrerà le ultime settimane della sua condanna – sarebbe uscito comunque dal carcere a febbraio – al calore dell’affetto familiare ma dovrà affrontare presto un intervento chirurgico.

Preoccupazione e amarezza restano invece per le sorti di Salvatore Lucchese, il capo della polizia di San Diego, tutt’ora nel carcere di Ramo Verde.

Il ritorno dell’ex sindaco di San Diego a casa coincide con un rinnovato dinamismo dell’Opposizione. Questa avrebbe deciso di abbandonare la sterile polemica con il Governo e il “chavismo”, pur senza rinunciare al dibattito, per dedicare le proprie energie alla costruzione di una “agenda politica” propria. Una strategia, questa, che obbligherebbe il “governo”  a giocare in difesa e non più in attacco. Insomma, l’Opposizione ha deciso di sparigliare le carte in tavola.

L’iniziativa dell’ex candidato presidenziale e Governatore dello Stato Miranda, Henrique Capriles Radonski, sarebbe orientata in tal senso. Ha esortato, infatti, l’Opposizione a creare un nuovo soggetto politico comune, di cui la “Mesa de la Unidad” sarebbe portavoce.

La conferenza stampa del leader dell’Opposizione, che stando alle agenzie demoscopiche contende il primo posto della “top ten” degli esponenti politici nazionali a Leopoldo Lòpez, ha spiazzato il Governo, trovandolo completamente impreparato. L’iniziativa di Capriles Radonski, a differenza di quanto accaduto fino ad oggi, non sarebbe orientata a ravvivare l’“anti-chavismo”  di una fetta importante dei venezuelani. E’ più propositiva. Pur senza archiviare completamente le vecchie strategie, che oggi risultano a dir meno riduttive, si avventura nella proposta di un fronte comune alla cui base non vi siano più i sentimenti “anti-chavistas” ma una concreta azione  di Governo. Insomma, come da anni consigliavano le menti più lucide dell’attivismo politico, di creare un programma nel quale possano riconoscersi le varie anime politiche del Venezuela: da quelle fortemente contrarie al “chavismo” a quelle, dentro al “chavismo” che sono meno radicali ma ancora credono nelle promesse iniziali dell’estinto presidente Chàvez. Dallo zoccolo duro dell’Opposizione, agli indecisi e ai delusi. Non sarà facile. Il cammino che parrebbe implicito nella proposta di Capriles Radonski è tutto in salita.

Il Governatore dello Stato Miranda, nel corso della conferenza stampa, non solo ha esortato all’unità ma ha anche severamente criticato il modello di sviluppo del governo del presidente Maduro. Un modello, a suo avviso, che castiga chi realmente produce e lavora e premia, invece, speculatori e parassiti. D’altronde, molti sociologi, economisti e psicologi coincidono nell’affermare che le politiche del “welfare”, necessarie per aiutare chi versa in condizione di povertà, hanno trasformato il Venezuela in una conveniente – per chi ha le redini del potere – società clientelare.

Brusco risveglio alla realtà. Stando all’ex candidato alla presidenza, la caduta dei prezzi del petrolio, ormai sotto i 40 dollari il barile, non sono all’origine della crisi economica ma hanno contribuito a renderla più drammatica. Ed è proprio la crisi economica il telone di fondo nel quale si sviluppa la trama politica del Paese. “Chavismo” e Opposizione devono superare enormi difficoltà.

Il “chavismo”, pur mostrando una grande compattezza, comincia a evidenziare crepe importanti. Dopo il “ciclone Giordani” il movimento si è compattato attorno all’immagine del presidente Maduro, ma le ferite non sono cicatrizzate. Il “chavismo”, dopo anni di promesse, appare logoro. La popolarità del capo dello Stato ha subito una debacle importante e quella dei suoi esponenti pare condannata a seguire lo stesso cammino. Ma ciò che preoccupa oggi gli esponenti del Governo e chi lo sostiene è la possibilità di una sconfitta nel prossimo appuntamento elettorale. Ovviamente, in un Paese presidenzialista, un parlamento costituito da una maggioranza di esponenti dell’Opposizione, può azzoppare il Governo ma non lo priva del potere.  Il timore di una sconfitta elettorale, comunque, potrebbe essere l’elemento catalizzatore del “chavismo” che a suo vantaggio ha un’importante capacità organizzativa e di lavoro.

L’Opposizione, dal canto suo, deve sconfiggere i propri demoni. L’avversario più pericoloso non è il “chavismo” ma la guerra interna fra fazioni. La presenza di un programma comune sul quale tessere le alleanze e la necessità di presentarsi compatti di fronte all’elettorato potrebbe essere, anche in questo caso, la diga di contenzione alle aspirazioni dei vari leaders.

Domani, se non vi saranno ripensamenti d’ultim’ora, il presidente Maduro, in Venezuela dopo un lungo periplo nei paesi del Medio Oriente, dovrebbe spiegare ai venezuelani cosa ha dato e cosa ha ottenuto il Venezuela e illustrare i provvedimenti economici orientati ad affrontare la crisi del paese. In questa occasione, se trovano conferma le voci di corridoio, verrà annunciato l’aumento della benzina e la svalutazione della moneta. Sono provvedimenti necessari e sempre rimandati per ragioni di convenienza politica. Ma sembra che ormai la realtà economica non ammetta più proroghe. C’è sempre, poi, chi spera in un giro di boa nella strategia economica del Governo.

