Caos Yemen, gli Usa fermano i raid contro al Qaida

Pubblicato il 24 gennaio 2015 da redazione

Tribal gunmen in Yemen oil-rich province

NEW YORK. – A Washington c’e’ grande preoccupazione per la situazione in Yemen. Non solo per l’incolumità degli ultimi americani rimasti nel Paese, a partire dal personale diplomatico, ma per le ripercussioni sulla lotta ad al Qaida nella Penisola Arabica. Come rivela il Washington Post citando fonti dell’amministrazione Obama, infatti, gli Stati Uniti in queste ore di caos e di incertezza sono stati stati costretti a sospendere tutte le operazioni antiterrorismo condotte fino ad ora con le autorita’ yemenite. Un duro colpo sul fronte dell’offensiva ad alcuni dei gruppi piu’ pericolosi tra quelli legati ad al Qaida. Restano per il momento dispiegati nel sud dello Yemen i droni armati con cui la Cia e il Pentagono conducono i raid contro le roccaforti dei terroristi. Anche se i servizi di intelligence yemeniti che forniscono le informazioni necessarie per queste operazioni sono oramai in mano al gruppo sciita che ha preso il potere a Sana’a. Nella capitale yemenita oggi sono scesi in piazza almeno 20.000 dimostranti contro i ribelli sciiti Houthi e altre migliaia di persone hanno manifestato nelle città di Taiz e Ibb. E la situazione in Yemen sara’ uno dei temi principali al centro dei colloqui che Barack Obama avra’ col nuove re dell’Arabia Saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud. L’incontro e’ previsto per martedi’, quando il presidente americano volera’ a Riad per rendere omaggio al deceduto sovrano Abdullah. Un segno di grande rispetto e attenzione della Casa Bianca verso un Paese che e’ sempre stato considerato un “alleato speciale” per Washington, il principale partner degli Usa nel mondo arabo. Anche se gli eccellenti rapporti dell’era Bush si sono decisamente raffreddati nell’era Obama. Quest’ultimo lo sa bene, e spera di rilanciare le relazioni col nuovo re Salman e con la nuova generazione di principi sauditi pronta a giocare un ruolo sempre più da protagonista nel grande paese arabo. Non sara’ facile. Tante le questioni su cui Stati Uniti e Arabia Saudita negli ultimi anni si sono divisi: dalle primavere arabe all’Iran, dalla Siria ai recenti casi di giornalisti e blogger condannati da Riad anche con la pubblica fustigazione. Ma la principale preoccupazione in questi giorni e’ appunto lo Yemen, vicino di casa dei sauditi, dove la presa del potere da parte dei miliziani sciiti di Houthis (un gruppo simile agli Hezbollah libanesi) preoccupa tantissimo anche il gigante arabo. Riad e’ per la linea dura, e ha gia’ tagliato i fondi per 4 miliardi di dollari destinati annualmente al governo di Sana’a. Mentre gli Usa – secondo molti ossservatori – sarebbero piu’ propensi a cercare un’intesa con gli sciiti, almeno sul fronte della lotta ad al Qaida. Tante le altre questioni che dividono Usa e Arabia Saudita: lo scetticismo di questi ultimi sul negoziato con l’Iran, e l’accusa ad Obama di non aver fatto abbastanza per destituire Assad in Siria, al contrario di quanto fatto in Egitto con Mubarak. Da parte loro gli Usa rinfacciano a Riad il rapporto ambiguo con alcuni gruppi qaedisti. Una decina di anni fa – ricorda il New York Times – un diplomatico saudita disse: “Il legame tra Stati Uniti e Arabia Saudita e’ come un matrimonio cattolico: non ci puo’ essere divorzio”. Oggi quelle parole sembrano appartenere a un’altra epoca. Anche se e’ innegabile che i due Paesei abbiano sempre bisogno l’uno dell’altro. Riad conta sempre sull'”ombrello militare” Usa. E Obama non puo’ sottovalutare il ruolo fondamentale che l’Arabia sta giocando per la ripresa dell’economia americana, mantenendo elevata la produzione di greggio e dunque bassi i prezzi del petrolio. (di Ugo Caltagirone/ANSA)

Ultima ora

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

Archivio Ultima ora