(Mauro Bafile)

Ultima ora

06:52Venezuela, elicottero attacca sede ministero a Caracas

(ANSA) - CARACAS, 28 GIU - Un elicottero della polizia ha attaccato le sedi del Ministero dell'Interno della Corte suprema a Caracas, sparando e lanciando due granate. L'agente responsabile del gesto ha anche pubblicato sui social un video-manifesto in cui chiama all'unione tra militari e popolo contro Maduro. Secondo il presidente, il poliziotto sarebbe collegato all'ex governo Chavez. La capitale venezuelana è stata blindata con un massiccio dispiegamento di forze di sicurezza. Il governo parla di "attacco terrorista".

00:17Europei U21: Calabria, in partita fino all’espulsione

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Tutti noi abbiamo disputato una grande partita, ma la Spagna è forte. Abbiamo gicoato alla pari fino all'espulsione di Gagliardini, in 10 contro 11 si è fatta sentire la fatica e loro hanno avuto il sopravvento. Tuttavia, usciamo a testa alta da questo torneo". Così Davide Calabria, in campo per la squalifica di Conti, parlando ai microfoni della Rai, commenta il ko contro gli spagnoli, nella semifinale dell'Europeo Under 21, a Cracovia. "Potevamo andare in finale, l'avremmo meritato - conclude - nella nostra squadra ci sono buoni giocatori. Il mercato? Nessuno di noi ci ha pensato". (ANSA).

23:54Cosentino: giudici in motivazioni Eco4, patto con il clan

(ANSA) - CASERTA, 27 GIU - "Convergenti elementi di prova indicano attendibilmente che Nicola Cosentino, sin dall'inizio della sua carriera politica, ha goduto del sostegno elettorale del clan dei Casalesi, segnatamente del gruppo Bidognetti sin dalle elezioni comunali del 1978 e anche del gruppo Schiavone a partire dalle elezioni regionali del 1995". Così i giudici del collegio del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ricostruiscono la "carriera politica" dell'ex sottosegretario all'Economia del Governo Berlusconi, in uno dei passaggi chiave delle motivazioni (di 597 pagine) della sentenza di condanna a 9 anni di carcere emessa il 17 novembre scorso, e depositate qualche giorno fa. Si tratta del processo cosiddetto Eco4, in cui la Dda di Napoli ha contestato all'ex politico di Casal di Principe il ruolo di "referente politico nazionale del clan dei Casalesi"; un "teorema confermato" dalla condanna per concorso esterno in associazione camorristica. L'ex uomo forte del Pdl in Campania è agli arresti domiciliari a Caserta.

23:44Morto Luigi Pedrazzi, fu tra i fondatori del Mulino

(ANSA) - BOLOGNA, 27 GIU - E' morto Luigi Pedrazzi, politologo, tra i fondatori della rivista Il Mulino. Aveva 89 anni. Tra le voci più influenti del pensiero politico cattolico di centrosinistra, è stato anche protagonista della stagione dell'Ulivo. Ex vicesindaco a Bologna durante l'amministrazione di Walter Vitali, nel 2014 ricevette l'Archiginnasio d'oro conferito dal Comune come "personalità che si è distinta nel campo della cultura e della scienza". (ANSA).

23:35Europei U21: Di Biagio,dopo 4 anni di azzurro zero rimpianti

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - "Abbiamo disputato un buonissimo primo tempo, certo che ha influito il cartellino rosso a Gagliardini, a quel punto è diventato tutto più complicato. Loro palleggiano bene in 11 contro 11, figuriamoci con l'uomo in più. E' stato tutto più semplice per loro, hanno avuto a quel punto il predominio del campo". Così Gigi Di Biagio ha commentato la sconfitta dell'Italia contro la Spagna, nella semifinale degli Europei Under 21, in Polonia. "I ragazzi sono stati fantastici - ha aggiunto - in me c'era la consapevolezza di poter arrivare in fondo. Il mio contratto? E' l'ultimo dei problemi. Vedremo. Non ho rimpianti, l'obiettivo era di rilanciare il calcio italiano, ci siamo riusciti, anche se è mancata la ciliegina sulla torta".

23:30Europei U21: Italia-Spagna 1-3, azzurrini eliminati

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - La Spagna batte l'Italia 3-1 e si qualifica per la finale dell'Europeo Under 21, in Polonia. Ha deciso una tripletta di Saul Niguez, dopo che Bernardeschi aveva firmato il momentaneo 1-1. Ma ha deciso soprattutto l'espulsione di Gagliardini, per somma di ammonizioni. Gli spagnoli venerdì se la vedranno contro la Germania, per il titolo continentale di categoria.

22:59Calcio: Inter annuncia, accordo col Siviglia per Banega

(ANSA) - MILANO, 27 GIU - L'Inter ha annunciato sul proprio sito online di avere trovato l'accordo con il Siviglia per la cessione del centrocampista Ever Banega. "Inter e Sivigliaß- si legge - hanno raggiunto un accordo di massima per il trasferimento di Ever Banega in Spagna, che diventerà effettivo dopo la sottoscrizione del contratto del calciatore e il superamento delle visite mediche". Il club nerazzurro incasserà circa 9 milioni, generando una plusvalenza di circa 5 milioni.

Archivio Ultima ora